Scoperto un fungo di un miliardo di anni può cambiare la nostra visione dell’evoluzione della vita

Gli scienziati hanno scoperto funghi fossilizzati di un miliardo di anni in Canada.

La scoperta potrebbe rimodellare la nostra comprensione di come la vita si è evoluta sulla Terra.

La scoperta

Corentin Loron dell’Università di Liegi in Belgio e i suoi colleghi hanno esaminato i microfossili scoperti per determinare la composizione chimica delle loro cellule.

Loading...

Hanno notato la presenza di chitina, una sostanza fibrosa che si forma sulle pareti cellulari dei funghi.

Poi ha esaminato l’età della roccia in cui i fossili sono stati trovati attraverso il suo rapporto di elementi radioattivi, concludendo che i funghi avevano tra i 900 milioni e un miliardo di anni.

Evoluzione

Finora, i primi funghi conosciuti – organismi come funghi, muffa e lievito – avevano circa mezzo miliardo di anni.

esemplari fossili recenti analizzati con la tecnologia più recente di datazione, sembrano anticipare l’arrivo dei funghi sul pianeta e metterli nei primi posti del tram della vita terrestre.

La scoperta è significativa perché, “nell albero della vita”, i funghi fanno parte dello stesso gruppo di organismi – noti come eucarioti – di piante e animali. “Se i funghi fossero già stati  presenti da circa 900 milioni a un miliardo di anni, anche gli animali dovrebbero esserlo”, ha detto Loron all’AFP.

La scoperta può quindi rimodellare la nostra visione del mondo. Questo lontano passato, benché molto diverso da oggi, potrebbe essere stato molto più “moderno” di quanto pensassimo.

Funghi

I funghi sono tra gli organismi più abbondanti del pianeta – sono il terzo più grande contributo alla biomassa globale, dopo piante e batteri.

 

Tutti i funghi insieme sono sei volte più pesanti della massa di tutti gli animali messi insieme, compresi gli umani.

Un articolo sulla scoperta è stato pubblicato sulla rivista Nature . [ Fis ]

Fonte: hypescience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...