Cose strane e inspiegabili della scienza: la stella che è vissuta prima del Big Bang?

Non è un nome molto accattivante, ma la stella SDSS J102915 + 17297  dispone di una caratteristica unica nella storia delle sue origini inspiegabili e un pò misteriose.

Situata nella costellazione del Leone, la stella in questione, nota come stella Caffau si è formata circa 13 miliardi di anni fa, che la rende una delle più antiche del nostro universo conosciuto. Tuttavia, gli astronomi sono ancora confusi su come è nata ed è sopravvissuta così a lungo.

Scoperto un superstite

La stella è stata avvistata per la prima volta attraverso il Very Large Telescope, in Cile. Il nome “Stella Caffau” è stato dato in onore di Elisabetta Caffau, del Centro di Astronomia presso l’Università di Heidelberg e dell’Osservatorio di Parigi. E ‘stata anche l’autore principale di uno dei primi articoli su una stella.

Loading...

Dato che questa stella è stata scoperta?

Quando era stato eseguito un censimento dettagliato dell’universo gli scienziati hanno notato qualcosa di diverso sulla composizione di quella particolare stella.

Le stelle sono costituite principalmente da idrogeno ed elio con una piccola quantità di elementi più pesanti (metalli). Stranamente, la stella Caffau ha 20 000 volte meno metalli rispetto alle stelle tipiche.

Hans-Günter Ludwig ricercatore che ha lavorato allo studio di questa grande scoperta, ritiene che la mancanza di litio è particolarmente “interessante”.ci suggerisce che la stella può essere solo diversa, un’eccentricità dell’universo.

Che cosa è normale

E ‘normale che le stelle hanno diverse composizioni per quanto riguarda le quantità di metalli. Stelle come il nostro sole, per esempio, classificate come “popolazione io” sono relativamente giovani. Di solito hanno circa 4,5 miliardi di anni, e sono composte  intorno al 2-3% di metalli.

Poiché le stelle più vecchie sono classificate come “Popolazione II” e hanno una parte tra lo 0,01% e lo 0,1% di metalli. Queste stelle rappresentano i due tipi che siamo in grado di osservare.

C’è un’altra popolazione di stelle, però, che probabilmente non vedremo mai. Le stelle in questione non hanno questi metalli nella loro composizione e sono classificate come “Popolazione III”.Tuttavia, come detto in precedenza, questa è solo una teoria, perché non sono mai state osservate.

Ma perché non sono mai state osservate?

A causa delle enormi dimensioni  i ricercatori credono che le stelle di popolazione III hanno  bruciato rapidamente il loro combustibile quando l’universo era solo all’inizio.

Così, se la stella Caffau  è in realtà una stella di Popolazione III, gli astronomi non hanno alcuna idea di come è potuta sopravvivere così a lungo.

Caffau e la formazione stellare

Il Big Bang ha portato alla creazione dei primi elementi che (eventualmente) hanno formato l’universo. Idrogeno, elio e litio erano gli elementi preponderanti , di conseguenza, questi sono quelli che compongono le prime stelle.

Le stelle bruciato rapidamente e la  pressione e calore intenso portato alla formazione di elementi come il carbonio e l’ossigeno.

Tuttavia, non c’è carbonio o ossigeno presente nella stella Caffau. Inoltre, il litio, noto per essere un elemento abbondante nell’universo in quel momento, è privo nella fotosfera della stella, che è insolito.

C’è una possibile risposta?

Uno studente alla Pennsylvania State University negli Stati Uniti, potrebbe aver risolto il mistero della stella. Nick Rufus e il suo insegnante, Timothy Lawlor, suggeriscono che la stella non rientra in nessuna delle popolazioni stellari precedentemente considerate.

Invece, sarebbe in fase subgigante dell’evoluzione e quindi sarebbe molto superiore a quanto inizialmente osservato.

Quando una stella esaurisce l’idrogeno nel nucleo e inizia a bruciare idrogeno in un guscio intorno ad al nucleo aumenta l’elio, si accende, si espande e diventa un “subgigante”. Questo è qualcosa che accade di solito quando una stella diventa una gigante rossa.

Ruff sospettava che osservando la composizione con litio, la stella sarebbe stata significativamente minore in massa, ma non era previsto sulla base della temperatura.

Oltre a queste osservazioni, si considerano anche altre variabili, come ad esempio gli effetti della sedimentazione gravitazionale, elemento di diffusione e forzatura radiativa. Questi avrebbe un impatto significativo sulla mancanza di metalli presenti in Caffau.

Importanza

L’esistenza della stella Caffau  sostiene un’idea interessante: forse il Big Bang non è un evento così straordinario.

Invece, vi possono essere più raffiche che si verificano periodicamente.

Così la stella Caffau può essere stata presente prima dell’esplosione che ha dato i natali a molti degli oggetti nel nostro universo conosciuto.Questo spiegherebbe perché la sua composizione non corrisponde molto bene con le stelle che conosciamo e sarebbe stato il punto di partenza di un ragionamento estremamente intrigante.

Tuttavia, altre prove sembrano smentire questa idea.

Alcuni ricercatori ritengono che c’è stato solo un Big Bang (nel nostro universo osservabile, almeno). Questa esplosione è avvenuta in tutti i posti contemporaneamente, perché le prove che vediamo è che tutto nell’universo (in grandi scale di distanza) si sta allontanando da tutto il resto. Per di più il Big Bang, allora probabilmente lo vedremmo con alcune galassie lontane in movimento verso l’altro, o per lo meno un rapporto più complesso tra la distanza degli oggetti che vediamo nelle velocità alle quali sembrano allontanarsi da noi.

Dalla scoperta della stella Caffau, gli astronomi hanno individuato altre stelle simili, che li hanno costretti a ripensare lo scenario di formazione stellare.[fromquarkstoquasars]

 

Fonte:http://hypescience.com/coisas-estranhas-inexplicaveis-da-ciencia-estrela-que-viveu-antes-big-bang/

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

 Pianetablunews lo trovi anche su google plus
 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.