Trovato relitto romano di 2.000 anni con carico di intestini di pesce salati e fermentati

Archeologi italiani hanno individuato un naufragio del secondo secolo dC che trasportava 3.000 vasi di creta riempiti con salsa di pesce romana fatta dalla fermentazione di intestino di pesce salato.

La salsa di pesce o garum non può sembrare appetitosa per la gente moderna, ma gli antichi la trovavano delizioso e la mangiavano nei banchetti. E ‘stata venduta anche in strada su bancarelle alimentari in tutto l’impero romano. E ‘stata molto nutriente ed era una fonte di quello che oggi chiamiamo glutammato monosodico, un esaltatore di sapidità.

Loading...

Gli archeologi, guidati da Simonluca Trigona, hanno trovato la nave a 200 metri di profondità dopo che un pescatore ha trascinato frammenti di anfore nelle sue reti nel 2012 a circa 8 chilometri al largo di Alassio sulla costa ligure.

Gli archeologi sapevano quello che contenevano le anfore perché i vasi erano di un tipo utilizzato solo per salsa di pesce. Ma il relitto aveva anche alcuni vasi che ritengono sono stati prodotti intorno al fiume Tevere a Roma e che potrebbero essere stati destinati per trasportare il vino alla penisola iberica.

La nave era lunga 25 metri di lunghezza. “Molto probabilmente ha navigato da Roma lungo il Tevere ed è affondata un paio di settimane più tardi,  il viaggio di ritorno era appesantito dalla salsa di pesce,” il Dott Trigona ha detto a TheLocal.it.

“E’ una delle  cinque navi romani trovate più in profondità nel mare tra le navi romane che si trovano nel Mediterraneo e la prima ad essere trovata al largo della costa della Liguria.”

Gli archeologi hanno fatto una ricerca minuziosa per trovare il punto del naufragio, ci sono voluti due anni per trovare il relitto.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno avuto un notevole successo nel recupero di reperti ben conservati di relitti, utilizzando tecnologie sofisticate come i veicoli di manovra a distanza, apparecchiature per la cartografia sonar e l’analisi genetica. Una scoperta era di un antico condimento per l’insalata (olio di oliva aromatizzato con origano) in un naufragio di 2.400 anni al largo dell’isola greca di Chios.

Nel 2012, un’altro naufragio di 2.000 anni fa , questo al largo della costa di Varazze, è stato trovato con vasi di creta sigillati e gli scienziati pensavano che potrebbero contenere conserve alimentari. Sommozzatori della polizia hanno identificato il relitto di 50 metri  sott’acqua dopo che i pescatori hanno segnalato di aver trovato numerosi pezzi di vecchie ceramiche nelle loro reti. Il relitto è stato sepolto nel fango, che lo teneva nascosto per secoli, aiutandolo anche a preservare  il suo carico, ivi compreso un numero di anfore. Le anfore erano ancora intatte con le protezioni di pino e passo (una specie di catrame), dando agli archeologi la speranza  che i contenuti sono rimasti ancora conservati.

Poi, nel 2013, un team di scienziati italiani ha condotto una analisi chimica di alcune antiche pillole medicinali romane rinvenute nel Relitto del Pozzino, una nave di 2000 anni, affondata al largo della costa della Toscana.

Su un naufragio con le pillole erano lampade che ha avuto origine in Asia Minore

Naufragio con pillole e lampade che hanno avuto origine in Asia Minore

I risultati delle analisi chimiche, che sono stati pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences, ha rivelato che le pillole contengono un numero di composti di zinco, così come ossido di ferro, amido, cera d’api, resina di pino e altri materiali di origine vegetale. Sulla base della loro forma e composizione, gli scienziati hanno suggerito che le compresse sono state utilizzate come un tipo di medicina dell’occhio.

Il relitto romano si trovava nei pressi dei resti della città etrusca di Populonia, che al momento in cui la nave  affonda era un porto chiave lungo le rotte commerciali tra mare ad ovest e ad est sul Mar Mediterraneo.

Il Relitto del Pozzino è stato scavato dalla Soprintendenza Archeologica della Toscana nel corso degli anni 1980 e ’90, rivelando una varietà di carichi affascinanti comprese lampade originarie dell’Asia minore, ciotole di vetro siro-palestinese, brocche in bronzo, vasi di ceramica per il trasporto di vino, di particolare interesse , i resti di una farmacia che contiene un gancio per intervento chirurgico, un mortaio, 136 fiale di droga in legno e diversi recipienti cilindrici di latta, uno delle quali conteneva cinque compresse medicinali circolari.

I vasi di stagno (dette pissidi) erano rimasti completamente sigillati, ciò  ha mantenuto le pillole a secco, offrendo l’opportunità di scoprire quali sostanze contenevano.

Foto di presentazione: Un subacqueo lavora su un altro antico naufragio al largo delle coste dell’ Italia, nel 2012

Fonte:http://www.ancient-origins.net/news-history-archaeology/divers-locate-2000-year-old-roman-wreck-cargo-fermented-salted-fish-020656

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

 Pianetablunews lo trovi anche su google plus
 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...