Le antiche origini delle devastanti e diabolicache guerre biologiche

La storia dipinge un quadro fosco degli effetti devastanti che la malattie, le contaminazione, o un veleno possono avere sugli esseri umani. Ma l’umanità dopo dure lezioni,esperienza,  ha di fatto sfruttato queste conoscenze per creare armi biologiche utilizzate contro i nemici fin dalla preistoria.

L’uso deliberato di agenti biologici contro i nemici è stato praticato più volte nel corso della storia per l’effetto letale.

Atti di antica guerra biologica rientrano generalmente in tre categorie: la contaminazione deliberata di fonti d’acqua e delle forniture alimentari con veleni o contagi; l’uso di tossine e microbi di piante e animali da utilizzare come arma; e l’infezione mirata di merci e persone con la malattia.

Loading...

Gli aborigeni hanno a lungo rivestito punte di freccia e punte di lancia con tossine di piante e animali, di rana o serpente. Nella preistoria le tossine sono state utilizzate per le armi da caccia per accelerare la morte dei nemici o prede. Mentre i vantaggi del veleno è diventato chiaro, gli strumenti e le armi sono state appositamente costruite per i veleni. Infatti, la parola “tossina” stessa deriva dal termine greco per veleno della freccia.

Il dardo nero zampe rana è una specie la cui secrezioni sono utilizzati nella preparazione di dardi avvelenati.  Luis Miguel Sánchez Bugallo, (CC BY-SA 3.0)

la rana dardo dalle zampe nere è una specie la cui secrezioni sono utilizzate nella preparazione di dardi avvelenati. Luis Miguel Sánchez Bugallo, (CC BY-SA 3.0)

I modi in cui le tribù, nazioni e civiltà hanno utilizzato gli agenti biologici contro i nemici sono  numerose, e comprendono un trattato indù di antica consulenza per avvelenare il cibo dei nemici,  gli scritti del secondo secolo aC in Cina sostenendo l’uso di una “nebbia- di caccia” attraverso la combustione di vegetali tossici e tattiche nell’antica Grecia incoraggiando inserimento in acquedotti vitali del fiore di Elleboro nocivo.

Strumenti di infezione, la malattia, la malattia e terrore

Nell’antichità c’era una comprensione incompleta sulla diffusione delle malattie, ma si credeva che i cadaveri in putrefazione di animali o dell’uomo erano fonte di contaggio. Arcieri Sciti immergevano le loro frecce in corpi in decomposizione e nelle feci-contaminate di sangue nel lontano 400 aC.

Dal 300 aC, greci, romani, e guerrieri persiani si diceva che contaminavano i pozzi d’acqua con le feci e carcasse di animali.

Nel 14 ° secolo, La Morte Nera, o la peste,  che ha colpito l’Europa, il Medio Oriente e il Nord Africa, con conseguenze  sanitarie disastrose  con la più ampio diffusione nella storia, uccidendo dai 75-200.000.000 di  persone. E ‘straziante rendersi conto che una parte della terribile pandemia è dovuta alle infezioni deliberate delle popolazioni durante la guerra.

I cadaveri sono stati gettati oltre le mura delle città assediate nel tentativo di terrorizzare, e di introdurre puzza insopportabile (l’odore stesso è stato pensato per trasportare la malattia), marciume, e l’infezione al nemico.

I cittadini di Tournai, in Belgio seppelliscono appestati.

I cittadini di Tournai, in Belgio seppelliscono appestati. Public Domain

Sulla base di un resoconto del 14 ° secolo del genovese Gabriele de ‘Mussi, si dice che nel 1343 una guerra scoppiata tra i Genovesi e i mongoli per il controllo delle rotte commerciali carovaniere tra il Mar Nero e l’Oriente. I mongoli attaccarono Caffa, una colonia genovese in Crimea, ma gli eserciti assediati dovettero fare i conti con la peste nera. Alla fine, i mongoli non potevano sostenere un attacco di lunga durata, ma prima di ritirarsi hanno lanciato “montagne” di  morti sulle pareti con l’intento di infettare tutta la città, con la sola puzza. Si dice che la peste ha divorato la popolazione all’interno delle mura della città. Questa brutta tattica è stata ripetuta molte volte da allora, ancora nel 1710, quando i russi assediavano le forze svedesi in Estonia avrebbero catapultato morti appestati nella città di Reval.

Bestie di guerra biologica

Gli animali hanno svolto un ruolo importante nella guerra biologica.

Essi non sono stati utilizzati solo come arma per uccidere e di guerra a causa dei loro veleni naturali, ma servivano anche come recipienti per la malattia e la peste.

Nella regione che oggi è la Turchia, il governo degli Ittiti volutamente lasciavano le pecore infettate nelle città nemiche nel 1325 aC. Le pecore portavano la tularemia, conosciuta come febbre del coniglio – una malattia pericolosa che oggi rimane incurabile. Quando la gente del posto mangiavano le pecore, l’infezione si diffuse a macchia d’olio, uccidendo molte persone.Una popolazione indebolita non è in grado di difendere una città.

Molto simile al leggendario racconto del cavallo di Troia, in cui una grande cavallo di legno ha permesso l’infiltrazione di soldati greci nella città di Troia e la definitiva sconfitta dei Troiani “, veri e propri cavalli, portatori di malattie sono stati scagliati da catapulta in attacchi  al castello di Thun L’Eveque nel nord della Francia nel 1340.

 

Il serpente velenoso appare nel mito e nella storia di tutto il mondo, e il condottiero cartaginese Annibale, ha utilizzato  il serpente come arma di bio-terrorismo. Nel 184 aC Annibale vinse la battaglia di Eurimedonte contro il re Eumene II di Pergamo. Il comandante aveva inserito serpenti velenosi in vasi di terracotta e li scagliò sui ponti delle navi nemiche. Quando vasi si rompevano, i serpenti  terrorizzavano  e colpivano  i nemici.

Dall’antica alla moderna guerra

La guerra biologica sarebbe stato usato deliberatamente dalle forze britanniche nei loro rapporti con i nativi americani nel 1763. Secondo la corrispondenza tra ufficiali britannici, coperte contaminate con il vaiolo sono stati volutamente date ai nativi americani durante i colloqui diplomatici per la guerra franco-indiana. Gli inglesi conosceva i nativi americani e sono stati particolarmente vulnerabili ai virus mortali, e il comandante generale britannico Sir Jeffrey Amherst ha ordinato l’uso di vaiolo, per evitare assedi delle fortezze britanniche dai nativi americani. La malattia ha notoriamente devastano le popolazioni indigene del Nuovo Mondo.

Iroquois nativi americani impegnati nel commercio con gli Europei, 1722.

Iroquois nativi americani impegnati nel commercio con gli Europei, 1722. Public Domain

In verità la guerra e  la storia del mondo, è stata plasmata dalla pratica  della guerra biologica. E ‘una tattica che rimane in uso oggi, con o senza i trattati, regolamentazioni  e leggi, per il motivo che è così efficace r devastante.

Foto di presentazione: Immagine di un manoscritto miniato raffigurante un assedio bizantino di una cittadella. Una tattica di antica guerra biologica era quello di scagliare cadaveri infetti sulle mura cittadine. Pubblico Dominio.

 

 

Fonte:http://www.ancient-origins.net/news-history/devastating-and-diabolical-ancient-origins-biological-warfare-003188

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.