I 10 paesaggi “alieni” sulla Terra

posti alieni

Abbiamo fatto enormi passi avanti verso la ricerca di pianeti extrasolari e il rilevamento di altri mondi nel nostro sistema solare. Tuttavia, senza andare troppo lontano (cosa che alla maggior parte di noi non sarà comunque possibile!), basti sapere che ci sono angoli remoti della nostra Terra che potrebbero essere facilmente scambiati per strani paesaggi alieni. Come il nostro corpo!

Loading...

Ne abbiamo raccolti 10, ispirandoci al sito Hotstuffworks. E, a ben guardare, nulla hanno a che invidiare ai pianeti extrasolari appena scoperti o altri di cui ancora neppure si conosce l’esistenza.

Waiotapu, New Zealand

Un’immensa coppa di spumante! Così appare questa zona termale dai colori caldi ed intensi. Frequenti sono i getti di gas, mentre le vasche naturali creano un ribollire continuo d’acqua. Quello che una volta era un vulcano, oggi è uno dei luoghi più frequentati, sebbene occorre fare attenzione alle scottature se si viene a contatto con l’acqua o per per le alte concentrazioni di zolfo.

Waiotapu

Rio Tinto, Spagna

Le tonalità del rosso ci sono tutte e da qui il nome “tinto” in spagnolo. Si tratta di un fiume che, proprio in virtù delle sue colorazioni, ha attratto la curiosità di molti in passato. Oggi, il percorso fluviale si è trasformato in un ricettacolo di acque ad elevata acidità, metalli pesanti e batteri. E chissà, magari ospita forme di vita che gli scienziati considererebbero aliene.

Rio Tinto

Pinnacoli, Australia

Il deserto che ospita “presenze”. Sono i pinnacoli che spuntano dalle sabbie del Parco Nazionale di Nambung e vanta migliaia di formazioni rocciose, alcune sormontate da cupole. Alcune di queste “guglie” raggiungono i 3,5 metri di altezza e sono formazioni calcaree scolpite dal vento, dalla vegetazione, dalla pioggia, dal sole. E dal trascorrere inesorabile di milioni di anni.

Pinnacles

Kilauea Volcano, Hawaii

Per alcuni è un paesaggio molto simile ad un ambiente venusiano: ma siamo sulla Big Island delle Hawaii. È il vulcano Kilauea a portare sulla Terra un paesaggio degno del pianeta Venere. È anche uno dei vulcani più attivi al mondo, visto che dal 1952 conta più di 34 eruzioni.

Kilauea Volcano

Galapagos Rift, Oceano Pacifico

Questa volta ci spostiamo nei profondi abissi della Terra. A 2 chilometri nell’oceano, vicino alle Isole Galapagos. Qui, dove l’occhio umano raramente si addentra, l’acqua raggiunge temperature proibitive per la vicinanza di un vulcano. Per effetto del caldo e del freddo esterno, la lava assume forme strane e un colore nero intenso.

Galapagos Rift

Richat, Mauritania

Somiglia molto alla Grande Macchia Rossa di Giove. Ma siamo ancora sulla Terra. A Richat, per la precisione. È il gigantesco vortice circolare di 50 chilometri di diametro. All’inizio, quando fu scoperto, si pensava fosse un cratere lasciato da un meteorite. Poi si capì che si tratta di una formazione rocciosa di quarziti, risalenti al Paleozoico.

Richat Structure

Etosha Pan, Namibia

Una volta era un lago. Ora le acque sono evaporate. Etosha, questo il cui nome che nella lingua dei Ovambo significa “grande luogo bianco”, misura 4.800 chilometri quadrati. Una distesa ultraterrena, luccicante e secca.

Etosha Pan

McMurdo Dry Valleys, Antartide

La più grande regione libera dai ghiacci in Antartide è, però, una battuta dal vento. Un deserto congelato. È così che appare questo luogo le cui valli sono state scavate dai ghiacciai che, molto tempo fa, si ritirarono, lasciando uno strato di massi, ghiaia e ciottoli.

McMurdo Dry Valleys

Moon National Monument and Preserve, Idaho

Sembra di essere sulla Luna. In realtà, è un paesaggio ricavato dal movimento di allungamento della crosta terrestre negli ultimi 30 milioni di anni. Il magma caldo risalente in superficie si è tradotto nel tempo in suggestive formazioni rocciose, dovuti ai molteplici periodi di attività vulcanica. La più recente circa 2.000 anni fa.

Moon National Monument and Preserve

Deserto di Atacama, Cile

È forse il posto più emblematico e alieno sulla Terra. È un deserto assoluto, come lo definiscono i climatologi. Una zona totalmente arida e priva di vegetazione. Il posto più vicino all’habitat marziano di qualsiasi altro. Tanto che spesso viene utilizzato per test ed esperimenti proprio dalla Nasa.

Deserto di Atacama

Federica Vitale

Image Credit: adventure.hotstuffworks.com

Fonte:http://www.nextme.it/scienza/natura-e-ambiente/8910-paesaggi-alieni-terra

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...