Un viaggio nell’aldilà? Pensa a tutto la nostra mente

251px-Ascent_of_the_BlessedTutto ha avuto inizio «in un mondo di nuvole bianche e rosa, stagliate contro un cielo blu scuro come la notte e stormi di esseri luminosi, che lasciavano dietro di sé una scia altrettanto lucente». In questo racconto, tratto da “La prova del paradiso” di Eben Alexander, potrebbero riconoscersi altre persone che hanno avuto esperienze di pre-morte. La realtà percepita da chi va incontro alla morte, e poi riesce a superare la crisi per tornare alla vita, non esiste veramente ma è frutto di un’attività cerebrale simile a quella di un soggetto cosciente.

A dimostrarlo è stato un gruppo di ricercatori dell’università del Michigan, che ha indotto un arresto cardiaco nei ratti, per indagare sull’attività del cervello nel momento in cui viene meno il flusso di sangue verso quest’organo.

Lo scorso luglio, il team americano ha pubblicato su PNAS i risultati dell’elettroencefalogramma (EEG), registrato su ratti in stato di coscienza o subito dopo la morte per arresto cardiaco.

L’arresto cardiaco non annulla l’attività cerebrale: benché al cervello non arrivino più né zucchero né ossigeno, l’EEG ha evidenziato la produzione di onde gamma ad alta frequenza, che normalmente aumenta quando un soggetto è cosciente. L’esame ha rivelato anche la presenza di onde theta, che sono importanti per codificare l’informazione e per la sua memorizzazione, e di onde alfa, fondamentali per la visualizzazione delle immagini. Le onde seguono una direzione precisa tra le varie aree del cervello, a dimostrazione del fatto che il trasferimento di informazioni non avviene in maniera casuale. Dato che queste caratteristiche sono simili a quelle di un soggetto cosciente, il cervello dei mammiferi sembra avere una forte capacità di elaborare informazioni anche dopo la morte clinica.

Spiegare le percezioni raccontate da chi è stato vicino alla morte è sempre stata una sfida per i neurofisiologi. L’esperimento condotto dal gruppo statunitense ha escluso  che tali percezioni siano una prova della non corporeità della coscienza o un assaggio di paradiso. Le visioni sembrano piuttosto un filo sottile che mantiene il legame alla vita “terrena”, quando una persona prova un’esperienza vicina alla condizione di morte.

Crediti immagine: pubblico dominio, Wikimedia Commons

Di Giulia Annovi

Fonte:http://oggiscienza.wordpress.com/2013/08/29/un-viaggio-nellaldila-pensa-a-tutto-la-nostra-mente/

 

 

 

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu   -Pianetablunews lo trovate anche su su twitter

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!