Inedito: un nuovo studio mostra che i deserti “vivono” e “respirano” vapore acqueo

Un gruppo di scienziati ha determinato che le dune si muovono, crescono e persino catturano l’aria attraverso la sabbia. Pertanto, gli spazi desertici agiscono in modo simile agli esseri viventi.

Un nuovo studio assicura che i deserti “vivano” e “respirino” il vapore acqueo . È un lavoro di diversi decenni, che ha cercato di chiarire i fluidi e il movimento dell’umidità in ambienti inospitali sulla Terra.

LAVORO PUBBLICATO SUL JOURNAL OF GEOPHYSICAL RESEARCH: EARTH SURFACE

L’inchiesta è stata condotta da Michel Louge , professore di ingegneria meccanica e aerospaziale. Il lavoro ha dedotto che le dune di sabbia crescono. Respirano persino aria umida e costituiscono un ecosistema molto vivo.

Questo lavoro cerca di comprendere i processi di desertificazione , che sembrano aumentare grazie al riscaldamento globale . Inoltre, si può capire come possono essere utilizzati i deserti e le loro caratteristiche.

Per fare questa ricerca, sono stati utilizzati molti strumenti. Dalle immagini satellitari alle sonde sepolte nelle profondità dei deserti . Così si sono ottenuti risultati molto utili.

ALCUNE CONCLUSIONI SUI DESERTI

Sono stati recensiti luoghi come il deserto del Sahara , il deserto di Atacama , il deserto del Gobi , la penisola arabica , i deserti dell’Australia e l’ area inospitale del Chihuahua . Si sono così ottenute le seguenti detrazioni:

 I venti scorrono sulle dune , creando squilibri nella pressione dei loro cumuli sabbiosi. Cioè, le dune sono dinamiche e in continua evoluzione. Si può dire che “si muovono”.

 Valutando l’umidità , si è concluso che i deserti scambiano meno umidità con l’ambiente di quanto si pensasse in precedenza. In effetti, immagazzinano quell’umidità proprio come fanno gli esseri viventi.

 Così si genera un processo di traspirazione , dove l’aria entra ed esce dalla sabbia scambiando sostanze con l’interno delle dune. Questo processo è molto simile alla respirazione.

 Il processo sopra descritto consente ai microrganismi di sopravvivere in profondità negli strati desertici , indipendentemente dal fatto che le dune siano ad alte temperature.

È chiaro che questo tipo di ecosistema è più complesso di quanto si immagini . Hanno dinamiche insolite, che devono essere comprese. In futuro, questo studio consentirà uno studio migliore di questo tipo di aree geografiche.

GLI ECOSISTEMI SONO COME GLI ESSERI VIVENTI?

Alcuni decenni fa, si è concluso che la foresta pluviale amazzonica aveva migliaia di collegamenti tra i corsi dei fiumi e le radici degli alberi. Qualcosa di simile a una combinazione tra il sistema nervoso e circolatorio degli animali.

I deserti sono sempre stati considerati come ” luoghi dove non c’è niente “. Tuttavia, tutto sembra mostrare che si tratta di ecosistemi molto dinamici, con interessanti dinamiche di scambio di umidità e ossigeno.

Quante aree desertiche ci sono sulla Terra? La cosa preoccupante è che la desertificazione sta avanzando, quindi è necessario capire questo tipo di ambiente, proprio per fermarne l’aumento negli anni a venire.

Foto:  pixabay.com

Fonte: INFOBAE

Hernan Lameda

Fonte:  www.bioguia.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews