Una specie di felino dai denti a sciabola appena scoperto era così grande che cacciava i rinoceronti in America

Utilizzando dettagliate tecniche di confronto fossile, gli scienziati sono stati in grado di identificare una nuova specie di tigre dai denti a sciabola gigante, Machairodus lahayishupup , che sarebbe vissuta in Nord America tra 5 e 9 milioni di anni fa.

Uno dei felinin più grandi mai scoperti, si stima che M. lahayishupup aveva una massa corporea di circa 274 chilogrammi e forse anche maggiore. È un antico parente della tigre dai denti a sciabola conosciuta come Smilodon .

Loading...

Un totale di sette esemplari fossili di M. lahayishupup , comprese braccia e denti, sono stati analizzati e confrontati con altre specie per identificare il nuovo felino, utilizzando fossili provenienti da collezioni museali in Oregon, Idaho, Texas e California, tutti negli Stati Uniti.

“Una delle grandi storie in tutto questo è che abbiamo scoperto esemplari su esemplari di questo felino gigante nei musei del Nord America occidentale”, dice il paleobiologo John Orcutt, della Gonzaga University. “Erano chiaramente grandi felini.”

“Quello che non sapevamo allora, che sappiamo ora, è il test per verificare se le dimensioni e l’anatomia di queste ossa ci dicono qualcosa – e si scopre che lo fanno”.

L’età e le dimensioni dei fossili hanno fornito ai ricercatori un buon punto di partenza. Quindi hanno usato immagini digitali e software specializzato per trovare somiglianze tra le reliquie; e differenze rispetto ad altre specie di felini, il che era altrettanto importante.

I punti di riferimento sugli esemplari hanno mostrato che erano dello stesso felino gigante e che questo animale era una specie che non era stata identificata prima. Ulteriori prove sono arrivate dai denti, anche se i ricercatori ammettono che i dettagli di come i felini dai denti a sciabola erano correlati tra loro è un po ‘”confuso”.

La parte superiore delle braccia è cruciale in questi felini per uccidere la preda, e la più grande parte superiore del braccio o dell’omero fossile scoperto nello studio era circa 1,4 volte la dimensione dello stesso osso in un leone moderno. Questo ti dà un’idea di quanto fosse pesante e potente M. lahayishupup .

“Riteniamo che fossero animali che abbattevano abitualmente animali delle dimensioni di un bisonte”, afferma il paleontologo Jonathan Calede della Ohio State University. “Era di gran lunga il felino vivente più grande in quel momento.”

I rinoceronti sarebbero stati abbondanti e allo stesso tempo e potrebbero essere stati prede che del M. lahayishupup che lo ha divorato, insieme a cammelli e bradipi significativamente più grandi di quelli che conosciamo oggi.

Sebbene le scoperte fatte finora su questa nuova specie non includano gli stessi iconici denti a sciabola, è significativo che M. lahayishupup sia stato identificato principalmente dalle ossa dell’omero, mostrando ciò di cui è possibile con l’ultimo software di analisi aggiunto a molte ore di attento studio.

Guardare indietro a così tanti milioni di anni nel passato non è facile, e i ricercatori dicono che sarà necessario un albero genealogico dei felini dai denti a sciabola più dettagliato per scoprire esattamente dove si inserisce questa specie. I risultati aprono anche alcune interessanti domande evolutive su questi felini giganti.

“È noto che c’erano felini giganti in Europa, Asia e Africa, e ora abbiamo il nostro felino gigante dai denti a sciabola anche in Nord America in quel periodo”, dice Calede.

“C’è un modello molto interessante di evoluzione indipendente ripetuto in tutti i continenti di queste dimensioni corporee giganti in quello che rimane un modo di caccia molto iper-specializzato, oppure questo antico animale gigante si è diffuso in tutti questi continenti. È una domanda paleontologica interessante. “

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Mammalian Evolution . [ Science Alert ]

Foto di Lutz Peter da Pixabay 

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...