Il manto nevoso brilla nel deserto del Sahara solo per la quarta volta in 42 anni

Il Sahara è notoriamente caldo, secco e generalmente inospitale. Sì, piove, e sì, è punteggiato di oasi verdi occasionali, ma è un’occasione molto rara vedere scintillare la luce del sole a causa della formazione del manto nevoso.

In effetti, la scorsa settimana questo evento raro si è ripresentato per la quarta volta negli ultimi 42 anni. Fortunatamente, il fotografo locale Karim Bouchetata era lì per fotografarlo. 

Loading...

Il Sahara è il più grande deserto caldo del mondo, che si estende per 8,6 milioni di chilometri attraverso il Nord Africa dall’Oceano Atlantico al Mar Rosso, quindi vedere un’infarinatura di bianco sul rosso è piuttosto insolito. L’Africa, ovviamente, ha la neve. Il Kilimangiaro in Tanzania è notoriamente sormontato da un cappello innevato, mentre nelle montagne dell’Atlante a soli 72 chilometri (45 miglia) da Marrakech, Oukaimeden ha l’improbabile onore di essere la stazione sciistica più alta dell’Africa a 3.200 metri.

A Bouchetata, tuttavia, ha nevicato sulle dune appena fuori dalla città di Ain Sefra, nel nord-ovest dell’Algeria. Ain Sefra si trova a circa 1.000 metri sul livello del mare, circondato dalle montagne dell’Atlante, vicino al confine Algeria-Marocco.

In effetti, questa infarinatura di ghiaccio non è nulla in confronto alle nevicate occorse nel dicembre 2016 o gennaio 2018 , dove in alcuni punti sono stati segnalati anche 40,6 centimetri di manto nevoso. Ma visto che il tempo prima era il 1979, lo consideriamo ancora eccitante. 

Vedere le dune rosse cosparse di bianco può sembrare una scena di una delle  regioni polari di Marte , ma stranamente succede anche da noi. Nel 2018, la sabbia del Sahara è arrivata fino in Europa e ha tinto la neve di arancione . Sabbia, polvere e particelle di polline vengono raccolte dalle tempeste che turbinano attraverso l’Africa settentrionale fino all’Europa, dove si mescolano con la pioggia nell’atmosfera, cadendo come neve arancione grazie alla sabbia rossa del Sahara. 

Sfortunatamente, questo fenomeno gelido di solito non dura a lungo, quindi siamo fortunati che i fotografi locali siano lì per catturare questo spettacolo ultraterreno e condividerlo con noi.

Foto di Free-Photos da Pixabay 

Katy Evans

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...