Come uno studio controverso sui poteri psichici ha causato una rivoluzione nella ricerca in psicologia.

Tra gli studi scientifici emersi nell’ultimo decennio, forse nessuno è stato più controverso dell’articolo del 2011 dello psicologo americano Dr. Daryl Bem, che ha dimostrato una nozione esplosiva che la precognizione, la capacità di vedere gli eventi futuri, è veramente reale. , innescando un periodo travagliato tra gli psicologi che persiste ancora oggi.

 Come può un eminente professore della Cornell University giungere a una tale conclusione, che è così direttamente al di fuori della scienza tradizionale e sostenere la parapsicologia? I suoi esperimenti, che sembravano seguire procedure e metodi validi per arrivare a questa prova inaspettata, potevano essere replicabili?

Loading...

L’articolo “Feeling the Future: Experimental Evidence for Anomalous Retroactive Influences on Cognition and Affect”, riportava nove esperimenti che coinvolgevano più di mille partecipanti, con otto di loro che hanno dimostrato con successo che le risposte di una persona potevano essere influenzate da eventi stimolanti accaduti dopo che le risposte erano già state fatte e registrate.

Questa possibilità ha fortemente sostenuto la nozione di precognizione, in cui gli individui sembrano ottenere informazioni o trasferimento di energia che nessun processo fisico o biologico che conosciamo riesce a spiegare.

Gli esperimenti che sembravano dimostrare la tesi di Daryl variavano nel loro approccio. Alcuni degli stimoli utilizzati erano di natura erotica, con un esperimento iniziale che consisteva nel far guardare ai volontari dello studio un paio di tende su un computer. Dovevano indovinare quale aveva un’immagine pornografica dietro di essa, con la risposta corretta scelta a caso dopo che lo studente ha preso la sua decisione. È interessante notare che gli studenti si sono comportati leggermente meglio di quanto avrebbero prodotto le semplici supposizioni, con il 53% che ha scelto la posizione corretta dell’immagine.

Un altro esperimento ha indotto gli studenti a esaminare gruppi di parole che avrebbero dovuto digitare. In qualche modo, all’inizio gli studenti hanno fatto meglio, ricordando le parole che avrebbero digitato in seguito. È come avere la seconda possibilità di esercitarsi e ricordare che le parole hanno avuto benefici che risalgono indietro nel tempo.

Il professore di neuroscienze cognitive Chris Chambers, uno dei critici di Bem (e ce n’erano molti), ha definito la conclusione dell’articolo “ridicola”. Eppure, “questo è davvero interessante perché se un articolo come questo che sta facendo tutto normalmente e correttamente può finire per produrre una conclusione ridicola, allora quanti altri articoli che usano esattamente quegli stessi metodi che non hanno raggiunto conclusioni ridicole sono ugualmente difettosi?” Ha chiesto Chambers in un’intervista . [ Big Think ]

Foto di Enrique Meseguer da Pixabay 

Fonte:hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...