Polo Nord: si richiude il più grande buco dell’ozono artico

Lo strato di gas è tornato alle condizioni normali.

Il buco dell’ozono “senza precedenti” per le dimensioni e durata, rilevato nell’Artico quest’anno, si è interamente chiuso. A renderlo noto è il Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Termine (ECMWF) sul suo account Twitter. Nel mese di marzo, gli scienziati hanno osservato segni di una strana ”apertura” nello strato di ozono al di sopra del Polo Nord, un fenomeno attribuito alle basse temperature prodotte da un ciclone freddo.

Loading...

Gli esperti del Programma Europeo per l’Osservazione della Terra e la Sorveglianza Copernico hanno annunciato come l’anomalia fosse ormai chiusa, come da previsioni. La formazione e la successiva riduzione del buco dell’ozono non hanno nulla a che fare con l’inquinamento atmosferico. L’origine è da ricercare nel comportamento insolito del vortice polare che di solito trasporta aria fredda nelle regioni artiche. L’arrivo del vortice, quest’anno eccezionalmente duraturo, ha provocato il diradamento dell’ozono mentre il successivo aumento delle temperature, fino a 20 gradi, ha riportato lo strato di gas alle condizioni originali.

Angelo Petrone

Fonte: www.scienzenotizie.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...