Trovato “DNA” di 75 milioni di anni conservato in un dinosauro con becco d’anatra

Michael Crichton potrebbe non essere stato così grande quando ha scritto Jurassic Park , come un nuovo sensazionale articolo sulla rivista National Science Review  suggerisce che il DNA potrebbe essere in grado di persistere per decine di milioni di anni. Questa scoperta susciterà sicuramente un dibattito all’interno della comunità scientifica poiché contraddice tutte le prove precedenti relative alla longevità del materiale genetico. Se fosse vero, tuttavia, potrebbe aprire nuove possibilità per studiare la biologia degli organismi preistorici, ma certamente non porterà alla resurrezione di alcun dinosauro.

Precedenti ricerche hanno indicato che il DNA può rimanere stabile solo per circa un milione di anni , portando a supporre che il materiale genetico abbia una data di scadenza oltre la quale si degrada. Eppure, questo ultimo studio sembra contraddire questa teoria per la scoperta del DNA in un dinosauro a becco d’anatra di 75 milioni di anni chiamato  ipacrosauro .

Loading...

Ospitato presso il Museo delle Montagne Rocciose, il campione ha attirato l’attenzione dei ricercatori dopo che un esame ha rivelato la presenza di alcune cellule notevolmente conservate all’interno di una sezione di tessuto fossilizzato della cartilagine.

Dopo aver isolato le cellule, gli autori dello studio hanno applicato due macchie di DNA, che si legano a frammenti di DNA per mostrare tutte le aree in cui è presente materiale genetico. Entrambe le macchie hanno interagito con il tessuto dell’ipacrosauro secondo uno schema coerente con le cellule moderne, indicando che parte del DNA del dinosauro era effettivamente conservato all’interno del campione.

content-1583163715-225.627-web.jpg
Cellule della cartilagine dal cranio di uccellini Hypacrosaurus. 
A sinistra, sono visibili due cellule alla fine della divisione cellulare, con materiale coerente con i nuclei condensati. 
Al centro, un’immagine con ingrandimento maggiore di un’altra cellula mostra i cromosomi. 
Sulla destra c’è una cellula isolata della cartilagine di dinosauro che reagisce con la colorazione del propidio ioduro DNA(punto rosso, all’interno della cellula). 
Questa macchia suggerisce che esiste ancora DNA di dinosauro endogeno in questa cellula della cartilagine di 75 milioni di anni. 
(C) Alida Bailleul e Wenxia Zheng / Science China Press

“Non ci potevo credere, il mio cuore ha quasi smesso di battere”, ha detto l’autore dello studio Alida Bailleul in una nota . “Questi nuovi entusiasmanti risultati si aggiungono alla crescente evidenza che le cellule e alcune delle loro biomolecole possono persistere nel tempo. Suggeriscono che il DNA si può conservare per decine di milioni di anni”.

Mentre questa scoperta indica in modo certo la possibilità che il DNA possa sopravvivere per periodi di tempo estremamente lunghi, gli autori dello studio spiegano che ciò può avvenire solo in determinate condizioni. Ad esempio, il fatto che le ossa di questo particolare campione si siano tutte scollegate l’una dall’altra suggerisce che quell’organismo non è stato sepolto per un po ‘di tempo dopo la morte, il che secondo i ricercatori probabilmente ha aiutato la conservazione del suo DNA.

Inoltre, riportano che tale materiale genetico antico è probabile che si trovi solo nelle cellule della cartilagine ben conservate, ma non nelle ossa. Questo perché la cartilagine è meno porosa dell’osso e quindi lascia entrare meno acqua e microbi che potrebbero causare biodegradazione.

Nonostante ciò, i ricercatori che hanno studiato altri campioni di cartilagine di dinosauro conservata non sono riusciti a rilevare alcun DNA , e si ritiene che anche se alcuni potessero sopravvivere, probabilmente non sarebbero intatti.

Se non altro, questa scoperta riapre la discussione su quanto tempo può persistere il materiale genetico e gli autori dello studio sperano che il loro lavoro ispirerà i ricercatori nei musei di tutto il mondo a cercare campioni con tessuti di cartilagine conservati alla ricerca di DNA più antico .

Ben Taub

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...