Incredibili modi per superare l’ansia e diventare mentalmente forti, secondo la scienza

La maggior parte delle persone sperimenta l’ansia prima o poi nella vita. Quindi è interessante imparare come gestire quel sentimento e diventare mentalmente forte.

Secondo i ricercatori dell’Università di Cambridge (Regno Unito), il modo in cui affrontiamo le cose che accadono nella nostra vita ha un impatto diretto su quanta ansia proviamo.

Loading...

In altre parole, è possibile ridurre i nostri livelli di ansia adattando le nostre reazioni a determinate situazioni. Di seguito, vedi cosa hanno da dire gli scienziati sull’ansia e in che modo i loro studi possono aiutarti a superarla.

Che cos’è l’ansia?

L’ansia può presentarsi come paura, irrequietezza, incapacità di concentrarsi sul lavoro o sulla scuola, difficoltà ad addormentarsi o irritazione costante.

In situazioni sociali, può ostacolare la nostra capacità di parlare con gli altri, sollevare preoccupazioni che ci stanno giudicando o provocare sintomi come balbuzie, sudorazione, arrossamento o mal di stomaco.

Può anche venire dal nulla come un attacco di panico, in cui improvvisi picchi di ansia ti fanno sentire come se stessi per avere un infarto, impazzire o perdere il controllo.

Può essere sempre presente nella vita di una persona per tutto il tempo, che è noto come disturbo d’ansia generalizzato.

Quando diventa una condizione debilitante

Vale la pena notare che se l’ansia inizia a interferire con la tua vita, il tuo sonno, la tua capacità di creare relazioni o la tua produttività sul lavoro o a scuola, potresti avere qualche disturbo d’ansia che deve essere affrontato correttamente. Altrimenti, l’ansia può portare a depressione, morte prematura e suicidio.

Sfortunatamente, i farmaci esistenti per curare l’ansia non funzionano sempre a lungo termine. E qui, i suggerimenti degli scienziati su come affrontare determinate situazioni della tua vita possono funzionare come uno strumento aggiuntivo per combattere questo sentimento angosciante.

Lo gestisco bene: le principali abilità di coping che potresti avere

Fallo male

Spesso le persone si trovano in situazioni in cui vogliono fare qualcosa di “perfetto”, oppure aspettano il “momento migliore” per farlo. Questo può portare a indecisione, procrastinazione, ritardi o addirittura a impedirci di fare qualcosa del tutto. E tutto causa – hai indovinato – stress e ansia.

Uno dei modi più efficaci per affrontare questi sentimenti è quello di adottare il motto “fallo bene”.

Come mai ?! La ragione per cui funziona così bene è che accelera il tuo processo decisionale e ti porta direttamente alla parte in cui agisci, altrimenti potresti passare ore a meditare su come dovresti fare qualcosa, se non del tutto, eccetera eccetera eccetera – e questo non solo richiede tempo, ma è anche molto stressante.

Inizia a farlo, anche se non è nel miglior modo possibile, senza preoccuparti dei risultati. Ciò renderà il processo più semplice e completerai più attività di quanto faresti normalmente. E, la maggior parte delle volte, scoprirai che non stai facendo così male. Se lo fai, puoi sempre migliorare in seguito – è meglio che nemmeno iniziare, no? Come direbbe un mio grande amico, “la versione uno è migliore della versione nessuna”.

In definitiva, “farlo male” riguarda la liberazione: ti dà il coraggio di provare cose nuove, ti impedisce di preoccuparti del risultato o delle conseguenze e può rendere tutto più divertente. Fallo male oggi, miglioralo domani o dopo.

Perdona te stesso e rimanda la tua preoccupazione

Immagina di avere un amico che può solo sottolineare ciò che fai di sbagliato e tutto ciò che non va in te e nella tua vita. Dopo alcuni giorni, non sosterresti più la tua azienda e probabilmente ti allontaneresti da quella persona, giusto?

Il problema è che spesso siamo “amici” di noi stessi: ci giudichiamo continuamente e ci soffermiamo sui nostri errori. Ed è così radicato che smettiamo persino di notare il danno che stiamo facendo a noi stessi.

Qui, la strategia da utilizzare è “perdonare te stesso”. Non criticare te stesso così tanto – cerca di riconoscere che hai un impulso di incolpare te stesso e distratti da quel pensiero negativo focalizzando la tua attenzione su altri compiti.

Se questo non è facile per te, un’altra strategia che può essere utilizzata è “rimandare la tua preoccupazione”. Quando questa sensazione di preoccupazione arriva perché pensi di aver fatto qualcosa di sbagliato, non arrenderti, lascia che ti preoccupi più tardi. Oppure prenditi dieci minuti al giorno quando non puoi preoccuparti di nulla.

Il segreto qui non è alimentare i pensieri negativi con energia. Quando tornerai alla preoccupazione per rifletterci, probabilmente ti renderai conto che qualunque sia la situazione che ha portato alla tua ansia iniziale non era molto. 

Avere uno scopo e aiutare gli altri

Secondo i ricercatori, il collegamento con gli altri è stato regolarmente dimostrato come una delle armi più potenti contro i problemi di salute mentale.

Il neurologo Viktor Frankl ha scritto: “Per le persone che pensano che non ci sia nulla per cui vivere, niente di più da aspettarsi dalla vita, la domanda è far capire a queste persone che dalla vita ci si aspetta ancora qualcosa da loro”.

In altre parole, avere uno scopo e aiutare gli altri sono modi molto efficaci per combattere l’ansia.

Fare qualcosa per qualcun altro toglie i riflettori da te, dalle tue preoccupazioni, dalle tue paure e pone l’attenzione su come puoi fare del bene, fare la differenza. Inoltre, sapere che qualcuno ha bisogno di te rende più facile sopportare i momenti più difficili della vita.

In breve: cerca di renderti importante nella vita degli altri. Può essere semplice come prendersi cura di un bambino o di un parente anziano o fare volontariato per un’organizzazione benefica. Può anche essere più complesso, come completare lavori che andranno a beneficio delle generazioni future.

 Diversi studi hanno scoperto che l’altruismo è uno dei più potenti fattori di felicità. [ BigThink ]

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...