L’inverno è sempre più corto, anche nel nord Europa

Dai fiordi norvegesi alle città russe, temperature calde record con meno neve e pioggia hanno lasciato l’estremo nord dell’Europa, fino ai primi di gennaio, ancora in attesa dell’inverno artico. E alle Svalbard siamo al 109° mese consecutivo con temperature sopra la norma.

Sunndalsora, una piccola città della Norvegia occidentale, pur se in condizioni meteorologiche particolari, ha registrato i primi di gennaio 19°C, una temperatura mai vista prima nel paese nordico in questo periodo dell’anno.c. Un sindaco locale ha festeggiato il nuovo anno tuffandosi nell’acqua che era molto più fredda dell’aria.

Loading...

Il clima temperato è dovuto ai venti caldi che hanno interessato a più riprese, durante il mese di dicembre, questa regione, secondo i meteorologi norvegesi. Hanno aggiunto tuttavia che questi venti non sono insoliti e tali periodi caldi non sono necessariamente collegati ai cambiamenti climatici anche se le temperature sono state molto più alte per il periodo

In Svezia, nei primi giorni di gennaio le temperature sono salite di circa 5°C in più rispetto al normale nel sud del paese scandinavo e di 10°C in più nella parte settentrionale. “Il 2 gennaio tre stazioni nella Svezia centrale hanno registrato le temperature più elevate di gennaio dal 1971”, ha dichiarato Sverker Hellstrom, climatologo presso l’istituto meteorologico svedese.

Nella Lapponia svedese, il proprietario di un’azienda di slitte trainate da cani ha affermato che è stato uno degli inverni più caldi degli ultimi decenni, con enormi sbalzi di temperatura. Donald Eriksson ha sottolineato che il 7 gennaio la temperatura era di -36°C , ma il giorno di capodanno erano addirittura sopra lo zero, a 1 ° C.

“La tendenza è chiara: negli ultimi 15 anni, e specialmente negli ultimi 10, l’inverno si è ridotto, in media, di un mese e mezzo”, ha detto Eriksson.

Nel sud della Finlandia, dove le temperature a dicembre erano 4,5 gradi più alte del normale, l’inverno non è ancora iniziato, secondo il servizio meteorologico locale, se non con qualche accenno negli ultimi giorni. Le stime meteorologiche indicano che a gennaio nella regione non ci sarà un vero inverno, se per definizione andiamo a indicare un inverno con un numero di giorni ben preciso con temperature sotto lo zero.

Oslo, per esempio, ha perso 21 giorni di inverno negli ultimi tre decenni, hanno detto i meteorologi, prevedendo che gli inverni più brevi continueranno. “Entro il 2050, molto probabilmente, oltre un milione di norvegesi vivrà in aree con meno di un mese di inverno “, ha affermato il ricercatore Reidun Gangsto Skaland.

Nel cuore dell’Artico, l’arcipelago norvegese delle Svalbard sta vivendo il suo 109° mese consecutivo di temperature sopra la norma, secondo l’istituto meteorologico norvegese e la situazione è la stessa nella vicina Russia.

Ma il nord-est della Russia non è solo. “Tutto il paese ha registrato anomalie positive” in termini di temperatura , ha riferito all’agenzia di stampa Ria Novosti il ​​direttore del servizio meteorologico nazionale, Roman Vilfand. Ha indicato alcune parti della Siberia, uno dei luoghi più freddi del mondo dove le temperature hanno raggiunto addirittura i 20°C in più rispetto al normale.

Di Helene Dauschy
tratto da phys.org

Condiviso da: www.blueplanetheart.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...