Le birre forti possono essere piene degli stessi batteri intestinali dello yogurt

Dato che ogni essere umano contiene circa tanti batteri quante sono le cellule del corpo , non sorprende che alimenti probiotici come kimchi, crauti e alcuni tipi di yogurt siano diventati così popolari. Fortunatamente per coloro che non amano il cavolo fermentato, la ricerca suggerisce che bere una birra forte al giorno potrebbe anche aiutare a mantenere una sana comunità di microbi intestinali.

Parlando a un evento organizzato dal produttore di bevande probiotiche Yakult, Eric Claassen dell’Università di Amsterdam ha presentato le sue ricerche sulla birra, spiegando come alcuni marchi contengano un numero enorme di microrganismi benefici.

Loading...

Mentre la maggior parte delle birre subisce un solo processo di fermentazione, alcune delle birre belghe più forti vengono fermentate due volte al fine di abbattere più zuccheri nel materiale vegetale in alcool. A differenza del primo ciclo di fermentazione, questo secondo ciclo utilizza in genere un tipo di lievito che produce acidi velenosi per molti batteri che causano malattie.

Ogni volta che una persona beve una di queste birre, rinforza il suo esercito intestinale di difensori microscopici con milioni di questi microbi alcolici patogeni. Sebbene ciò possa potenzialmente avere un effetto benefico sulla salute del bevitore, Classen desidera sottolineare che è necessaria la moderazione.

“In alte concentrazioni, l’alcol fa male all’intestino, ma se bevi solo una di queste birre ogni giorno sarebbe molto buono per te”, ha detto ai partecipanti .

Precedenti studi hanno scoperto che bere pesantemente danneggia i batteri intestinali , portando a una composizione anormale del microbiota intestinale, quindi fare affidamento sulla birra per migliorare la propria salute chiaramente non è una buona idea.

Vale anche la pena notare che, nonostante le molte affermazioni fatte sui benefici per la salute dei cibi probiotici, non abbiamo ancora molte prove per sostenere la maggior parte di questi presupposti. La maggior parte dei probiotici contiene batteri appartenenti ai gruppi Lactobacillus o Bifidobacterium , e mentre si pensa che questi microbi possano aiutare con qualsiasi cosa, dalla diarrea all’eczema, i ricercatori non sanno ancora quali batteri specifici siano utili per qualcosa.

Di Ben Taub

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...