Gli umani sono l’unica vita intelligente nell’universo?

Potresti aver trascorso un po ‘di tempo a discutere con gli amici o a riflettere sull’esistenza della vita intelligente al di fuori del pianeta Terra. Nick Longrich, professore senior di paleontologia e biologia evoluzionistica dell’Università di Bath, ha pubblicato un articolo su questo argomento.

Per il professore, la storia dell’evoluzione mostra che molti degli adattamenti essenziali come animali e cellule complesse, la fotosintesi e la vita stessa, nonché l’intelligenza, erano eventi molto specifici e quindi altamente improbabili. Pertanto, l’autore ritiene che la nostra evoluzione potrebbe essere stata meno probabile che vincere alla lotteria.

In questo contesto l’insegnante parla del cosiddetto paradosso di Fermi, che si riferisce alla discrepanza tra la possibilità di civiltà o visite intelligenti dovuta alla vastità e alla lunga vita dell’universo, e alla presunzione che nessun visitatore extraterrestre fosse osservato.

Loading...

Il percorso verso la vita intelligente

Sebbene non possiamo studiare la vita extraterrestre per determinare se esiste una vita intelligente al di fuori della Terra, il professore sottolinea che possiamo guardare a circa 4,5 miliardi di anni della storia del nostro pianeta. In questo contesto, suggerisce di osservare dove l’evoluzione si ripete o no.

Se l’evoluzione si ripete frequentemente, allora può essere probabile o addirittura inevitabile. Longrich sottolinea che l’evoluzione a volte si ripete. Ci sono casi in cui diverse specie convergono su risultati simili. Questa convergenza si verifica anche nei singoli organi, come gli occhi che si sono evoluti nei vertebrati e negli atropodi, tra gli altri.

Il punto, per l’insegnante, è che tutta la convergenza è avvenuta all’interno dello stesso lignaggio, quello degli  eumetazoi . Sono animali complessi con simmetria, bocca, intestino, muscoli e sistema nervoso.

Gli eumetazoi hanno sviluppato soluzioni simili a problemi simili, sebbene i corpi che lo hanno reso possibile siano diversi. Gli animali si sono evoluti, scrive l’autore, una volta nella storia della vita. Ciò suggerisce che sono improbabili.

I cambiamenti improbabili

Longrich sottolinea che gli eventi critici nella storia dell’evoluzione sono unici. Questi includono lo scheletro vertebrato, le cellule eucariotiche complesse e la fotosintesi, che si sono evolute solo una volta. L’autore sottolinea che lo stesso vale per l’intelligenza a livello umano.

Se osserviamo le convergenze, l’autore ritiene che avremo un risultato distorto, poiché sembreranno essere la regola. Ma se cerchiamo casi di non convergenza, sono presenti in tutto. In questo contesto, gli adattamenti critici e complessi sembrano essere i meno ripetuti e quindi improbabili, secondo Longrich.

Di particolare nota per Longrich è il fatto che, per quanto ne sappiamo, la vita è avvenuta una sola volta. Ed è da un singolo antenato che provengono tutti gli organismi. Pertanto, affinché uno si evolvesse, era necessario l’evoluzione dell’altro.

Come per gli animali complessi che hanno bisogno di cellule complesse, hanno bisogno di ossigeno, che viene prodotto dalla fotosintesi. In questo contesto, l’autore ritiene che l’evoluzione della vita sia un evento singolare tra eventi singolari.

Un altro fattore che dimostra l’improbabilità di queste evoluzioni, per l’autore, è il tempo impiegato per verificarsi. La fotosintesi si è evoluta 1,5 miliardi di anni dopo la formazione della Terra, le cellule complesse hanno impiegato 2,7 miliardi di anni per evolversi, gli animali complessi 4 miliardi di anni e l’intelligenza si è evoluta 4,5 miliardi di anni dopo la formazione della Terra.

La vita intelligente

L’autore ci chiede di immaginare che l’evoluzione abbia bisogno di una catena di sette innovazioni improbabili, vale a dire: l’origine della vita, la fotosintesi, le cellule complesse, il sesso, gli animali complessi, gli scheletri e l’intelligenza stessa.

Longrich ritiene che ognuna di queste evoluzioni abbia una probabilità del 10% di verificarsi. In questo contesto, la possibilità di evoluzione dell’intelligence aumenta a una su 10 milioni.

Quindi l’intelligenza emergerebbe solo in uno su 100 trilioni di mondi abitabili. Poiché i mondi abitabili sono rari, potremmo essere l’unica vita intelligente nella galassia, o persino nell’universo visibile, meditare su Longrich.

Successivamente, l’autore sottolinea che queste evoluzioni dipendevano da una serie di adattamenti. In questo senso, forse, questi cambiamenti si sono verificati solo l’1% delle volte. [The Conversation]  Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Pianetablunews

Loading...