L’FBI pubblica i file degli anni ’70 che indagano sull’esistenza del Bigfoot

L’FBI ha rilasciato una cache di file degli anni ’70 relativi al Bigfoot, in particolare documenti che descrivono l’analisi dei campioni di peli presentati dal Bigfoot Information Center and Exhibition (BIC) nel 1976.

 Il cache include la corrispondenza tra il cacciatore di Bigfoot Peter Byrne e l’allora direttore assistente dell’FBI Jay Cochran Jr.

In una lettera del 24 novembre 1976, Byrne scrisse : “Non ci capita spesso di incontrare peli che non siamo in grado di identificare e i peli che abbiamo adesso, circa 15 peli attaccati ad un piccolo pezzo di pelle, sono i primi che abbiamo ottenuto in sei anni che riteniamo possano essere importanti “.

Loading...

Cochran ha risposto , dicendo che l’FBI di solito conduce esami sulle prove fisiche per scopi di applicazione della legge ma “occasionalmente, su base caso per caso, nell’interesse della ricerca e dell’indagine scientifica, facciamo eccezioni a questa politica generale”.

Questo, dice NBC , ed è stata la prima volta che l’FBI ha testato campioni di peli per verificare se fosse o meno di Bigfoot. Il processo, ha spiegato Cochran , ha coinvolto uno studio sulle caratteristiche morfologiche (tra cui la struttura delle radici, la struttura midollare e lo spessore della cuticola) e un confronto con altri campioni di origine nota.

In qualcosa di un anti-climax, il campione si rivelò essere peli di cervo.

L’FBI non ha rilasciato la prova dell’esistenza di Bigfoot ma la ricerca è ancora in corso, nonostante una severa mancanza di prove (filmato sfocato e impronte dubbie non resistenti).

Nel 2018, una donna ha citato in giudizio la California per non aver riconosciuto il Bigfoot come specie, mentre solo quest’anno un povero uomo è stato ucciso perché un cacciatore lo ha scambiato per il Sasquatch.

In effetti, la credenza nel Bigfoot (e / o nei suoi derivati) è sorprendentemente alta. Un sondaggio condotto nel 2018 dalla Chapman University ha rilevato che il 21% degli americani – tra cui l’ex procuratore generale  Matthew Whitaker – è d’accordo o fortemente d’accordo che il “Bigfoot è una vera creatura”.Nel 2016 solo 7,2% credeva nell’esistenza di Bigfoot .

Nel frattempo, un altro sondaggio condotto dalla Chapman University ha scoperto che gli americani hanno quasi la stessa probabilità di credere nel Bigfoote  al Big Bang  (che, ammettiamolo, è ancora una teoria , anche se è la teoria principale sulle origini dell’universo).

Di Rosie McCall

Fonte:www.iflscience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...