Nuove prove suggeriscono che il nostro sistema solare può essere composto da dieci pianeti e non otto

Il sistema solare non è stato più lo stesso da quando Plutone è stato declassato allo status di pianeta nano – molte scommesse caddero a terra dal momento che la decisione era stata presa. Lo scorso anno, tuttavia, gli scienziati del California Institute of Technology hanno suggerito che ci potrebbe essere un nono pianeta e forse anche un decimo. Il team ha detto che questo pianeta sembra avere una massa dieci volte la massa della Terra e si nasconde negli angoli più remoti del nostro sistema solare – ben oltre l’orbita di Plutone.

Al momento della scoperta, il ricercatore Mike Brown, che ha partecipato al lavoro, ha osservato che l’esistenza di un nono pianeta è del tutto possibile. Nel suo Twitter, ha scritto: “Ciao, Pianeta Nove i fan! Un nuovo ed eccentrico KBO è stato scoperto. Ed è esattamente dove il nono pianeta dovrebbe essere “.  Inoltre, dice, il nuovo oggetto “prende la probabilità di  essere un colpo di fortuna statistica fino a ~ 001% o giù di lì.”

Risultati simili sono emersi per quanto riguarda i nuovi pianeti nani. Situati a circa 13,7 miliardi di chilometri di distanza dal sole,  il corpo planetario UZ224 2014 misura circa 530 km di diametro e impiega circa 1100 anni per completare la sua orbita. E così, il nostro angolo cosmico più prossimo è in continuo mutamento.

Loading...

 

I movimenti di Belt

Kathryn Volk e Renu Malhotra dell’ Arizona University, hanno notato strani movimenti nella fascia di Kuiper.Questi movimenti potrebbero suggerire l’esistenza di un decimo pianeta. Per chiarire un po ‘: gli oggetti della fascia di Kuiper si trovano a grande distanza da altri organismi importanti nel sistema solare. Pertanto, l’influenza gravitazionale dei pianeti più grandi non li interessa (almeno non in un grado misurabile).Tuttavia, i loro movimenti possono ancora essere previsti, grazie alle indagini del cielo e una serie di tecnologie avanzate.

Sorprendentemente, se queste previsioni non corrispondono, potrebbe significare l’esistenza di un altro oggetto, la cui gravità avrebbe un impatto sul  movimento di oggetti nella fascia di Kuiper.

Più vicino a casa

La ricerca di Planet Nine ha portato gli scienziati a credere che la sua orbita ruota a 700 Unità Astronomiche (AUS) dal sole. Tuttavia, Volk e Malhotra sostengono che questo decimo pianeta potrebbe essere molto più vicino, come l’orbita dei corpi Belt di Koiper spostato poco oltre a 50 UA. Essi affermano inoltre che, in termini di dimensioni, il pianeta è paragonabile a Marte.

Altri astronomi, però, sono meno propensi ad abbracciare questa linea di pensiero. Alessandro Morbidelli dell’Osservatorio Costa Azzurra  a Nizza, in Francia, ha detto al New Scientist: “Ho molti dubbi che un pianeta così vicino e così luminoso rimane inosservato.”

Eppure, Volk è fiducioso in questi risultati, che saranno pubblicati su  The Astronomical Journal .   “Pensiamo che ci sia un segnale reale lì e questo implica un pianeta supplementare.”

 

La scoperta di più corpi nella fascia di Kuiper contribuirà a sostenere o sfatare questi risultati. In entrambi i casi, la nostra piccola famiglia solare è destinata a continuare a crescere con questi lontani parenti a lungo ignorati.[Futurismo ]

Fonte:hypescience.com

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.