Un enorme nuvola si sta scontrando con la Via Lattea

Nel 1963, uno studente di astronomia di nome Gail Smith mentre lavorava presso un osservatorio nei Paesi Bassi ha scoperto qualcosa di strano: una massiccia nube di gas in orbita intorno alla Via Lattea.

La nube contiene abbastanza gas per fare duemila stelle come il nostro Sole, e stava viaggiando nello spazio a oltre un milione di chilometri all’ora.
Per i successivi 40 anni, il cloud ad alta velocità è rimasto solo una curiosità: è stato uno dei tanti che circonda la nostra galassia. Questo è interessante, ma non speciale.

Improvvisamente …

Fino agli anni 2000, l’astronomo Jay Lockman e i suoi colleghi hanno osservato il cosiddetto “cloud Smith” più da vicino, utilizzando il telescopio Green Bank negli Stati Uniti, e calcolato la sua traiettoria.

Loading...

La sorpresa? La nubbe è in rotta di collisione con la Via Lattea.

Cloud-to-Smith-collisione

Non allacciate le cinture di sicurezza

Dal momento che stiamo parlando di spazio, il tempo delle cose è niente in confronto a una vita umana.

La nube sarà qui tra circa 30 milioni di anni,  dovrebbe entrare in collisione con il Braccio di Perseo, il principale braccio a spirale della nostra galassia.

L’impatto comprimerà le nubi di gas nella spirale, provocando uno scoppio nella formazione stellare.

La buona notizia è che non c’è alcun pericolo per la Via Lattea: per quanto grande la nuvola, è piccola rispetto alle enormi dimensioni della galassia.

Ipotesi

Secondo Andrew Fox, l’Istituto Scientifico di Space Telescope, la NASA, non sappiamo esattamente quale sia l’origine della Nube di Smith.

Ci sono due teorie principali: una ha detto che lei è stata soffiata dalla Via Lattea, da un gruppo di esplosioni di supernovae. L’altra presuppone che la nuvola è un oggetto extragalattico che è stato catturato dall’orbita della Via Lattea.

Utilizzando il telescopio spaziale Hubble, gli scienziati hanno cercato la nube ed hanno trovato lo zolfo, la luce del centro di assorbimento delle tre galassie lontane. L’abbondanza di zolfo nel cloud è simile a quella trovata nel disco esterno della galassia. Ciò indica che deve avere un rapporto con noi.

Cioè, la nube probabilmente è decollata dalla nostra Via Lattea ed è ora in rotta di collisione con lei.

Cloud-to-Smith

Sulla sua strada, la nube si sta gradualmente disintegrando.

Questo vuol dire che non tutto il materiale in Cloud di Smith sopravviverà per formare nuove stelle. Ma se sopravviverà una parte di essa, dovrebbe produrre una raffica impressionante di formazioni stellari “.

Tuttavia, alcune domande circa l’oggetto spaziale rimangono un mistero, per esempio,quale evento calamitoso avrebbe potuto catapultato dal disco della Via Lattea, e come  è rimasta intatta?Queste sono domande per la ricerca futura. Trenta milioni di anni per l’impatto: il tempo stringe! [ ScienceatNASA ]

 

Fonte: hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.

Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca                        

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.