Come prepararsi per uno tsunami

Il recente terremoto di magnitudo 7.1 e il successivo allarme tsunami nel nord della Nuova Zelanda ci ricorda che gli tsunami sono imprevedibili e possono colpire in qualsiasi momento.

Se si vive in una zona a rischio tsunami, allora probabilmente siete a conoscenza di cosa fare quando uno tsunami colpisce. Ma un viaggiatore non è pronto  per tali eventi, come  può prepararsi?

Dal momento che il devastante terremoto di Sumatra e lo tsunami del dicembre 2004, è stato riconosciuto che non c’era rischio di tsunami lungo tutte le coste.

Loading...

Uno tsunami può colpire qualsiasi costa, in qualsiasi momento e non possiamo prevedere esattamente quando o dove si verificherà.

Gli tsunami sono più spesso causati da terremoti sottomarini , ma possono anche essere causati da frane sottomarine o eruzioni vulcaniche.

Uno tsunami può muoversi veloce come un aereo a reazione attraverso l’oceano aperto e può distruggere in terra con onde alte 20 metri.

L’acqua può penetrare nell’entroterra per diversi chilometri nelle zone in posizione orizzontale, e può muoversi su torrenti e fiumi, raccogliendo tutto sul suo cammino.

Le onde possono continuare a colpire la costa per molte ore, e correnti pericolose possono continuare per giorni dopo l’evento.

Anche se uno tsunami non può essere impedito, il suo impatto può essere ridotto quando le comunità comprendono i rischi, ricevono avvisi tempestivi e sanno rispondere .

Capire il livello di rischio per la propria area è il primo passo verso la fase di preparazione. Se si viaggia, cercate il centro di gestione delle calamità nazionale o agenzia di risposta di emergenza per la vostra destinazione.

Avvertimenti naturali e ufficiali

I messaggi di avviso circa gli  tsunami possono provenire da diverse fonti.

Gli avvertimenti naturali includono sensazione di un forte terremoto, si vede un improvviso aumento o una diminuzione del livello del mare, o si sente un forte e inusuale rumore dal mare. In molti casi, questo significa che uno tsunami potrebbe arrivare in pochi minuti ed è importante agire in fretta e non aspettare per un richiamo ufficiale.

Gli avvertimenti ufficiali sono distribuiti dagli enti locali, come la polizia, protezione civile o consigli locali. I messaggi di avvertimento sono spesso fatti circolare attraverso i canali multimediali tra cui televisione, radio e internet.

Le aree turistiche possono anche avere sirene lungo alcune spiagge.

Ciò che è importante da notare è che ogni paese, e in molti casi ogni area locale, avrà un sistema di allarme diverso. Così, quando ci si sposta in un posto nuovo, non avrà un sistema che è simile a quello che si è abituati o da altri luoghi in cui abbiamo viaggiato, o a casa.

Se si riceve un avvertimento ufficiale, agire rapidamente e seguire le istruzioni per passare a un terreno più elevato.

Ci sono una serie di servizi gratuiti e di abbonamenti per allarmi tsunami , ma non si basano su servizi SMS o e-mail di avvertimento. Durante un terremoto o tsunami questi servizi spesso diventano sopraffatti e i messaggi non arrivano.

Essendo preparato

Prima del viaggio, scoprire che cosa potete circa il rischio tsunami nella zona che si sta visitando.

Iscriviti ai consigli di viaggio dei siti ufficiale del governo, se disponibile. Organizza l’assicurazione di viaggio completa e verifica che si è coperti per disastri naturali come tsunami.

Mantenere uno sguardo fuori per tutti i segni allarmi tsunami. Flickr / thumbnail16 , CC BY

Al tuo arrivo, controlla il tuo albergo, chiedi  su come gli avvisi tsunami  vengono diffusi e dove si trovano i percorsi di evacuazione dello tsunami.

Scopri dove si trovano le alture più vicine è (almeno 20 metri sul livello del mare) e come ci si arriva. Se non ci sono alture nelle vicinanze, scoprire se ci sono stabiliti percorsi di  evacuazione verticali  . Questi sono di solito alti, di calcestruzzo rinforzato con costruzioni con almeno quattro piani .

Durante uno tsunami

Rimanere fuori dall’acqua e lontano dalle spiagge e corsi d’acqua. Mai andare a riva a guardare lo tsunami. Se si può vedere, si è troppo vicini per fuggire.

Utilizzare TV, radio o internet per avere aggiornamenti sulla situazione, ma cercare di mantenere le linee telefoniche libere per l’utilizzo da parte di personale di emergenza.

Seguite le istruzioni dei funzionari locali a trasferirsi in un alto edificio. Evacuare a piedi o in bicicletta e guidare solo se indispensabile. Le strade tendono a diventare intasate nel corso di una emergenza tsunami, il che rende più difficile per le squadre di pronto intervento di accedere alla zona.

Seguire le istruzioni dei funzionari locali a trasferirsi  in un alto edificio. Evacuare a piedi o in bicicletta e guidare solo se indispensabile. Le strade tendono a diventare intasate nel corso di una emergenza tsunami, il che rende più difficile per le squadre di pronto intervento di accedere alla zona.

Stare lontano da aree a rischio fino a quando viene dato il via libera. La prima ondata dello tsunami potrebbe non essere l’ultima o la più grande, e le onde possono avvenire a più di un’ora di distanza.

Dopo uno tsunami

Non tornare alle zone di evacuazione fino all’avviso dalle autorità, anche se non si vede alcun danno. Essere consapevoli del fatto che non vi può essere danni estesi da terremoto o alluvione potrebbero non essere sicuro.

Guardare fuori  le linee elettriche rotte e altri pericoli e stare lontano dalle spiagge e corsi d’acqua.

Se siete all’estero, poi, non appena si è in grado, contattare l’ambasciata locale, l’alta Commissione o il Consolato nel caso in cui la famiglia e gli amici stanno cercando di rintraccirvi. Tieniti informato attraverso i media convenzionali o sociale, se le linee telefoniche sono sopraffatte .

Non possiamo prevedere o prevenire gli tsunami, ma la buona notizia è che è possibile migliorare le possibilità di rimanere al sicuro attraverso la comprensione del rischio, in fase di preparazione e di agire rapidamente in caso di disastro.


 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation.. Leggi l’ articolo originale .

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.