10 eventi violenti che raggiungeranno il nostro sistema solare in futuro

Lo spazio può sembrare che si trasforma in un’armonia silenzioso e tranquilla lì, pieno di belle immagini telescopiche di formazioni di galassie e nebulose con colori fantastici. In realtà, tuttavia, non è così. L’immensità là fuori è così strana e violenta che continua a stupire – e anche spaventare – gli scienziati più esperti. Alcuni episodi di violenza, infatti, sono previsti molto vicino a noi, raggiungendo il sistema solare e la terra – e possono anche verificarsi durante l’esistenza dell’umanità.

Vediamo il calendario terrificante:

10. Anello su Marte

sistema solare 10
Una nuova ricerca ha stabilito che Marte un giorno potrebbe uccidere la sua luna più vicina , Phobos. Con soli 22 km di larghezza, Phobos è una delle due lune che orbitano intorno al pianeta. Ogni secolo che passa, l’orbita di Phobos si restringe e si porta due metri più vicino a Marte.

Loading...

Alla fine, questa luna sarà rotta da sollecitazioni di marea causate dal pianeta rosso, anche se il processo può richiedere fino a 40 milioni di anni.Alla fine, Marte avrà solo una luna, ma avrà un anello come Saturno, che prende il posto del satellite perduto.

Nel corso dei prossimi milioni di anni, i pezzi della luna condannata saranno una pioggia sulla regione equatoriale di Marte. Questo potrebbe rappresentare un problema per qualsiasi delle nostre basi nella zona – supponendo che la razza umana è ancora in vita fino a quel momento.

Anche se può avvenire solo tra pochi milioni di anni nel futuro, l’evento mantiene saldamente l’interesse degli scienziati di oggi. Phobos è l’unica luna del nostro sistema solare. Appartiene ad un gruppo di lune che tendono all’ auto-distruzione, dal momento che migrano troppo vicino ai pianeti in cui orbita.

Phobos è l’ultima di queste lune che esistono ancora. Il suo destino fatale può dare ai ricercatori preziose informazioni sui primi momenti del sistema solare e la morte di altre lune.

9. La disintegrazione della luna

Solar System 9
In un lontano futuro, la nostra luna ha anche il tempo di fare un anello intorno alla Terra. Fortunatamente per gli amanti e licantropi provenienti da tutto il mondo, non accadrà prima di passare cinque miliardi di anni.

A differenza della situazione con Phobos, il colpevole responsabile della distruzione della nostra luna non è il pianeta su cui orbita, ma la palla di fuoco al centro del nostro sistema solare. Anche se il sole è una stella stabile, un giorno entrarà nella sua fase di gigante rossa, un evento solare che probabilmente strapperà la nostra povera luna a metà.

La luna attualmente si sta allontanando dalla Terra a una velocità quattro centimetri all’anno. Ma quando il sole si gonfierà durante la fase di gigante rossa, la sua atmosfera spingerà la luna così vicino alla Terra che le forze di marea romperanno il nostro satellite.

Un anello di detriti lunare di circa 37.000 km di diametro circonderà la Terra come un anello di Saturno. Come Phobos, l’anello  scomparirà appena i detriti lunari piovono sulla Terra.

8. Milkomeda

Sistema solare 8
La Via Lattea è destinata a entrare in collisione con una galassia vicina chiamata Andromeda. Le conseguenze per entrambe le galassie sono fatali, il che significa che la Via Lattea come lo conosciamo ha solo circa quattro miliardi di anni di vita residua.

La gravità sta attirando la Via Lattea e Andromeda tra loro ad un ritmo vertiginoso di 402.000 chilometri all’ora. Quando le due galassie a spirale si scontreranno, daranno origine ad una nuova galassia.

La collisione sarà un evento cosmico spettacolare che durerà un periodo incredibile di un miliardo di anni. Durante questa fase, le galassie passano attraverso movimenti di avvicinamento, allontanamento, e ancora una volta si abbracciano in un movimento a yo yo  finché l’unione è completa.

Nonostante tutte le stelle che esistono nelle due galassie, i ricercatori ritengono che qualsiasi collisione tra stelle è altamente improbabile. In questo senso, la nascita di una nuova galassia – soprannominata “Milkomeda” dagli astronomi – non ucciderà la Terra o il nostro sistema solare.

Tuttavia, il sole sarà così caldo quando accadrà che i nostri oceani saranno evaporati  e siamo già migrati in qualche altro luogo meno ostile o siamo già diventati polvere – non tutti possono vincere. Milkomeda sarà una galassia ellittica rossa. La Terra risiederà nella sua periferia, insieme al resto del nostro sistema solare.

7.Nube assassina

Solar System 7
Quando i ricercatori stavano facendo le simulazioni al computer, hanno scoperto che il nostro sistema solare può eventualmente incontrare  una nebbia mortale. Minuscole particelle di questa nube di gas può essere letale per tutta la vita sulla Terra.

Quando questa nube assassina di polvere e gas arriverà ci sarà molto clamore. Non sarà bloccata dal sole e si muoverà verso il sistema solare con un tuono nero e minaccioso e fulmini, causando il panico in coloro che sono ancora qui.

Il pericolo sta nella sua densità. Almeno 1000 volte più pesante di tutto ciò che sta sulla Terra è nella sua orbita, questa nube può agire come una forza fisica, spingendo indietro l’eliosfera protettiva del sole, che ci protegge dallo spazio  dai raggi cosmici.

Quando la nuvola troverà la terra, la polvere e il gas possono corrodere l’ossigeno nell’atmosfera. I raggi cosmici raggiungono la terra, mettendo in pericolo tutti gli esseri viventi con radiazioni mortali.

Questo disastro è uno dei più vicini a noi dal punto di vista dello spazio tempo. Secondo gli scienziati, la distanza della nube  è inferiore a quattro anni luce. In termini cosmici, questo è un mero ticchettio dell’orologio. Fortunatamente per noi, in anni umani, questa nube corrosiva è lontana ancora per millenni.

6. Ripetere Carrington

Sistema solare 6

Il 1 ° settembre 1859, un astronomo dilettante di nome Richard Carrington trova la peggiore tempesta solare nella storia. Chiamato  “Carrington Event”, un espulsione di massa coronale (EMC) sulla Terra che si è rivelata un vero successo direttamente in faccia al nostro pianeta.

A quel tempo, l’unico danno stava accadendo ai sistemi telegrafici. Ma nella società moderna, una ripetizione del Carrington Event introdurrebbe l’umanità in un disastro senza precedenti. La rete elettrica, probabilmente friggerebbe, e milioni di case e aziende sarebbero senza luce. Sistemi e trasformatori danneggiati potrebbero richiedere mesi per essere riparati o sostituiti.

Il risanamento finanziario potrebbe richiedere anni. Il deposito di cibo e medicine sarebbe  estremamente difficile. Tutti i servizi di energia elettrica, tra cui reporting, sarebbero interessati o addirittura spenti del tutto.

Allarmante, ci sono stati alcuni  episodi vicini di questa proporzione negli ultimi anni. Nel 2012, la terra ha perso una catastrofe per circa una settimana, quando un EMC che ha superato la potenza del Carrington Event ha raschiato di raggiungere il nostro pianeta.

La società moderna è in una posizione particolarmente vulnerabile a causa dell’elevatissima dipendenza elettrica. Il CME non può essere deviato o anche se è evidente per circa un’ora prima di raggiungerci, non è possibile qualsiasi risposta anticipata.

E questo non è un evento raro: gli scienziati hanno contato 15.000 CME tra il 1996 e il 2010. Essi credono che sia solo una questione di tempo, forse nel prossimo decennio.

5. Stelle della morte

Solar System 5

Un enorme ammasso di comete chiamato la nube di Oort forma una “bolla” intorno al nostro sole. Se una stella si muove attraverso la Nube di Oort o semplicemente passa abbastanza vicino in modo che la sua forza gravitazionale colpisce gli oggetti nella Nube di Oort, gli oggetti spostati potrebbero cadere nel sistema solare interno e provocare scompiglio tra i pianeti – tra cui la terra.

Gli scienziati hanno identificato alcune di queste “stelle della morte” che possono passare attraverso la Nube di Oort. La più pericolosa, una stella nana arancione chiamato HIP 85605, ha una probabilità del 90% di trascinare le comete attraverso la nube. Fortunatamente, il suo arrivo è previsto a più di 240.000 anni nel futuro.

Gliese 710, un’altra stella con le stesse possibilità, sarà vicino in un millennio o più. In realtà, ci sono più di 12 stelle della morte del nostro sistema solare nei prossimi due milioni di anni.

Le probabilità di una collisione tra un oggetto di Oort e la Terra è piccolo, ma non impossibile. Ci sono due crateri da impatto sulla Terra che possono probabilmente essere collegati al passaggio della stella HIP103738, che era vicino al sole quasi quattro milioni di anni fa.

4. parassita Ana

sistema solare 4

Circa 3.260 anni luce di distanza dal nostro sistema solare un sistema stellare binario chiamato T Pyxidis contiene una stella simile al nostro sole e una nana bianca che hanno un rapporto parassitario.

Una nana bianca è un parassita volatile che consuma gas ricco di idrogeno proveniente dal suo partner e erutta con esplosioni termonucleari ogni 20 anni come risultato. In termini di pericolo per la Terra, queste esplosioni sono come lo scoppio di una bolla di plastica.

Il vero problema si verifica quando una nana bianca diventa una supernova dopo aver accumulato un sacco di carburante dal suo vicino.L’esplosione sarà di tali proporzioni epiche che uccide la nana bianca e mette in pericolo la Terra con l’energia di 1.000 brillamenti solari. Si può anche distruggere strato di ozono della Terra, dopo i raggi gamma fanno ossidi di azoto sorgono nella nostra atmosfera.

I ricercatori stimano che la morte violenta della stella nana si verificherà tra circa 10 milioni di anni. Tuttavia, se la nana bianca  accumula  massa ad un ritmo più veloce di quanto attualmente calcolato, l’esplosione potrebbe accadere presto.

3.Collisione di pianeti

Solar System 3

Le orbite planetarie non sono stabili, e diventano molto meno stabile col passare del tempo. Quando gli scienziati hanno fatto simulazioni al computer sulle future orbite planetarie, hanno scoperto qualcosa di sorprendente e forse un po ‘inquietante.

In un paio di miliardi di anni, c’è una piccola possibilità che i pianeti del nostro sistema solare si scontrano tra di loro. Il modo in cui Mercurio orbita intorno al sole può essere sufficientemente esteso per attraversare la strada di Venere. Tale riunione potrebbe gettare Mercurio direttamente verso il sole, fuori dal sistema solare o addirittura in rotta di collisione con la Terra.

Tuttavia, questo scenario è abbastanza improbabile: i ricercatori hanno fatto 2.500 simulazioni di orbite planetarie e solo 25 hanno indicato una destabilizzazione così pericolosa dell’orbita di Mercurio. Inoltre, se Mercurio ha battuto Venere o il sole, non saranno interessati gli altri pianeti.

In un evento ancora meno probabile, il mercurio può essere destabilizzato, passando molto vicino alle forze gravitazionali di Giove. A sua volta, ciò destabilizzerebbe Marte. Il pianeta rosso diventerebbe un proiettile che la Terra non sarebbe in grado di schivare. Per passare molto vicino alla Terra, Marte causerebbe una collisione tra la Terra e Venere disturbando l’orbita di Venere.

2. Il grande cambiamento

Sistema solare 2

I ricercatori ritengono che ci sono diversi modi per la morte  dell’universo,mentre la maggior parte di essi ritiene che può accadere molto tempo dopo che l’umanità cessa di esistere, ci può essere una eccezione chiamata “il grande cambiamento”.

È simile a un semplice esperimento con l’acqua. Se il vetro e l’acqua sono entrambi eccezionalmente puliti, l’acqua non congela, anche se è mantenuta leggermente al di sotto del punto di congelamento.

L’acqua sarebbe sopraffusa, ma rimane allo stato liquido perché ha bisogno di un oggetto in modo che si verifica la formazione di ghiaccio. Se viene generato un pezzo di ghiaccio, l’acqua si congela rapidamente.L’universo è eventualmente in un tale stato sottoraffreddato, ma in termini di vuoto.

La fisica quantistica dice che anche i vuoti completi hanno una particella di energia. Ma il pericolo si annida in vuoti che hanno significativamente ancora meno energia. Con due sottovuoti con una differenza di potenza  il risultato sarà catastrofico.

Come l’acqua, il nostro universo – che è il vuoto con più energia nel caso – è in attesa di una dimensione di innesco per cambiare la sua forma come la conosciamo. Se un vuoto con meno energia appare in qualche modo nell’universo, il vuoto neonato crea rapidamente una bolla che si espande alla velocità della luce.Potrebbe distruggere tutto  gli esseri umani, le galassie e l’universo stesso.

1. Stelle Wolf-Rayet

Sistema solare 1

La costellazione del Sagittario contiene una potenziale minaccia che potrebbe riportare la vita sulla Terra al percorso che hanno avuto alcuni dinosauri milioni di anni fa. Una spirale di fuoco di nome WR 104 è dotata di due stelle nel suo centro, in orbitano intorno a vicenda.

Entrambe sono state progettate per autodistruggersi come supernovae. In realtà, si è già nell’ultima fase prima della loro massiccia esplosione stellare. Questa stella si chiama Wolf-Rayet ed è considerata una bomba a orologeria nello spazio.

La Wolf-Rayet può diventare una supernova nei prossimi cento mila anni. A causa della sua posizione, potrebbe innescare raggi gamma verso la Terra.lampi di raggi gamma attualmente sono considerate le più potenti esplosioni dell’universo – si concentra più energia in un minuto rispetto a quella accumulata dal sole  durante il corso della vita di 10 miliardi di anni.

Una volta che le radiazioni si muovono alla velocità della luce,  non avremmo il tempo vederli arrivare. Il  sistema a spirale WR 104 si trova a circa 8.000 anni luce di distanza, ma può anche causare il caos sulla Terra. Se questi raggi gamma raggiungono la terra, ci potrebbero essere estinzioni su larga scala. Vorremmo a sperimentare uno scenario di disastri agricoli, le piogge acide e la fame per i sopravvissuti.

Un clima più freddo e uno strato di ozono diluito permetterebbero ai raggi ultravioletti più nocivi di penetrare la nostra atmosfera. Chiunque vive sul lato della terra che ha affrontato l’impatto sperimenta la radiazione simile a una detonazione nucleare e soffre malattie causate da essa. In breve, saremmo fritti. [ Listverse ]

Fonte:http://hypescience.com/10-eventos-vao-atingir-sistema-solar-no-futuro/

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’€™iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.