Quello che gli scienziati hanno appena scoperto in Groenlandia potrebbe fare innalzare velocemente il livello dei mari

Redazione Blue Planet Heart
tratto da www.washingtonpost.com

L’aumento delle temperature globali sta interessano lo strato di ghiaccio della Groenlandia, e il suo contributo all’innalzamento del livello del mare, secondo un nuovo studio, è molto più grave di quanto gli scienziati immaginavano. Le recenti modifiche alla copertura di neve e ghiaccio dell’isola sembrano aver colpito la sua capacità di immagazzinare l’acqua in eccesso, il che significa più acqua di scioglimento dei ghiacci al largo nell’oceano di quanto si pensasse.

Questa è una notizia preoccupante per i precari strati di ghiaccio della Groenlandia, che gli scienziati dicono che ha già perso più di 9 trilioni di tonnellate di ghiaccio nel secolo scorso e il cui tasso di fusione sta continuando ad aumentare in quanto le temperature continuano a riscaldarsi. La NASA stima che la calotta glaciale della Groenlandia sta perdendo circa 287 miliardi di tonnellate di ghiaccio ogni anno, in parte a causa della fusione superficiale e in parte a causa del distacco di grandi blocchi di ghiaccio.

Loading...

firn
Il nuovo studio, pubblicato questa settimana sulla rivista Nature Climate Change, si concentra su una parte della calotta di ghiaccio conosciuta come “firn”, uno strato poroso di neve accumulata che congela lentamente in ghiaccio nel corso del tempo. E’ considerata una parte importante della calotta di ghiaccio per la sua capacità di intercettare e immagazzinare l’acqua in eccesso prima che sia in grado scivolare lungo la superficie del ghiacciaio, un servizio essenziale che aiuta a mitigare l’innalzamento del livello del mare che altrimenti sarebbe causa del riversarsi dell’acqua in mare.

“Poiché questo strato è poroso ed i pori sono collegati, teoricamente tutto lo spazio dei pori in questo strato chiamato “firn” serve ad assorbire l’acqua in percolazione nel firn stesso ogni qualvolta avviene la fusione in superficie,” ha detto l’autore principale del nuovo studio, Horst Machguth del Geological Survey di Danimarca e Groenlandia, in una email a The Washington Post. Nel corso del tempo, l’acqua di fusione che filtra gocciola verso il basso attraverso il firn e si ricongela.

Fino a poco tempo fa, molti scienziati ipotizzavano che la maggior parte del ghiaccio caratterizzato dal firn in Groenlandia fosse ancora disponibile per assorbire l’acqua derivante dal disgelo, ma la nuova ricerca mostra che questo probabilmente non è più il caso. Attraverso le osservazioni a terra, gli scienziati hanno dimostrato che la recente formazione di strati di ghiaccio densi vicino alla superficie della calotta di ghiaccio stanno rendendo più difficile per l’acqua liquida di percolare nel firn, facendola così scivolare via.

“Se si guarda ad alcuni altri studi, che sostenevano che il firn avesse la capacità illimitata per la ritenzione di acqua, questo studio dimostra che non è questo il caso”, ha detto Kurt Kjær, curatore e ricercatore presso il Natural History Museum della Danimarca, che ha studiato le dinamiche dei ghiacciai sulla calotta glaciale della Groenlandia, ma non è stato coinvolto nello studio.

I ricercatori hanno condotto il loro studio, esaminando campioni di ghiaccio perforato nel firn della Groenlandia occidentale tra il 2009 e il 2015. Essi volevano scoprire come una serie di estati particolarmente calde, che ha causato in particolare eventi significativi di fusione nel 2010 e nel 2012, potrebbe aver influenzato la calotta di ghiaccio.

“Credo che il risultato più importante del nostro studio mostra che il firn reagisce più rapidamente del previsto a un riscaldamento atmosferico”, ha detto Machguth nella sua e-mail. Esaminando i nuclei, i ricercatori hanno scoperto che il diluvio di disgelo negli ultimi anni era colato nelle “firn” e si era congelato in blocchi chiamati “lenti di ghiaccio.” Queste lenti poi hanno cominciato a ostacolare qualsiasi acqua liquida in più gocciolasse verso il basso attraverso il firn, facendo si che l’acqua che colava iniziasse ad accumularsi e congelare vicino alla superficie, aumentando il numero e lo spessore delle lenti esistenti in una sorta di circolo vizioso.

firn2
I carotaggi hanno mostrato che le lenti si sono ispessite rapidamente tra il 2009 e il 2012, Machguth  ha detto. Poi, a partire dal 2012, è avvenuto un altro cambiamento.

“Nel nostro sito principale oggetto dello studio, l’intensa fusione dell’estate 2012 non ha portato a un forte aumento dello strato di ghiaccio in quanto il fenomeno era già in atto”, ha scritto a il Post. “Invece, nella sede principale del campo di ricerca abbiamo potuto osservare come lo strato di ghiaccio ha costretto l’acqua di disgelo a scivolare lungo la superficie.”

Questo effetto è stato più pronunciato ad altitudini più basse nella Groenlandia occidentale, dove l’acqua per prima è scivolata giù per la calotta di ghiaccio che si è accumulato. Ma Machguth e i suoi colleghi prevedono che lo stesso processo di formazione delle lenti di ghiaccio continuerà a verificarsi ad altitudini più elevate, e la quantità di acqua di disgelo sarà costretta a correre fuori dal ghiacciaio, non avendo firn disponibile per poterci gocciolare all’interno, e quindi non farà che aumentare.

Questa non è solo una preoccupazione sulla base del suo possibile contributo all’innalzamento del livello del mare in quanto i ricercatori suggeriscono inoltre che un aumento del deflusso potrebbe portare ad alcuni processi di feedback che causerebbe l’aumento della fusione in futuro. Il deflusso delle acque può dar vita a canali nella superficie della calotta di ghiaccio e creare aree fangose, si nota nel documento, che potrebbero causare una riduzione dell’albedo, la capacità dello strato di ghiaccio di riflettere la luce solare lontano dalla sua superficie. Con più luce solare assorbita, piuttosto che riflessa, la temperatura della superficie potrebbe diventare ancora più calda e provocare tassi di fusione accelerati.

E questi cambiamenti nel firn sono in gran parte irreversibili. Anche su nuovo firn dovesse formarsi con copiose nevicate che si accumulino sulla superficie della Groenlandia, il processo potrebbe richiedere decenni e non essere in grado di verificarsi in un clima sempre più caldo.

Questo particolare studio è stato condotto solo in Groenlandia occidentale, per cui gli scienziati non possono dire con certezza se i loro risultati possono essere applicati a tutta l’isola. Sarebbe illuminante condurre studi analoghi in altre parti della calotta di ghiaccio, Machguth ha osservato.

Ma nel frattempo, le osservazioni rappresentano un importante passo avanti nella comprensione dei processi che interessano la Groenlandia, e potrebbero aiutare gli scienziati a migliorare le simulazioni che utilizzano per fare previsioni su cosa accadrà alla calotta di ghiaccio in futuro. “Quando si ottiene questo tipo di set di dati, un nuovo tipo di conoscenza, naturalmente dovrebbe essere inserita nei modelli”, ha detto Kjær, lo scienziato Museo di Storia Naturale.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

 Pianetablunews lo trovi anche su google plus
 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.