Nabta Playa e gli antichi astronomi del deserto nubiano

Nabta Playa è un sito straordinario composto da centinaia di tumuli preistorici, stele, e  strutture megalitiche situate nel deserto nubiano, a circa 100 chilometri a ovest di Abu Simbel in Egitto meridionale. Essi sono il risultato di una comunità urbana avanzata che nacque circa 11.000 anni fa, e ha lasciato dietro un enorme assemblaggio di pietre, che sono state etichettate dagli scienziati come i più antichi allineamenti astronomici di megaliti nel mondo. Alcuni archeologi ritengono che il popolo di Nabta Playa era la civiltà precursore per le prime città del Nilo sorte in Egitto migliaia di anni più tardi.

Gli antichi resti di Nabta Playa sono stati scoperti nel 1974 da un gruppo di scienziati guidati da Fred Wendorf, un professore di antropologia della Southern Methodist University in Texas, quando hanno notato cocci e altri manufatti che spuntavano dalla sabbia del deserto. Wendorf ha fatto numerose visite al sito nel corso degli anni 1970 e 1980, ogni volta scoprendo qualcosa di nuovo.Ma  diversi decenni prima  i ricercatori hanno scoperto decine di strutture in pietra che sono note ancora oggi, e hanno cominciato a rendersi conto del ruolo e dell’importanza di questi grandi megaliti.

La posizione di Nabta Playa è cerchiato al centro in basso

La posizione di Nabta Playa è cerchiato al centro in basso ( Wikimedia Commons )

I primi Popoli di Nabta Playa

Sebbene Nabta Playa attualmente si trova all’interno di un deserto arido e spietato, non è stato sempre così. Gli scienziati sono stati in grado di determinare che intorno al 10.000 aC, un cambiamento climatico si è verificato il Nord Africa causato da uno spostamento verso nord dei monsoni estivi. Questo cambiamento ha portato abbastanza pioggia per la regione per riempire un numero di Playas (laghi asciutti) per almeno diversi mesi l’anno, e quindi sostenere la vita sia per gli animali e gli esseri umani.

Loading...

L’evidenza archeologica sembra suggerire che i primi insediamenti di persone in Nabta Playa sono ​​tra 11.000 e 9.300 anni fa. Wendorf, e l’etno-linguista Christopher Ehret, hanno suggerito che le persone che occupavano la regione  erano pastori nomadi, che possono aver istituito campi stagionali. Le persone di quel tempo ammassavano bestiame e costruivano recipienti di ceramica. Anche se sono stati trovati pochi reperti di ceramica di questo periodo di tempo, quelli trovati sono considerati tra i più antichi identificato in Africa.

Circa 9000 anni fa, gli insediamenti sono diventati più grandi e più sofisticati e le persone costruirono capanne con focolari, disposti in file diritte, e hanno iniziato a scavare in profondità per trovare  pozzi, permettendo loro di avere una fornitura di acqua per tutto l’anno, fornendo così la condizioni necessarie per l’insediamento permanente. Durante questo periodo, nella zona cerano prati con gazzelle e lepri e gli abitanti erano in grado di sopravvivere cacciando e mangiando piante selvatiche. Da circa 8100 anni fa, ci sono prove di addomesticamento degli animali, tra cui capre e pecore, e la creazione di una forza lavoro organizzata.

Tra 8.000 e 7.000 anni fa, la regione ha subito due gravi siccità che hanno causatoun abbassamento del livello dell’acqua  in modo significativo. Nabta Playa diventata iper-arida e praticamente senza vita e gli insediamenti sono stati abbandonati. Tuttavia, le siccità infine si sono placate e, dopo una pausa di 1.000 anni, gruppi di persone sono ritornate alla Playa. Fu da questo momento in poi, che la regione ha visto l’arrivo di una società sostanzialmente più complessa e avanzata e fu in questo periodo che la maggior parte delle strutture megalitiche sono state costruite.

Le strutture in pietra di Nabta Playa.

Nell’arco di diversi millenni di abitazione, il popolo di Nabta Playa ha costruito numerosi monumenti megalitici, tra cui cerchi di pietre, tombe sotterranee, enormi lastre di pietra, e file di stele, che si estendono su circa 2.500 metri. I monumenti megalitici sono tra alcuni dei più antichi del mondo, pre-datate da Stonehenge di migliaia di anni.

Il cerchio calendario

Una delle strutture più significative a Nabta Playa è un cerchio di pietre. Risalente ad almeno 7000 anni, il cerchio di pietre è tra  i più antichi di dispositivi archeoastronomici, concepito come un calendario preistorico per marcare due importanti fenomeni celesti – il solstizio d’estate, che è associato con l’insorgenza di piogge estive, e la disposizione delle stelle nel cielo notturno, utilizzate per guidare se stessi attraverso il deserto.

Il cerchio di pietra, che misura solo quattro metri di diametro, è costituito da un numero di pietre, compreso quattro coppie di pietre più grandi, e poi una serie di pietre più piccole. Al centro del cerchio ci sono due file di tre pietre. Utilizzando la tecnologia satellitare, le indagini di Wendorf e dell’University of Colorado, e J. McKim Malville, hanno rivelato che due delle coppie si allineano per formare una linea nord-sud, mentre le altre due coppie formano una linea est-ovest.L’allineamento est-ovest è calcolato  dove il sole sarebbe sorto e impostare il solstizio d’estate 6500 anni fa.

Astrofisico Thomas G. Brophy, ex fisico NASA, suggerisce che la fila meridionale di tre pietre all’interno del cerchio rappresentano le tre stelle della cintura di Orione, mentre le altre tre pietre rappresentano le spalle e le teste delle stelle di Orione come apparivano nel cielo migliaia di anni fa.

Cenni di posizioni di pietra nel cerchio del calendario.

Cenni di posizioni di pietra nel cerchio del calendario. Fonte immagine: Wikipedia

Più a sud, ci sono due collinette piatte, che sono state, naturalmente, formate dai venti del deserto, e contenevano numerose strutture megalitiche, la maggior parte delle quali sono ora ammassi di rocce rotte. Lungo la collina a nord, un lungo tratto di 600 metri di grandi megaliti verticali è stato costruito, alcuni dei quali pesavano diverse tonnellate. Malville ha sostenuto che la disposizione delle pietre sulle collinette sono state allineati a Ursa Majoris (una stella nana gialla a circa 46 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Orsa Maggiore), tra 6.700 e 6.000 anni fa.

Foto di presentazione: Nabta Playa calendario nel Museo Aswan Nubia. Photo credit: Rawmbetz-Wikipedia

Riferimenti:

F. Wendor e R. Schild (1998). Ritardi strutture megalitiche del Neolitico a Nabta Playa (Sahara).Disponibile da: http://www.egyptologie.be/nabta_playa_W&S.htm

F. Wendorf e R. Schild (1998). Nabta Playa e il suo ruolo nella Northeastern Preistoria africana, Journal of Archaeology antropologico, 17, pp 97-123.

F. Wendorf e R. Schild (2004). I Megaliti di Nabta Playa. Focus su Archeologia, Academia 1, n. 1,pp 10-15.

M. Gaffney (2006). Gli astronomi di Nabta Playa. Atlantis Rising, 56 , pp 42-43.

J. McK Malville, R. Schild, F. Wendorf, e R. Brenmer (2007). Astronomia Nabta Playa. African Sky, 11, p 2.

 

Fonte:http://www.ancient-origins.net/ancient-places-africa/nabta-playa-and-ancient-astronomers-nubian-desert-002954

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine di Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth € ed al nostro profilo su twitter.

Per l’€™iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto mi piace” e poi su €œricevi notifiche € per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.