UN RARO ARCOBALENO A NOTTE FONDA SUL PONTE DI CASTELVECCHIO A VERONA.

Alessandra Piasecka, fotografa professionista, è l’autrice dell’affascinante scatto del “moonbow” sul ponte di Castelvecchio a Verona. “Vado a caccia di arcobaleni quando il sole è tramontato…” E’ così che la freelancer racconta una sua passione per un fenomeno raro, molto difficile da catturare, perché quasi impercettibile all’occhio umano. www.alessandrapiasecka.com

Alessandra Piasecka - Verona - Moonbow - Ponte di Castelvecchio

Clicca sull’immagine per vederla in alta risoluzione

Loading...

 

Questo straordinario scatto è il risultato dell’incontro tra ricerca, studio, passione e l’unione tra pazienza e tenacia. La fotografia, secondo Alessandra, in questo caso, è la scoperta, attraverso “l’occhio artificiale” della fotocamera, di una realtà che altrimenti ci sarebbe negata. All’occhio umano l’arcobaleno lunare appare, infatti, bianco. Più che mai la fotografia è da considerarsi una disciplina a supporto dell’intero mondo scientifico.
Trovarsi al momento giusto nel posto giusto per immortalare gli arcobaleni, ma non quelli classici che si possono vedere nei cieli durante le giornate dopo una pioggia per effetto della luce del sole bensì quelli di luna, i “moonbows”: così vengono chiamati gli arcobaleni che si rivelano grazie alla rifrazione della luce della luna piena e non di quella solare.
Alessandra spiega che questi fenomeni molto rari sono possibili grazie ad alcuni fattori che devono verificarsi contemporaneamente: il cielo particolarmente buio, la luna piena, la presenza di umidità portata dalle nubi dopo la pioggia, l’assenza dell’effetto “spray”, il lungo tempo di esposizione dello scatto che deve essere effettuato dopo il tramonto.

La fotografa racconta la sua entusiasmante esperienza: “Le nuvole pian piano si sono diradate, dopo una breve e leggera pioggia e la luna appariva piena in un cielo molto buio dopo il tramonto; ho deciso di scattare pensando alle condizioni favorevoli, senza però avere nessun supporto visivo. Il passaggio successivo è ovviamente il controllo del file Jpeg-RAW per verificare la presenza o meno del fenomeno: un’emozione infinita per il risultato ottenuto. Un progetto come questo nasce dallo studio delle condizioni atmosferiche, dalla pianificazione e dalla verifica dei dati che devono restituire la sicurezza della realizzazione dello scatto, così come voluto.

Alessandra Piasecka

www.alessandrapiasecka.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...