PAZZESCO: CREATA UNA NUOVA ISOLA DAL TERREMOTO DI MAGNITUDO 7.7 AVVENUTO IN PAKISTAN

E il bilancio dei morti rischia di aumentare in maniera considerevole. Saranno necessari aiuti umanitari internazionali.
Il terremoto di magnitudo 7.7 è stato così potente da sollevatre nuove terre dal mare Arabico.

24 SETTEMBRE 2013 – PAKISTAN – Un enorme terremoto di magnitudo 7.7 ha colpito la parte sud e centrale del Pakistan, nel pomeriggio di ieri, ora locale. L’USGS avverte che ci saranno un alto numero di vittime e ingenti danni economici, che richiedono una risposta internazionale. I sismologi hanno anche confermato che il sisma ha sollevato una nuova isola, di circa 30-40 metri di altezza, al largo della costa. L’isola si trova a circa mezzo miglio al largo della costa di Gwadar, nel Mare Arabico. Già molta folla si è riunita per vedere l’isola, come riporta l’International Herald Tribune, che si presenta come un montagna su un’isola rocciosa. Alcuni affermano che emerge per almeno 100 metri di altezza sul livello del mare. Non è insolito per i terremoti di questa portata il fatto che riescano a modificare la costa, o addirittura anche deformare la forma del pianeta.

Nel 2010, un terremoto di magnitudo 8,8 in Cile ha creato nuove linee costiere in quel paese e ha cambiato la forma della Terra, abbastanza per accorciare i nostri giorni di una frazione di secondo. Oggi in Pakistan, le stime dei danni è ancora provvisoria, e potrebbero essere necessari molti giorni prima di conoscere la piena portata delle perdite perché il sisma ha colpito in molte regioni che sono remote. La città più vicina all’epicentro è Arawan, dove i danni si dice che siano estesi e catastrofici, con case crollare e persone intrappolate all’interno. Finora, il bilancio dei morti si aggira intorno alle 50 unità, ma questo numero è destinato a crescere, pian piano che i servizi di emergenza raggiungeranno le zone più colpite.

Le popolazioni vicine all’epicentro sono di scarsa entità, ma secondo l’USGS, il problema è che sono estremamente vulnerabili.

Loading...

Infatti la maggior parte delle case è fatta di materiali come la muratura di mattoni non rinforzata, che si sbriciola rapidamente con i terremoti e può essere mortale. Karachi è un’altra città vicina, con milioni di residenti, le cui case potrebbero essere state anch’esse colpite.L’evento è stato avvertito anche a New Dehli in India.

L’USGS ha pubblicato un breve riassunto scientifico della natura del sisma: Il 24 Settembre 2013 si è verificato un terremoto i M 7.7 nel centro-sud del Pakistan a causa di movimento di tipo obliquo-strike-slip a basse profondità crostali.  La posizione e il meccanismo del terremoto sono coerenti con la rottura all’interno della piastra Eurasiatica sopra la zona di subduzione Makran. L’evento si è verificato all’interno della zona di transizione tra nord subduzione della placca Arabica sotto la placca Eurasiatica e verso nord con la collisione della placca Indiana con quella Eurasiatica. L’epicentro dell’evento è stato calcolato 69 km a nord di Awaran, Pakistan, e 270 km a nord di Karachi, Pakistan (popolazione 11,6 milioni). Tradotto da I09

Fonte:http://blueplanetheart.blogspot.it/2013/09/pazzesco-creata-una-nuova-isola-dal.html

 

nuovo-logo-paginaRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere. Ecco il link della pagina: Pianeta blu   -Pianetablunews lo trovate anche su su twitter

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth
Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.