“Non possiamo più ignorare l’esistenza di civiltà extraterrestri”: il “Progetto Galileo” a caccia di prove lasciate dalla tecnologia aliena

Spazio, annunciato il Progetto Galileo: parte la caccia alla vita extraterrestre e alle sue “briciole di pane”, le tecnofirme

Gli astronomi hanno annunciato una nuova impresa allo scopo di fare progredire la ricerca da parte dell’umanità di artefatti provenienti da civiltà tecnologiche extraterrestri (ETC): The Galileo Project.
Il progetto mira a rispondere alla domanda “siamo i bambini più intelligenti del nostro quartiere cosmico?
L’annuncio è arrivato dall’astrofisico di Harvard Avi Loeb, co-fondatore dell’iniziativa, durante una conferenza stampa.

Loading...

Loeb ha co-fondato l’ambizioso progetto insieme a Frank Laukien, presidente e CEO di Bruker Corp., una società con sede in Massachusetts che sviluppa e produce apparecchiature scientifiche.

Il team internazionale ha lavorato con l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics a Cambridge, nel Massachusetts, per realizzare il progetto con un obiettivo principale in mente, cioè “portare la ricerca di firme tecnologiche extraterrestri da osservazioni e leggende accidentali o aneddotiche al mainstream di ricerca scientifica sistematica, trasparente, convalidata,” hanno affermato i ricercatori in una nota.
Nelle ultime due settimane, il progetto ha ricevuto donazioni per un totale di 1,755 milioni di dollari, gettando le basi per il progetto Galileo, ha dichiarato Loeb in conferenza stampa.

Il Progetto Galileo supporta la ricerca non solo della vita extraterrestre stessa, ma anche di prove di civiltà avanzate che potrebbero lasciarsi dietro indizi attraverso la tecnologia che hanno creato, “briciole di pane” note come tecnofirme.

spazio astronomia cielo stellato

Data l’abbondanza recentemente scoperta di esopianeti in zone abitabili, con potenziale per la vita extraterrestre, il Progetto Galileo è dedicato alla prospettiva in base alla quale gli esseri umani non possono più ignorare la possibile esistenza di ETC,” ha affermato Loeb nella dichiarazione. “La scienza non dovrebbe rifiutare potenziali spiegazioni extraterrestri a causa dello stigma sociale o delle preferenze culturali che non favoriscono il metodo scientifico di un’indagine empirica imparziale. Ora dobbiamo ‘osare guardare attraverso nuovi telescopi’, sia letteralmente che figurativamente“.

La Terra non è estranea ai “visitatori extraterrestri”: secondo un rapporto dell’Office of the Director of National Intelligence (ODNI) consegnato al Congresso il 25 giugno, una serie di fenomeni aerei non identificati (UAP) – di natura sconosciuta – sono stati segnalati principalmente dal personale della Marina attraverso più mezzi, incluso il radar e l’osservazione visiva.

Con un progetto così potenzialmente di vasta portata in termini di progresso scientifico ed esplorazione dell’universo, è importante stabilire alcune regole di base fin dall’inizio, ha affermato Laukien in conferenza stampa: “È molto importante tenere a mente che il progetto Galileo non è per tutto, e non è per tutti“, “ha un ambito definito e ha dei limiti“.

L’impresa prenderà in considerazione solo spiegazioni fisiche note e analizzerà i dati raccolti nell’ambito del Progetto Galileo. Non tenterà di speculare su precedenti UAP, presunte osservazioni o rapporti informali, hanno affermato i ricercatori nella dichiarazione.
Possiamo forse dedurre la natura di questi oggetti non identificati. Potrebbe essere un fenomeno atmosferico o qualche altra origine che ha una spiegazione banale, ma vogliamo capirlo,” ha detto Loeb in conferenza stampa. “Vogliamo dissipare la nebbia attraverso un’analisi trasparente e scientifica assemblando i nostri dati, non dati basati su sensori di proprietà del governo, perché la maggior parte di quei dati è secretata“.

I ricercatori sperano di fare luce sui fenomeni extraterrestri seguendo tre principali vie di ricerca: ottenere immagini ad alta risoluzione di UAP utilizzando più rivelatori per scoprirne la natura, condurre ricerche approfondite su oggetti interstellari e cercare potenziali satelliti ETC.

Dopo essersi assicurati dei fondi, il team ha intenzione di partire con slancio: “Abbiamo riunioni su base settimanale e stiamo attualmente selezionando gli strumenti che prevediamo di acquistare,” ha affermato Loeb. “Speriamo di ottenere risultati interessanti nel prossimo anno“.

Attualmente, il progetto mira a creare decine di sistemi di telescopi in tutto il mondo: ognuno sarà composto da circa due telescopi da 10 pollici (25 centimetri) con una fotocamera adatta a catturare oggetti di interesse, collegati a un sistema informatico che filtrerà i dati, ha precisato Loeb. Il team lavorerà anche per sviluppare un software che analizzerà i dati raccolti dal Vera Rubin Observatory che dovrebbe essere operativo nel 2023.

Il Progetto Galileo è stato paragonato al lavoro dell’astronomo italiano Galileo Galilei, le cui scoperte rivoluzionarie hanno cambiato la visione dell’umanità nei confronti dell’universo.
L’importanza delle potenziali scoperte di prove scientifiche rigorosamente convalidate della tecnologia extraterrestre potrebbe essere simile nell’impatto sull’astronomia e sulla nostra visione del mondo come è stato l’uso pionieristico dei telescopi per le osservazioni astronomiche da parte di Galileo,” hanno affermato i membri del progetto Galileo sul sito web del progetto.

Il Progetto Galileo è finanziato da donazioni e impegni di vari singoli e fondazioni. Tutti i dettagli sul team di ricerca e i comitati consultivi sono presenti sul sito web del progetto Galileo.

Filomena Fotia

Fonte: www.meteoweb.eu

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...