Scoperto uno dei più grandi dinosauri al mondo: “Cooper” è lungo come un campo da basket

Sensazionale scoperta quella fatta da un team di paleontologi in Australia dove è stato trovata una nuova specie di enorme dinosauro lungo almeno 30 metri

Lo hanno soprannominato “Cooper”, nome scientifico Australotitan cooperensis. Si tratta di una nuova specie di dinosauro scoperta da un team di paleontologi in Australia e ritenuta la più grande ad oggi conosciuta nel Paese nonchè una delle più grandi al mondo. Stiamo parlando di un sauropode erbivoro che avrebbe vissuto sulla Terra tra 92 e 96 milioni di anni fa (nel Cretaceo) e che non passava di certo inosservato: poteva infatti raggiungere i 6 metri e mezzo di altezza ed una lunghezza di quasi 30 metri, paragonabile a un campo da basket in lunghezza e ad un edificio a due piani in altezza. Nel periodo in cui ha vissuto in Australia il continente si trovava ancora attaccato all’Antartide: ci sono voluto 17 anni di costanti ricerche per poter dare lo storico annuncio in una specifica ricerca pubblicata in questi giorni.

Loading...

Tutto è iniziato nel 2006 quando nei terreni utilizzati per l’allevamento di bestiame nella logalita di Eromanga, nel Queensland, sono state rinvenute le prime ossa della gigantesca creatura, il cui nome scientifico è stato scelto combinando “titano del sud” con il nome di un torrente che scorre nelle vicinanze della zona del ritrovamento. Pochissimi altri dinosauri raggiungevano tali dimensioni tanto che Cooper è considerato uno dei cinque più grandi al mondo, insieme ad un gruppo di titanosauri dei quali sono state rinvenute tracce in Sud America. Scott Hocknull, curatore del Queensland Museum e paleontologo, ha dichiarato che “scoperte come questa sono solo la punta dell’iceberg”. Per arrivare alla conferma le ossa di Cooper sono state dissotterrate e confrontate con quelle conosciute e conservate nei musei di tutto il mondo. Sfruttando una innovativa tecnologia digitale, il team dell’Eromanga Natural History Museum e del Queensland Museum ha usato scansionato ogni osso in 3D e confrontarle con quelle di altre specie sia nel Queensland che nel resto del mondo. L’Eromanga Natural History Museum è stato fondato da Robyn Mackenzie insieme al marito Stuart dopo aver scoperto le ossa nella loro proprietà mentre stavano radunando il bestiame. Nella zona da allora sono stati scoperti altri scheletri e di un presunto sentiero che i sauropodi percorrevano.

Daniele R.

Fonte: www.scienzenotizie.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...