Michio Kaku spiega perché non dovremmo contattare la vita aliena – e non è carino

Una volta trovati segni di vita aliena dovremo affrontare una nuova domanda, presumendo che non abbiano fatto la prima mossa: dovremmo prendere contatto?

Il famoso fisico Michio Kaku si è chiarito sull’argomento nel corso degli anni, affermando che crede che troveremo la vita aliena, e se lo faremo dovremmo stare attenti a stabilire un contatto. In una nuova intervista con The Guardian , è andato oltre, definendola “un’idea terribile”.

Loading...

“Presto avremo il telescopio Webb in orbita e avremo migliaia di pianeti da guardare, ed è per questo che penso che le probabilità siano piuttosto alte che possiamo entrare in contatto con una civiltà aliena”, ha detto alla pubblicazione .

“Ci sono alcuni miei colleghi che credono che dovremmo metterci in contatto con loro. Penso che sia un’idea terribile. Sappiamo tutti cosa è successo a Montezuma quando ha incontrato Cortés in Messico centinaia di anni fa”.

Per chi non lo sapesse, le forze spagnole – guidate da Cortés – massacrarono gli aztechi disarmati finché “ il sangue dei guerrieri non fluì come l’acqua ”, il che non suona come un risultato ideale del primo contatto con la vita aliena. Kaku ha ampliato l’idea , spiegando che sebbene creda che la vita aliena sarà per lo più pacifica – dato che le firme che probabilmente troveremo saranno di civiltà di migliaia o forse milioni di anni prima di noi”. Significa che dovremmo rischiare di annunciarci all’universo.

“Non possiamo correre il rischio”, ha detto nel 2018 . “Non dovremmo cercare di pubblicizzare la nostra esistenza alla vita aliena nello spazio perché non conosciamo le loro intenzioni”.

Il pericolo, egli crede, non è che gli alieni siano “malvagi” di per sé, ma piuttosto che potrebbero non interessarsi affatto di noi. Ha paragonato la nostra posizione nell’universo a quella di un cervo nella foresta. Mentre i cacciatori nella foresta rappresentano una minaccia per i cervi, il vero pericolo proviene dagli sviluppatori che potrebbero pavimentare la foresta e distruggere il loro ambiente.

“In effetti, se leggi il romanzo La guerra dei mondi, i marziani nel romanzo di HG Wells non erano malvagi nel senso che volevano torturarci e volevano fare ogni sorta di cose barbare all’umanità”, ha aggiunto. “No, eravamo solo d’intralcio.”

Credito immagine: Magnus siotrom

James Felton

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...