La Cina ha in programma di manipolare il tempo: vuole controllare le nuvole e la pioggia ed eliminare la grandine

Il più grande progetto di ingegneria climatica è già in corso nel Paese asiatico e i sospetti non smettono di crescere.

Una delle idee tecnologiche più ambiziose degli ultimi decenni ha incuriosito molti. È un progetto che la Cina ha già avviato, prevede di manipolare le nuvole e le piogge del suo Paese . Ma la cosa più sorprendente è che vuole farlo su una scala mai vista prima, in più della metà del territorio, che si traduce in 5 milioni di chilometri quadrati.

Loading...

Lo ha annunciato ufficialmente il Consiglio di Stato cinese lo scorso dicembre, rendendolo una realtà che si avvicina sempre di più. Circa la metà della popolazione mondiale è in attesa e c’è già chi accenna alla possibilità di una guerra meteorologica . Tanto più che Pechino ha annunciato che il programma sarà esteso anche a un obiettivo globale.

LA CINA PREVEDE DI BATTERE I RECORD

Secondo la nota ufficiale delle autorità cinesi, il progetto dovrebbe essere completato entro il 2025 nel 56% dello spazio totale del Paese . Questo si riferisce a pioggia e neve. Ma in termini di rimozione della grandine, saranno completati 580.000 chilometri quadrati. Ed entro il 2030, la modifica del clima dovrebbe raggiungere un livello avanzato.

I sospetti crescono. Perché mentre le stime dovrebbero aiutare a superare i problemi di siccità e grandine. Oltre ad aiutare a proteggere l’ambiente evitando incendi o temperature molto elevate, qualcosa potrebbe anche andare storto. Poiché provocare lo scaricamento delle nuvole in un paese equivale a impedire loro di farlo in un vicino. E a causa delle dimensioni del progetto da sviluppare, potrebbe interessare l’India, popolazione con la quale la Cina vede già problemi di confine.

SE PIOVE DI PIÙ IN CINA, NON PIOVERÀ NEI PAESI VICINI?

La co-presidente del gruppo specializzato sui cambiamenti meteorologici dell’Organizzazione meteorologica mondiale, Andrea Flossmann, ha espresso la sua opinione in merito:

Al momento non abbiamo prove che ci sia un ‘furto’ di acqua da parte del vicino, ma finora la semina delle nuvole non è stata fatta su così larga scala

Lo scienziato spiega anche che la Spagna ha seminato in passato le nuvole , Israele lo fa adesso. Mentre altri paesi come Francia, Russia, Romania e Moldova , realizzano programmi di prevenzione della grandine. E oggi la semina delle nuvole per l’aumento delle precipitazioni si sta verificando su larga scala in Asia, Africa e America.

Da parte sua, Xulio Ríos, direttore dell’Osservatorio di politica cinese, colloca questo progetto in un altro contesto. Sottolinea che c’è un grave problema di risorse idriche nel paese , soprattutto a causa del Mekong. Si riferisce al corso d’acqua più importante del sud-est asiatico e dove da anni si registrano polemiche sui giacimenti e sulle centrali elettriche cinesi. Che a loro volta contribuiscono ai problemi ambientali.

POSSIAMO CONTROLLARE IL TEMPO? O CI STIAMO SOLO AVVICINANDO A UN ALTRO PROBLEMA METEOROLOGICO?

Foto di Dimitris Vetsikas da Pixabay 

Julio Sergio Marcano

Fonte: www.bioguia.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...