Gli archeologi trovano una vasta rete di villaggi amazzonici disposti come il cosmo

Secondo un nuovo studio, miliardi di laser sparati da un elicottero sulla foresta amazzonica brasiliana hanno rilevato una vasta rete di villaggi circolari e rettangolari da tempo abbandonati, datati dal 1300 al 1700.

I villaggi rotondi avevano una disposizione molto simile, con colline allungate che circondavano una piazza centrale, come le ore di un orologio.

Loading...

“Queste ultime colline allungate, se viste dall’alto, sembrano i raggi del sole, hanno scritto i ricercatori nello studio.

Vista della foresta pluviale amazzonica dall'elicottero durante la ricerca dell'affare
Vista della foresta pluviale amazzonica dall’elicottero durante la ricerca dell’affare. 
(Credito: Università di Exeter)

La scoperta fa parte di un nuovo focus archeologico nell’Amazzonia precolombiana. Negli ultimi 20 anni, i ricercatori hanno scoperto che il margine meridionale della foresta pluviale ospitava una grande diversità di culture che scolpivano il suolo che proiettavano il paesaggio prima dell’arrivo degli europei. Nell’ultimo decennio, gli scienziati hanno scoperto resti dei cosiddetti “villaggi di collina”, che hanno la forma di cerchi o rettangoli e collegati da reti stradali.

Gli archeologi, tuttavia, non avevano ancora cercato villaggi collinari nello stato di Acri, quindi un gruppo internazionale di ricercatori si è riunito per esaminare l’area con Lidar (tecnologia di rilevamento della luce e della distanza). Con questa tecnica, miliardi di laser sparati dall’alto (in questo caso da un elicottero) penetrano nella foresta pluviale e mappano il paesaggio sottostante.

Una vista di villaggi rotondi in Amazzonia
Una vista di villaggi rotondi in Amazzonia. 
(Credito: University of Exeter; Iriarte, J, et al.2020)

La ricerca di coping, combinata con i dati satellitari, ha rivelato 25 notevoli villaggi circolari e 11 villaggi rettangolari, hanno detto i ricercatori. Altri 15 villaggi collinari erano così mal conservati che non potevano essere classificati come circolari o rettangolari, ha aggiunto il team.

I villaggi circolari sulla collina avevano un diametro medio di 86 metri, mentre i villaggi rettangolari tendevano ad essere più piccoli, con una lunghezza media di 45 metri. Ulteriori analisi dei villaggi “del sole” hanno rivelato che avevano strade attentamente pianificate; ogni villaggio collinare circolare aveva due “strade principali” larghe e profonde (larghe fino a 6 metri) e “strade minori” che portavano ai ruscelli vicini.

Due strade che collegano i villaggi in quello che ora è Acri
Due strade che collegano i villaggi in quello che oggi è Acri. 
(Credito: University of Exeter; Iriarte, J, et al.2020)

La maggior parte dei villaggi erano vicini l’uno all’altro, a soli 4,4 km di distanza, hanno scoperto i ricercatori. Le strade principali spesso collegavano un villaggio all’altro, creando una vasta rete comunitaria nella foresta pluviale, hanno detto i ricercatori.

Il modo distinto e coerente in cui gli indigeni hanno organizzato questi villaggi suggerisce che avevano modelli sociali specifici per il modo in cui hanno organizzato le loro comunità, hanno detto i ricercatori. È anche possibile che questa configurazione sia stata creata per rappresentare il cosmo, hanno osservato.

Esempi di villaggi circolari che sembrano orologi
Esempi di villaggi circolari che sembrano orologi. 
(Credito: University of Exeter; Iriarte, J, et al.2020)

L’intricato sistema stradale, tuttavia, “non è una sorpresa per gli archeologi amazzonici”, hanno scritto i ricercatori nello studio. “I primi rapporti storici attestano l’ubiquità delle reti stradali in tutta l’Amazzonia. Sono stati menzionati dal racconto del XVI secolo da [missionario domenicano spagnolo] Frei Gaspar de Carvajal, che osservò ampie strade che portavano dai villaggi lungo il fiume verso l’interno. ” Successivamente, nel XVIII secolo, il colonnello Antonio Pires de Campos, “descrisse una vasta popolazione che abitava la regione, con villaggi collegati da strade dritte e larghe che venivano costantemente tenute pulite”, hanno aggiunto i ricercatori.

Poco si sa della cultura praticata dagli abitanti di questi villaggi. Ma una ricerca preliminare suggerisce che le ceramiche di questa cultura erano “più rozze” di quelle della cultura che le ha precedute, note come Geoglifi, che visse in quella regione dal 400 a.C. circa al 950 d.C.

Una strada principale (in rosso) che collega i villaggi di Caboquim e Boa Esperança
Una strada principale (in rosso) che collega i villaggi di Caboquim e Boa Esperança. 
(Credito immagine: University of Exeter; Iriarte, J, et al.2020)

Lo studio è stato pubblicato ad aprile sul  Journal of Computer Applications in Archaeology ed è stato pubblicato sul canale 4 “Jungle Mystery: Lost Kingdoms of the Amazon” nel Regno Unito, che comprendeva anche altre antiche scoperte dall’Amazzonia, tra cui un  ampio “schermo di ”Arte rupestre lunga 13 km  in Colombia risalente all’ultima era glaciale. [ LiveScience ]

Foto anteprima: La tecnologia Lidar ha rivelato villaggi abbandonati da tempo che sembrano i raggi del sole. (Immagine: © University of Exeter; Iriarte, J, et al.2020)

Fonte:hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...