3 segreti per diventare una persona resiliente

La specialista della resilienza Lucy Hone ha cambiato la sua prospettiva sull’argomento dopo che sua figlia è morta in un incidente d’auto nel 2014, quando aveva 12 anni. In quel momento è passata dall’essere una specialista all’essere una madre in lutto. Hone, che aveva già condotto lavori con persone che attraversavano tragedie, sentiva che il consiglio ricevuto in quel momento difficile non gli piaceva. Hanno fatto sentire Hone e suo marito oppressi da ciò che sarebbe accaduto e impotenti per sull’influenza del dolore.

Hone riferisce che non aveva bisogno di qualcuno che le dicesse quanto era brutta la situazione, perché lo sapeva già. Ciò di cui aveva bisogno era la speranza e di partecipare attivamente al suo processo di lutto.

Loading...

Quindi, ha deciso di condurre qualcosa come un auto-esperimento. In un TEDx ha condiviso tre strategie essenziali che l’hanno aiutata nei momenti più difficili e chiunque può imparare. Hone ritiene che l’adozione di questi atteggiamenti potrebbe non essere facile, ma pensare in questo modo aiuta davvero. Guarda cosa sono.

Comprendi che questo accade

Le persone resilienti comprendono che la sofferenza fa parte della vita. Ciò non significa che ricevano la sofferenza a braccia aperte, ma quando capiscono che fa parte della vita, non sentono di essere discriminate quando devono affrontare i momenti difficili. Perché capiscono che le cose brutte accadono a loro così come alle altre persone. Le persone resilienti sanno di non essere le sole a soffrire.

Decidi dove focalizzare l’attenzione

Le persone resilienti sono molto brave a concentrarsi su cose che possono cambiare e, in qualche modo, ad accettare ciò che non possono cambiare. Questa abilità è essenziale e può essere appresa. Mentre le emozioni negative si attaccano facilmente alle persone, quelle positive sono estremamente scivolose. Gli esseri umani sono molto bravi a identificare minacce e punti deboli, che era essenziale dal punto di vista evolutivo. Perché contemplando il bello e ignorando una minaccia, metteremmo a rischio la nostra vita.

Attualmente ci sono minacce che vengono trattate dai nostri cervelli come una risata enorme. Le persone resilienti non riducono il negativo, ma possono anche ottimizzare il positivo. Non si lasciano inghiottire dalle minacce. Un’alternativa, per Hone, era cercare cose di cui essere grati.

Dice che spostare la focalizzazione dell’attenzione per includere anche le cose buone è stato dimostrato dalla scienza come una potente strategia.

Un esperimento condotto nel 2005 dal team di Martin Seligman ha chiesto ai partecipanti di pensare a tre cose positive che accadevano loro ogni giorno. Durante i sei mesi dello studio, le persone hanno mostrato livelli più alti di gratitudine e felicità, nonché una minore depressione. Fai uno sforzo intenzionale per trovare cose buone nel tuo mondo.

Mi aiuta o mi fa male?

Le persone resilienti si chiedono se ciò che stanno facendo aiuta o li ferisce. Riflettendo su azioni e pensieri aiuta le persone a riprendere il controllo del proprio processo decisionale. Quando ci rendiamo conto che qualcosa non va bene per noi, dovremmo cercare di cambiare il nostro atteggiamento.

Guarda il video completo:

Immagine anteprima: Screenshot ted.com

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...