Una misteriosa struttura di 25.000 anni fa costruita con le ossa di 60 mammut

La struttura trovata deve essere stata importante per chi l’ha costruita, dal momento che ci sono voluti tempo e fatica. Questa è la percezione dell’archeologo dell’Università di Exeter, Alexander Pryor. È l’autore principale di uno studio pubblicato su Antiquity.

L’esempio dell’architettura del periodo glaciale è stato scoperto in Russia, a Kostenki, nel 2014. Nella regione ci sono circa 70 strutture di questo tipo raggruppate attorno al fiume Dom.

Loading...

Ciò che non è noto è il motivo per cui i cacciatori-raccoglitori, 25 mila anni fa, devono resistere alle temperature molto basse (che hanno raggiunto -20 ° C o meno), per eseguire questo lavoro di circa 12,5 metri di diametro. La struttura circolare è stata costruita con ossa di almeno 60 mammut lanosi.

Gli indizi lasciati sul sito suggeriscono che fosse destinato alla trasformazione e alla conservazione degli alimenti. All’interno della struttura sono state trovate tracce di falò e avanzi di cibo, tra cui verdure. E all’esterno sono stati trovati fossati con ossa di mammut.

Ci sono anche quelli che credono che il luogo abbia anche elementi di rituali. Sebbene Pryor non sia sicuro di cosa potrebbe essere, poiché la vita umana è strettamente legata ai rituali, per lui è ragionevole che la struttura sia stata costruita per due scopi: rituali e attività legate al sostentamento.

Mammut ed edifici

Strutture simili, usando ossa di mammut, sono state trovate da archeologi in diversi luoghi dell’Europa orientale, ma su scala molto più piccola. Inoltre, questi siti hanno fino a 22.000 anni. In generale, i ricercatori ritengono che queste strutture fossero destinate all’alloggio, per resistere alla temperatura nel periodo glaciale.

Questa struttura si distingue per le sue dimensioni ed è per questo che vengono fatte speculazioni sulla sua funzione, che non avrebbe dovuto essere un alloggio. Pryor afferma di non poter immaginare come sarebbe stata coperta questa struttura, a causa delle sue dimensioni.

Un’altra differenza della nuova struttura è il fatto che ha poche prove di altri animali. Lì si trovano quasi esclusivamente resti di mammut. Mentre gli altri siti mostrano tracce di altri animali, il che suggerisce che vivevano di ciò che potevano trovare nella zona.

Inoltre, questo è il secondo cerchio di ossa di mammut in cui viene identificata la combustione del legno. Ma questa struttura è circa 5.000 più vecchia dell’altra.

Questa è la prima volta che un componente di alimenti vegetali è stato scoperto in queste strutture, secondo Pryor. Nessuna specie specifica è stata ancora identificata. Le piante potrebbero essere state utilizzate per realizzare veleni, medicine, corde e tessuti. Sono stati inoltre identificati piccoli semi carbonizzati. Non è noto se siano stati portati dagli umani o se siano finiti sul sito per caso.

Grande sforzo

La quantità di ossa utilizzate nella struttura è notevole, il che suggerisce che c’era una combinazione di caccia con rimozione da luoghi in cui vi era stata la morte in massa di animali. Gli studi possono fornire ulteriori indizi sull’origine di queste ossa. La struttura completa presenta divisioni di aree con pareti, pozzi, caminetti, spazi di lavoro, discariche e uccisioni di animali.

Ci sono prove di una fonte naturale di acqua nella zona, che rimarrebbe liquida durante l’inverno. Quest’acqua avrebbe attirato animali e anche umani nel luogo. Pertanto, il team di Pryor teorizza che questo fattore possa aver influenzato la scelta della regione per stabilire la struttura.

Ci sono ancora molte domande a cui rispondere in merito a questa struttura e la sua funzione rimane un mistero. Ma fornisce già indizi su come gli antenati umani si siano adattati ai cambiamenti climatici nel periodo più difficile dell’ultimo ciclo glaciale, secondo Pryor. Oltre a indicare come si sono adattati all’uso di ciò che avevano a disposizione. [ Smithsonian Magazine , ScienceAlert , Antiquity ]

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...