Uomo conserva una roccia per anni sperando di trovare l’oro, ma conteneva qualcosa di molto più raro

Dopo aver conservato una roccia per anni sperando di trovarvi l’oro, l’australiano David Hole scoprì finalmente di avere qualcosa di molto più raro a portata di mano: un meteorite di 4,6 miliardi di anni.

La scoperta

Hole ha scoperto l’oggetto nel 2015.

Loading...

Aveva buone ragioni per pensare che la roccia contenesse oro: è stata trovata usando un metal detector al Maryborough Regional Park, un parco vicino a Melbourne, in Australia, parte della regione di Goldfields dove si è verificata la corsa all’oro australiana nel secolo XIX.

A casa, Hole ha provato di tutto per aprirlo: una sega, una smerigliatrice angolare, un trapano, un martello e persino un bagno acido.

Passarono gli anni. Senza successo, ma ancora perplesso, Hole decise di portare la pietra al Museo di Melbourne. Fu allora che il geologo Dermot Henry, sorpreso, confermò che si trattava di un meteorite molto raro.

Condrite

Scoprire una roccia del genere è sicuramente molto più difficile che trovare una pepita d’oro. In 37 anni lavorando al museo ed esaminando migliaia di rocce, Henry ha affermato di poter confermare la presenza di un meteorite solo due volte, di cui Hole è uno di questi.

La roccia è di 17 kg. Henry usò una sega specifica per tagliare i diamanti p ed esaminarne la composizione. Dal momento che ha un’alta percentuale di ferro, è stato classificato come condrite.

Non è facile sapere esattamente da dove provenga questo meteorite, ma è probabile che sia stato lanciato dalla fascia di asteroidi tra Marte e Giove.

In passato, il sistema solare era un “mucchio” rotante di polvere e rocce di condrite, che la gravità accumulava in questa cintura. Le collisioni possono scagliare pezzi di queste rocce verso i pianeti come la Terra.

Un pezzo dell’universo

Un’analisi della datazione al carbonio ha indicato che il meteorite è sulla Terra da 100 a 1.000 anni. Ulteriori esami possono rivelare cose molto più interessanti, tuttavia.

“I meteoriti offrono l’opzione più economica per l’esplorazione dello spazio. Ci trasportano indietro nel tempo, offrendo indizi sull’età, la formazione e la chimica del nostro sistema solare (compresa la Terra) “, ha dichiarato Henry a Science Alert .

In effetti, i meteoriti possono contenere polvere di stelle con indizi sulla formazione ed evoluzione degli elementi nella tavola periodica o molecole organiche come gli aminoacidi che offrono importanti spunti di riflessione sugli elementi costitutivi della vita.

Meteorite di Maryborough

È solo il 17 scoperto nello stato australiano del Victoria, e la seconda più grande roccia condritica mai trovata, dietro solo un meteorite di 55 kg identificato nel 2003.

“Osservando la catena di eventi, è abbastanza ‘astronomico’ che sia stato scoperto”, ha detto Henry.

Un articolo sulla scoperta è stato pubblicato sulla rivista scientifica Proceedings of Royal Society of Victoria . [ ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...