Il Qatar sta diventando così caldo che si usa l’aria condizionata all’aperto

Fai una breve passeggiata fuori a mezzogiorno in Qatar, quando le temperature possono salire a 48 ° C  e ti trasformerai rapidamente in un disordine bagnato di sudore e bruciato dal sole. Con gli effetti dei cambiamenti climatici che continuano a prendere piede, anche la nazione mediorientale subirà temperature più elevate. 

Sulla scia di questo problema, il Qatar ha escogitato un rimedio improbabile: l’aria condizionata all’esterno. 

Il Washington Post riferisce che il Qatar ha già avviato l’installazione di unità di condizionamento in numerosi spazi all’aperto, tra cui mercati all’aperto, stadi sportivi e passerelle. Uno dei progetti più ambiziosi ha visto l’aria condizionata nello stadio Al Janoub, un luogo all’aperto di recente costruzione che sarà presto visitato da oltre 40.000 tifosi internazionali di calcio per la Coppa del Mondo FIFA 2022. 

Loading...

“Non puoi funzionare in modo efficace “, ha dichiarato al Washington Post Yousef al-Horr, fondatore della Gulf Organization for Research and Development incentrata sulla sostenibilità . 

Il Qatar sta già avvertendo gli effetti del cambiamento climatico. Hanno visto aumentare le temperature medie di oltre 2 ° C rispetto ai livelli preindustriali, mentre l’ aumento della temperatura media globale è di oltre 0,8 ° C .

Tuttavia, l’aria condizionata non è la risposta – in realtà, è un’idea assolutamente terribile. 

Per cominciare, l’aria condizionata funziona meglio in uno spazio ristretto. È probabile che tu abbia riscontrato l’aria condizionata ad un certo punto e saprai che è più efficace se chiudi le finestre e chiudi le porte. Se metti un’unità di aria condizionata nel tuo giardino, è solo una goccia nell’oceano. 

Inoltre, l’aria condizionata è un vero incubo per l’ambiente.

È un fatto poco noto che la nostra missione di raffreddare gli edifici è una delle forze principali che riscaldano il nostro pianeta. Questo perché l’aria condizionata consuma una quantità relativamente elevata di energia. Si stima  che il 20 percento dell’elettricità totale utilizzata negli edifici di tutto il mondo sia destinata a condizionatori d’aria e ventilatori elettrici. Poiché la maggior parte dei paesi fa ancora molto affidamento sui combustibili fossili per la produzione di energia domestica, questo significa che l’aria condizionata è responsabile di molte emissioni di gas serra.

Molte tecnologie di raffreddamento, come la refrigerazione e il condizionamento dell’aria, utilizzano anche refrigeranti a base di idrofluorocarburi (HFC), che fungono da inquinanti climatici molte volte più potenti del biossido di carbonio. Sebbene gli accordi internazionali stiano compiendo uno sforzo globale per frenare l’uso degli HFC, rimangono una grave minaccia per la salute del pianeta. 

In una scia ironicamente cattiva, la domanda di aria condizionata aumenterà solo mentre il mondo si riscalda. L’ Agenzia internazionale dell’energia ritiene che la domanda globale di energia da parte dei condizionatori d’aria potrebbe triplicare entro il 2050.

Il governo del Qatar sostiene che i loro Mondiali produrranno effettivamente un minor numero di emissioni di carbonio rispetto agli anni precedenti, principalmente perché i loro locali sono relativamente vicini. Tuttavia, il Qatar è già  uno dei più alti emettitori di carbonio pro capite al mondo. Mentre il paese inizia a sentire veramente il calore della crisi climatica, ridurre la sua impronta ecologica diventerà ancora più una sfida. 

Tom Hale

Fonte: www.iflscience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...