I medici hanno dovuto spegnere il fuoco nel petto di un paziente durante un intervento chirurgico al cuore

Durante un intervento chirurgico di emergenza  al cuore  in un uomo di 60 anni, il suo petto aperto sul tavolo operatorio ha preso fuoco. Sorprendentemente, i medici sono stati in grado di spegnere l’incendio e completare l’intervento senza altre complicazioni.

Lo strano caso è stato segnalato al Congresso Internazionale Euroanaesthesia di quest’anno, una convention annuale della Società Europea di Anestesiologia.

Il complicato intervento chirurgico

Secondo il rapporto, l’uomo ha subito una dissezione dell’aorta ascendente, una rottura potenzialmente fatale nella parete interna dell’arteria principale che pompa il sangue dal cuore al resto del corpo. Di conseguenza, aveva bisogno di un intervento chirurgico d’urgenza per ripararla.

Loading...

Ma i problemi polmonari alla base dell’uomo, in particolare la sua broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), hanno complicato la procedura in modo imprevisto.

Per raggiungere il suo cuore, i medici hanno dovuto aprire lo sterno – l’osso che si trova nel mezzo del torace. Quando lo fecero, scoprirono che il polmone destro dell’uomo era attaccato allo sterno, con pezzi di tessuto polmonare danneggiato.

Le bolle d’aria di solito si formano nelle persone con BPCO. Quando i medici hanno cercato di strappare con cura il polmone destro dello sterno dell’uomo, hanno perforato una di queste vesciche, provocando una grande perdita d’aria.

Per garantire che il paziente non passa attraverso il distress respiratorio (una condizione in cui i polmoni si riempiono di fluido, annegamento  il paziente), è stata applicata meglio l’anestesia all’uomo e un flusso d’aria ricevuta mediante un ventilatore.

Il fuoco

Parte dell’intervento richiedeva l’uso di un elettrocauterio, un dispositivo che utilizza il calore per bruciare o tagliare i tessuti. C’era anche una sacca chirurgica asciutta vicino alla gabbia toracica dell’uomo, un rivestimento usato per trasportare strumenti chirurgici sterili.

Poco dopo l’aumento del flusso d’aria, una scintilla di elettrocauterizzazione atterrò nella borsa e, grazie all’aria ricca di ossigeno intorno al petto dell’uomo, creò il fuoco.

Incredibilmente, i medici sono stati in grado di estinguerlo rapidamente, senza causare danni al paziente. L’intervento è andato liscio e l’arteria dell’uomo è stata riparata con successo.

Lo strano incidente successivamente ha ispirato i medici a indagare su casi simili. Sono stati in grado di trovare altri sei casi documentati di ustioni nella cavità toracica durante l’intervento chirurgico, che hanno coinvolto sacche secche, aumento della concentrazione di ossigeno, elettrocauterizzazione e un paziente con BPCO o altra malattia polmonare. Anche questi casi, fortunatamente, sono terminati senza danni.

Allarme

Sebbene questi casi siano ovviamente molto rari, ci si aspetta che i medici diffondano la consapevolezza del fenomeno, specialmente considerando i fattori di rischio comuni che portano al “fuoco chirurgico”.

“Questo caso mette in luce la continua necessità di formazione antincendio e strategie di prevenzione   per prevenire lesioni quando elettrocauterizzazione viene utilizzato in presenza ambienti arricchiti di ossigeno “, ha detto Ruth Shaylor in una nota che descrive il caso previsto dalla Società Europea di Anestesiologia. “In particolare, i chirurghi e anestesisti devono essere consapevoli che gli incendi possono verificarsi nella cavità toracica se un polmone è danneggiato o se vi è una perdita di aria per qualsiasi motivo, e che i pazienti con COPD sono più a rischio”. [ Gizmodo ]

Fonte: hypescience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...