Loading...

“Unicorno di mare” disperso viene adottato da un gruppo di beluga

Un  narvalo orfano divenne amico e fu “adottato” da un gruppo di dieci beluga maschi nel Canada orientale.

Per tre anni consecutivi, gli scienziati hanno filmato “l’unicorno di mare” – soprannominato “corno” – accanto alle balene, agendo come se fosse uno di loro.

Perso a sud

Il narvalo grigio spicca nel bel mezzo del gruppo di beluga bianchi, ma a nessuno sembra importare.

Il gruppo vive molto bene nella regione del fiume San Lorenzo, che collega i Grandi Laghi con l’Oceano Atlantico, a circa 1000 km a sud dell’Artico, habitat naturale di narvali.

Come ha fatto questo giovane a fermarsi così lontano?

Secondo i ricercatori, l’amicizia inaspettata è un riflesso del cambiamento climatico. L’unicorno di mare probabilmente è fuggito in Canada poiché la sua casa artica ha perso terreno per lo scioglimento dei ghiacci.

“Il narvalo  si comporta come uno dei beluga”, ha detto a CBC Robert Michaud, presidente e direttore scientifico di GREMM. “Sono in costante contatto l’uno con l’altro. È come un grande gruppo di giovani nel mezzo di giochi sociali e sessuali “.

Cambiamenti climatici e incroci improbabili

Famiglie “interrazziali” come questa potrebbero non essere così insolite. Dato che sempre più ghiaccio artico è perso a causa del cambiamento climatico, le creature che popolano il polo sono costrette a nuotare verso sud in cerca di nuovi terreni di caccia.

Alcuni beluga solitari hanno già vagato nel sud del New Jersey, negli Stati Uniti. A volte confondono le barche con altre balene, provocando gravi lesioni.

Secondo gli scienziati della Gremm, c’è la possibilità che queste due specie affini – il beluga e di narvalo appartenenti alla stessa famiglia, Monodontidae – sono in grado di soddisfare la reciproca compagnia più spesso.

Lo stesso fenomeno è stato osservato in altre specie, come l’orso polare e l’orso grizzly, specie che già si sono incrociate. Gli ibridi bruno-polari sono stati chiamati “grolares”.

Secondo un articolo del 1993 , è possibile che generazioni precedenti di narvalo e balene beluga si siano avvicinate a un pandemonio intercetaceo per creare una loro specie ibrida (soprannominata “narluga”). La creatura che ne risultò, che lasciò dietro di sé un enorme cranio a trentadue denti in Groenlandia, aveva caratteristiche fisiche che sembravano analoghe a quelle di entrambi i beluga e narvali, ma più grandi.   [ LiveScience ]

Fonte: hypescience.com 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...