Ecco perché non si deve mai trattenere lo starnuto

Avete presente quel tipico brivido che indica l’avvicinarsi di uno starnuto? Ogni volta che arriva, lasciate che lo starnuto venga fuori. Molte persone si vergognano di starnutire in pubblico, specialmente in classe, durante gli incontri di lavoro o in chiesa. Un uomo di 34 anni ha cercato di trattenere lo starnuto e ciò  gli ha provocato la rottura della  faringe.Per questo motivo è dovuto rimanere in un ospedale in Inghilterra per sette giorni.

“L’uomo ha raccontato che ha sempre cercato di trattenere lo starnuto perché crede che sia molto poco igienico starnutire nell’aria o sul viso di una persona. Ciò significa che ha trattenuto lo starnuto per circa 30 anni “, dice l’autore specialista dello studio,”Orecchio, naso e gola”, Wanding Yang, del Leicester Hospital (Regno Unito).

Il paziente non è stato identificato, ma il caso raro è stato descritto in dettaglio nel British Medical Journal Case Reports , con il titolo umoristico “Esplodi, pop e mop: quando starnutire provoca crepe nel collo”.

Loading...

Il caso è considerato raro perché la perforazione faringea avviene di solito in incidenti, interventi chirurgici o infezioni, non dopo uno starnuto. Se non viene identificato immediatamente, il problema può essere serio.

Prima dello starnuto, l’uomo era in buona salute. Dopo lo starnuto,si sono manifestati alcuni campanelli d’allarme: aveva un forte mal di gola e  la sua voce era molto diversa. Ha descritto una sensazione bollosa in gola e gonfiore da entrambi i lati del collo. Non ha avuto precedenti di trauma cervicale, non ha subito interventi chirurgici e ha riferito di non aver ingoiato niente che potesse provocargli lesioni.

I suoi segni vitali erano buoni e non era febbricitante al suo arrivo  in ospedale. Non c’erano segni di difficoltà respiratorie. All’esame obiettivo, sono stati individuati piccoli scatti tra il collo e l’esterno. Questo suono singolare si verifica quando l’aria è presente nel tessuto sottocutaneo. Le radiografie del tessuto del collo hanno mostrato che l’aria entra nel tessuto retrofaringe e nel pneumomediastino (aria che penetra nel mediastino, una delle tre cavità della cavità toracica).

Poiché c’era il rischio di infezione, il paziente è stato ricoverato in ospedale per sette giorni per ricevere antibiotici in vena e per essere alimentato con un sondino nasogastrico.Alla fine della degenza, i dolori sono quasi del tutto scomparsi e il gonfiore si è attenuato. Gli è stata consigliata una dieta a base  di cibi cremosi,che  è stata adottata senza problemi. Il paziente è stato dimesso  e due mesi dopo,ha raggiunto la piena guarigione e senza complicazioni.

Tutti questi problemi possono verificarsi perché lo starnuto può raggiungere la velocità di 160 km / h. Ma perché il nostro corpo ha sviluppato una reazione così esplosiva? Espellendo l’aria così rapidamente, particelle estranee e sostanze irritanti come microrganismi vengono espulse. Quindi questo è un meccanismo di difesa del corpo. [ Case report BMJ , Smithsonian ]

Fonte: hypescience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.