Gli scienziati hanno scoperto un sesto gusto che spiega perché ci piace così tanto la pizza

Tutti amano i carboidrati e la dieta è particolarmente difficile quando si sa che è necessario evitare le cose migliori della vita , come le patate, pasta e pizza.

Per lungo tempo, gli scienziati hanno pensato che siamo stati in grado solo di assaporare cinque sapori fondamentali nella nostra lingua: salato, dolce, acido, amaro e umani(il sapore caratteristico dell’acido glutammico, scoperto nel 1908 dal chimico giapponese Ikeda).

Ora un nuovo studio suggerisce che siamo in grado di identificare un sesto sapore alla base dei carboidrati – che ha un senso, date gli innumerevoli piatti di carboidrati ripieni che deliziano le nostre papille gustative.

Loading...

Amido

“Ogni cultura ha una importante fonte di carboidrati complessi. L’idea che non siamo in grado di dimostrare ciò che stiamo mangiando non ha senso “, ha detto uno degli autori dello studio, Juyun Lim, un professore di scienze e tecnologie alimentari presso la Oregon State University negli Stati Uniti, il portale New Scientist.

Il nuovo gusto proposto sarebbe “l’amido”. L’amido è un carboidrato complesso, che ha la forma di molte piccole molecole di zucchero legate tra loro in una lunga catena. I nostri corpi sono in grado di rompere queste catene polimeriche lunghe in più piccole, che a sua volta le nostre cellule usano per produrre energia.

L’amido è, senza dubbio, di vitale importanza per la nostra sopravvivenza.

Esperimenti

In precedenza, gli scienziati avevano già teorizzato che possiamo rilevare la presenza di amido quando la nostra saliva è pieno di  enzima che accompagna la ripartizione dei polimeri agli zuccheri e sapori come caramelle.

Al fine di verificare come è accurata questa idea, una varietà di soluzioni di carboidrati misti è stata data ai volontari, mentre i ricercatori hanno chiesto loro di descrivere ciò che stavano degustazando.

Un numero significativo di partecipanti è stato in grado di descrivere durante un assaggio qualcosa di “amido”. Partecipanti di discendenza asiatica gli sembrava riso e per i  caucasici riportavano di aver rilevare un assaggio tipo pane o la pasta.

carboidrati

In un esperimento di follow-up, i volontari hanno avuto un composto in cui in anticipo  sono stati annullati i recettori dolci sulla lingua. Prendendo un sorso di soluzioni, i partecipanti sono stati anche in grado di rilevare il gusto di amido, il che implica fortemente che i carboidrati complessi possono ancora essere registrati prima di essere ripartiti per la nostra saliva.

Poi, i partecipanti hanno ricevuto un composto per inibire l’enzima che scompone le lunghe  catene degli amidi in brevi catene. Come risultato, hanno trovato il gusto delle soluzioni contenenti polimeri a catena corta, ma non a lunga catena. Così, i ricercatori hanno concluso che non vi è una forte evidenza per un assaggio di amido.

Evoluzione

Da un punto di vista evolutivo, la capacità di rilevare il gusto dell’amido sarebbe un adattamento altamente benefico, secondo i ricercatori, perché i carboidrati sono incredibilmente nutrienti e contribuiscono alla nostra sopravvivenza.

In effetti, la ragione principale c’è ,i possiamo identificare sostanze che forniscono l’energia e le sostanze tossiche non dovrebbemmo mangiare.

Così forse il nostro gusto per l’amido, vale a dire, per gli alimenti ad alto contenuto di densità di energia, come la pizza e pasta, non provengono solo dal fatto che sono deliziosi, ma il fatto che le nostre lingue li possono identificare chimicamente in bocca . [ IFLS ]

Fonte: hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.

Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.