Il padre dell’egittologia subì una morte tragica dopo aver decifrato la Stele di Rosetta

Un mistero avvolge la morte di un  francese del 19 °secolo che ha svelato un grande mistero-gli antichi geroglifici egiziani. Jean-Francois Champollion morì giovane dopo aver decifrare la Stele di Rosetta, che aprì le chiavi ai numerosi testi geroglifici enigmatici e a belle scoperte dell’Egitto e ha dato alla gente moderna una maggiore comprensione di quella grande civiltà.

Champollion è nata nel 1790 in Francia e vi morì nel 1832, dopo aver visitato l’Egitto nel 1829. Aveva avertito sintomi di malessere prima di partire per l’Egitto, secondo una lettera al direttore della rivista Neurofisiologia Clinica del Dott. Hutan Ashrafian del Dipartimento di Chirurgia e cancro,dell’ Imperial College a Londra.

Jean-Francois Champollion è considerato tra i maggiori linguisti di tutti i tempi; la sua decifrazione degli antichi geroglifici egiziani e della stele di Rosetta ha portato alcuni a considerarlo  il ” Padre dell’ Egittologia. ” La sua morte precoce, all’età di quarantun anni è stata in genere attribuita alla fatica e stanchezza per il troppo lavoro. Questo viaggio viene  ricordato per l’iniziato della sua progressiva scomparsa dopo il ritorno nella natia Francia, dove morì di un ictus segnalato due anni dopo. ‘-H.Ashrafian

Loading...

Il Dr. Ashrafian scrive che il termine “colpo” è qui usato in senso generico, piuttosto che una diagnosi medica convenzionale. La sua famiglia ha rifiutato di permettere l’autopsia, ma studiando le segnalazioni sulle condizioni di Champollion ha portato il medico a trarre alcune conclusioni sulla morte del grande studioso.

Portrati di Leon Cogniet di Jean-Francois Champollion

Portrati di Leon Cogniet di Jean-Francois Champollion (Wikimedia Commons)

Mentre in Egitto, Champollion non soffriva di malattia linfatica o febbri. Ma più tardi nella vita, Champollion soffriva di debolezza muscolare, paralisi degli arti e, infine, non riusciva a respirare.Non ha sofferto di malattie cardiache o di mancanza di flusso di sangue. “Inoltre, al momento della decifrazione dei geroglifici (1828), è crollato, anche se questo può essere visto come il risultato di estrema effusione emotiva. Nelle sue ultime settimane è diventato emotivamente labile coerente con la progressione della disfunzione pseudobulbare, e alla fine ha dimostrato una sindrome ‘locked-in’ prima della sua morte. ”

Il completo Rosetta Stone

Rosetta (foto British Museum)

La disfunzione pseudobulbare significa che non era in grado di parlare. Può essere considerato ironico che un uomo che ha dato una ‘voce’ al popolo dell’antico Egitto e ha aperto il loro mondo a studiosi moderni come mai prima non era in grado di articolare i propri pensieri prima di morire.

Dato che non era mentalmente compromesso, non ha avuto crisi epilettiche, ma prima ha sofferto di debolezza nelle gambe, e poi non era in grado di parlare, ha portato il dottor Ashrafian a concludere che Champollion aveva la sclerosi laterale amiotrofica  e totale paralisi dei suoi muscoli.

Uno screenshot da traduttore geroglifico di National Geographic che mostra ciò che i glifi assomigliano

Uno screenshot del National Geographic traduttore geroglifico che mostra ciò che i glifi assomigliano

Parole degli Dei

La parola geroglifico significa “parole sacre” o “segni sacri.” Clemente di Alessandria è stato il primo ad usare la parola. Gli antichi egizi chiamavano i loro script netjer mdju o “le parole degli dei”. I primi geroglifici risalgono a circa 3400-3200 aC, epoca pre-dinastica. Gli ultimi geroglifici sono stati scolpiti nella pietra intorno al 394 dC.

La Stele di Rosetta, trovata dai francesi nel 1799 in una fortezza nella città di Rosetta durante l’occupazione napoleonica d’Egitto, ha geroglifici, traduzioni greche demotiche e antichi segni egiziani dello stesso testo. Così Champollion, che aveva insegnato lingue antiche, è stato in grado di decifrare il suo significato e a sbloccare l’intero script.

Per una traduzione completa della Stele di Rosetta, consultare questa pagina al British Museum, che ha acquisito il documento e altri artefatti dopo la sconfitta di Napoleone.

Gli antichi Egizi hanno scolpito in geroglifici su sigilli di argilla, pietra, vasi di ceramica e ossa e avorio. Gli scritti della stelle di Rosetta  sono scolpiti in basalto.

Foto di presentazione: Un dettaglio del basalto di Rosetta  (foto a All-len-All)

Fonte:http://www.ancient-origins.net/artifacts-ancient-writings/father-egyptology-suffered-tragic-death-after-deciphering-rosetta-stone-020585

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.