Caricare lo smartphone in 30 secondi? Nel 2016 sarà possibile

Un compagnia israeliana avrebbe sviluppato un sistema che permette di caricare lo smartphone in soli 30 secondi ed un’auto elettrica in pochi minuti. I dispositivi di ricarica potrebbero essere pronti nel 2016.

Loading...

Già a partire dall’anno prossimo ricaricare lo smartphone potrebbe essere un’operazione davvero veloce. A sostenerlo è un’azienda israeliana che sta progettando un dispositivo di ricarica ultra rapida. Si chiama StoreDot ed è la compagnia che potrebbe rivoluzionare il mondo della telefonia mobile. Lo sviluppo del dispositivo è ancora in progress, ma la commercializzazione potrebbe avvenire già l’anno prossimo. Uno dei problemi maggiori riguardano le dimensioni dell’apparecchio che al momento sembrerebbero davvero eccessive.

 

A permettere la ricarica super veloce sono i “Nanodots“, una specie di mattoncini di natura biologia in grado di permettere diversi utilizzi, a seconda della composizione. E proprio tra i possibili usi dei Nanodots c’è quello di velocizzare il processo di ricarica degli smartphone, come delle auto elettriche. La startup israeliana ha finora raccolto la cifra di 48 milioni di dollari per mettere in pratica la sua invenzione. Il dispositivo di ricarica veloce dovrebbe avere un prezzo che si aggira intorno ai trenta dollari; un modo veloce e conveniente per caricare il proprio dispositivo mobile.

Fonte:http://scienzenotizie.it/2015/09/02/caricare-lo-smartphone-in-30-secondi-nel-2016-sara-possibile-175439

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...