Scienziati scoprono batteri che “respirano” Uranio

La Terra ha la sua parte di ambienti che consideriamo estremi, ma anche in alcuni degli habitat più duri, gli organismi hanno trovato un modo per tirare avanti. Negli oceani profondi, dove la pressione è intensa e non c’è luce, vi sono ancora organismi che vi nuotano intorno. In vulcani sottomarini , dove c’è un ambiente ricco di biossido di carbonio acido, le cozze  hanno trovato un modo per crescere.

Anche i siti radioattivi che sono pericolosi per l’uomo sono ‘una dolce casa’ per alcuni microbi. Ed ora, i ricercatori hanno trovato una notevole specie di batteri che “respira” l’uranio ‘ e prospera in luoghi di lavorazione del minerale abbandonato. Il ceppo di recente scoperta, che appartiene a una classe chiamata  betaproteobacteria , è stato trovato nel terreno in un vecchio mulino minerale di uranio in Rifle, Colorado. Il mulino, una volta era stato utilizzato per la produzione di armi nucleari e il sito è ancora radioattivo.

Loading...

Come descritto in PLoS ONE , i batteri in qualche modo prendono un elettrone libero dall’uranio in un processo chiamato ‘ riduzione ‘. Non è noto se l’uranio risultante è in uno stato abbastanza sicuro per gli esseri umani. Tuttavia, se questo è il caso, allora potrebbe essere un nuovo modo per bonificare in modo efficiente siti inquinati di uranio . Gli scienziati sono anche sicuri del potenziale impatto che tali organismi potrebbero avere sull’ambiente.

“La biologia è un modo per risolvere questo problema di contaminazione, soprattutto in situazioni come questa in cui i radionuclidi sono altamente diluiti, ma ancora presenti a livelli considerati pericolosi”, ha detto  il professor Lee Kerkhof  della Rutgers University .

Non è certo come questo tipo di batteri si sono evoluti e prosperati fuori da elementi radioattivi. E ‘probabilmente un processo simile  in cui alcuni batteri sviluppano resistenza agli antibiotici . E così è accaduto che questa particolare specie “prende un elemento genetico che sta ora permettendo di disintossicare l’uranio, di crescere in realtà sull’uranio”, ha detto Kerkhof.

Questa ricerca fa parte del US Department of Energy  programma per vedere se i microrganismi possono rosicchiare uranio radioattivo e renderlo inerte. Il dipartimento spera che questa scoperta renderà le acque sotterranee inquinate più sicure da bere.

“I batteri appena scoperti interagiscono con i composti dell’ uranio in acqua, l’uranio diventa immobile”, ha detto  Kerkhof. “Non è più disciolto nelle acque sotterranee e, pertanto, non può contaminare l’acqua potabile portata in superficie.”

Le preoccupazioni di Kerkhof per l’acqua potabile contaminata non finiscono con gli Stati Uniti. Se questa specie possono essere sfruttate per rendere le zone radioattive sicure per l’uomo, poi ci sono un sacco di posti che potrebbero beneficiarne.

“C’è l’uranio impoverito in un sacco di munizioni perforanti”, ha detto , “in  luoghi come il Medio Oriente in cui si è esposti a livelli elevati di uranio nelle acque sotterranee”.

[Via  Rutgers UniversityPLoS One ]

Fonte:http://www.iflscience.com/environment/scientists-find-bacteria-thrive-uranium

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.