Un enorme oceano nel passato di Marte

Il Pianeta rosso ospitava almeno 20 milioni di chilometri cubici di acqua, un autentico oceano che nel tempo sarebbe evaporato nello Spazio.Di Simone Valesini

(foto: ESO/M. Kornmesser/N. Risinger (skysurvey.org))

(foto: ESO/M. Kornmesser/N. Risinger (skysurvey.org))

Oggi di acqua non ce n’è più traccia, ma nel remoto passato Marteospitava un Oceano immenso, più grande di quello Atlantico sulla Terra e profondo in alcuni punti anche più di un chilometro e mezzo. A dimostrarlo un nuovo studio pubblicato su Science da un team di ricerca internazionale, che ha utilizzato i dati raccolti dalVery Large Telescope dell’Eso (European Southern Observatory) e dell’Infrared Telescope Facility della Nasa per mappare le caratteristiche delle molecole di acqua presenti nell’atmosfera, grazie alle quali è possibili ricostruire l’evoluzione della riserveidriche lungo storia del pianeta.

Loading...

Il nostro studio permette di effettuare una stima della quantità di acqua presente su Marte nel passato – spiega Geronimo Villanueva, ricercatore del Goddard Space Flight Center della Nasa, e primo autore dello studio – perché permette di determinare quanta di questa è andata persa nello Spazio”.

I ricercatori hanno analizzato due molecole di acqua presenti nell’atmosfera di Marte che presentano caratteristiche atomiche leggermente differenti: la normale H2O e la cosiddetta Hdo, oacqua semi-pesante, in cui uno dei due atomi di idrogeno della molecola normale è sostituito da un isotopo più pesante, chiamatodeuterio. Il secondo tipo di molecola ha un peso maggiore e per questo, spiegano i ricercatori, è più difficile che si perda nello Spazio a causa dell’evaporazione.

Più acqua evapora dalla superficie e si perde nello Spazio, più aumenta quindi la percentuale di molecole di Hdo in quella che rimane. Utilizzando i dati raccolti dal telescopio dell’Eso e da quello della Nasa, i ricercatori hanno quindi potuto mappare il rapporto tra le molecole di H2O e Hdo su tutta la superficie diMarte (concentrandosi in particolare su quello presente nelle zonepolari, che ospitano ancora due calotte di ghiacci eterni) lungo un periodo di sei anni, e comparando i risultati con quelli riscontrabili in un oceano terrestre sono riusciti a calcolare la quantità di acqua che il pianeta ha perso nel corso della sua storia.

I risultati hanno mostrato che nelle zone dei poli marziani l’acqua contiene una quantità di molecole di Hdo 8 volte superiore a quella presente sulla Terra. Utilizzando questi dati, i ricercatori hanno quindi calcolato che il pianeta in passato doveva ospitare almeno 20 milioni di chilometri cubici di acqua, un autenticooceano che copriva probabilmente circa il 19% della superficie del pianeta.

Visto che Marte ha perso così tanta acqua, il pianeta è statoprobabilmente umido per un periodo più lungo di quanto si pensasse”, conclude Michael Mumma, coautore dello studio. “E questo suggerisce che Marte potrebbe essere stato abitabile più a lungo di quanto ritenevamo fino a oggi”.

Fonte:http://www.wired.it/scienza/spazio/2015/03/06/oceano-passato-marte/

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.