Scienziati trovano l’uomo più vicino a Eva, il nostro antenato universale

eva ancestral africa

Un uomo che morì nel 315 aC in Sud Africa è il parente più prossimo  di Eva, l’antenato comune di tutta l’umanità.

Loading...

Calma: non stiamo parlando di Eva biblica, ma l’Eva mitocondriale, da cui tutti gli esseri umani moderni sono discendenti.

Siamo tutti discendenti di Eva

Se si traccia il DNA nei mitocondri ereditato dalla madre che ognuno di noi ha all’interno delle nostre cellule, tutti gli esseri umani hanno in  teoria un antenato comune. Questa donna, conosciuta come Eva mitocondriale”, vissuta tra 100.000 e 200.000 anni fa, nell’Africa meridionale.

Non era il primo essere umano, ma tutti gli altri lignaggi femminili umani che esistevano alla fine sono morti (non hanno avuto prole femminile, quindi non riuscite a trasmettere il loro DNA mitocondriale) e, di conseguenza, tutti gli esseri umani di oggi in grado di tracciare il loro DNA mitocondriale tornarno da lei.

Fin dai tempi di Eva, diverse popolazioni di esseri umani geneticamente separati, formarono gruppi etnici distinti che vediamo oggi.

Il discendente più antica di Eva

Ora, uno scheletro risalente al 315 aC, poco dopo la morte di Alessandro Magno, è stato identificato come un membro di un ramo finora sconosciuto sull’albero della famiglia umana.

L’uomo aveva 50 anni quando morì, ed è il primo antico sub-sahariano umano ad avere il DNA sequenziato.

E ‘stato trovato nella baia di Sant’Elena, Sud Africa, nel 2010 da archeologo Andrew Smith, University of Cape Town, e esaminato da antropologo Alan Morris della stessa università.

Morris ha scoperto che l’uomo era un pescatore marino, ed era alto circa 1,5 metri. Una crescita ossea nel condotto uditivo, noto come “l’orecchio di surfer“, ha rivelato che ha trascorso molto del suo tempo nelle fredde acque del Oceano Atlantico meridionale.
Secondo Vanessa Hayes, dell’Istituto Garvan di Sydney, in Australia, che ha condotto il nuovo studio, gli antenati di questo uomo si sono discostati da altri esseri umani intorno a 150.000 anni fa.

 

L’importanza della scoperta

Poiché il DNA mitocondriale viene ereditato solo dalla madre, i genetisti lo utilizzano per tracciare come è cambiato nel corso degli anni per individuare rami di evoluzione umana e la nostra espansione in tutto il mondo.

Anche se il campione di recente scoperta ha solo 2.330 anni di età, altri lignaggi umani che vivevano nella stessa regione a quel tempo si erano già discostato molto da Eva mitocondriale.

Genomi di resti umani in Europa ,anche se cronologicamente molto più antichi sono stati colpiti da numerosi eventi di grande selezione, il che significa che la sua stessa evoluzione ha trasformato e creato nuove linee genetiche, mentre il gruppo di un uomo è rimasto più simile al gruppo originario di Eva.

Secondo una nuova ricerca, il genoma mitocondriale di questo uomo, soprattutto se lo troviamo in più ragazzi, aiuterà gli scienziati a sviluppare una mappa di come i primi esseri umani moderni lasciarono l’Africa .

“Il sequenziamento del  genoma nucleare di quest’uomo l’informazione genetica ereditata da entrambi i genitori e altri campioni antichi potrebbero fornire un quadro più complesso di come i gruppi si mescolavano con l’altro“, dice Wolfgang Haak, paleobiologo l’Università di Adelaide in Australia, che era anche parte dello studio.[NewScientist]

Di Natasha Romanzotti

Fonte:http://hypescience.com/cientistas-encontram-o-ser-humano-mais-proximo-de-eva-nossa-ancestral-universal/

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...