La frana da 68 milioni di tonnellate di roccia che nessuno aveva visto!!

Rilevata dai sensori sismici di tutto il mondo è stata individuata grazie ad un pilota di elicottero e da foto della NASA

Uno dei più grandi frane naturali degli ultimi anni ha avuto luogo in una zona remota del sud-est dell'Alaska il 16 febbraio, quando 68 milioni di tonnellate di roccia e detriti caduti giù una montagna lasciando depositi di 40 piedi profondo

Una delle più grandi frane naturali degli ultimi anni ha avuto luogo in una zona remota del sud-est dell’Alaska, il 16 febbraio, quando 68 milioni di tonnellate di roccia e detriti si sono staccati da una montagna lasciando depositi di materiali spessi anche 12 metri. 

Loading...
Grandi frane in località remote usati per passare inosservato, ma un nuovo approccio crowdsourcing che coinvolge un blogger sede nel Regno Unito, un pilota di elicottero in Alaska e NASA, ha aiutato gli scienziati individuare la posizione esatta di questa ultima diapositiva
Molte grandi frane in località remote spesso possono passare inosservate, ma un collaborazione tra un blogger con la sede nel Regno Unito, un pilota di elicottero in Alaska e la NASA, ha contribuito a far individuare agli scienziati la posizione esatta di quest’ultimo evento.
Questo approccio innovativo è il risultato della scoperta fatta da due scienziati della Columbia University che hanno rivelato che i dati sismici possono rivelare il tempo, la forza, la direzione e la velocità di una grande frana.
A differenza dei terremoti, che rilasciano esplosioni di energia per pochi secondi, le frane creano tracciati sismici prolungati che possono durare molti minuti.
Immagine dal Observatory della NASA Terra mostrando Monte La Perouse prima della frana
Immagine dal Observatory della NASA Terra mostrando Monte La Perouse dopo la frana del 16 febbraio con i detriti chiaramente visibile
Le Immagini dell’Observatory della NASA “Terra” mostrano il Monte La Perouse prima della frana, in alto, e poi con i detriti ben visibili, nella foto in basso

Così, quando si è verificata questa recente grande frana, i suoi brontolii sono stati rapidamente registrati dalla rete di sensori sismici in tutto il mondo. La triangolazione dei dati portava ad una zona dell’Alaska, da qualche parte nelle vicinanze del Glacier Bay National Park and Preserve
Purtroppo i sismometri sono in grado di individuare solo quando si verifica una frana nel raggio di 30 chilometri da dove avviene e, da quei dati, è stato fatto uno sforzo coordinato per rintracciare il posto dell’avvenimento.
La chiave di questo sforzo crowdsourcing è stata il geografo Dave Petley che lavora presso la Durham University nel Regno Unito e gestisce anche The Landslide Blog.

Due scienziati della Columbia University lo scorso anno ha scoperto che i dati sismici possono rivelare il tempo, la forza, la direzione e la velocità di una grande frana
Che i dati sismici messo la frana Alaska qualche parte nelle vicinanze del Parco Nazionale di Glacier Bay e Preserve e pilota di elicotteri Drake Olson trova sul fianco del monte La Perouse
Il luogo della frana avvenuta nel Glacier Bay National Park and Preserve

Il suo blog è stato notato da Marten Geertsema, Geomorfologo della University of Northern British Columbia, che ha contattato il pilota di elicottero Drake Olson .

Circa una settimana dopo che si è verificata la frana, Olson si è alzato in volo cercando la posizione segnalata, fotografando la regione nel punto esatto in cui è avvenuta, sul fianco del monte La Perouse.
Dalle immagini, Petley ha stimato che i detriti sono caduti per 4,8 km sul pendio,  lasciato depositi spessi quasi 12 metri, quasi l’altezza di un edificio di cinque piani.

Circa una settimana dopo che si è verificata la frana, il pilota dell’elicottero Drake Olson è volato fino alla posizione segnalata  e fotografato la regione esatta in cui è avvenuta la frana

La NASA è stata anche coinvolta con attraverso le osservazioni del satellite Landsat 8che  è stato usato per fare il raffronto delle immagini della zona, prima e dopo l’impatto della frana.
Senza questo sforzo coordinato on-line, ha detto Petley, la frana del Monte La Perouse non sarebbe mai stata vista in quanto la neve avrebbe coperto rapidamente l’area di impatto.
La nuova tecnica ha aiutato gli scienziati a capire che le frane sono molto più comuni di quanto si pensava: ‘Siamo abituati a pensare che siano abbastanza rare, ma probabilmente abbiamo semplicemente sbagliato in passato’, ha detto Petley.
I ricercatori ora pensano che circa una mezza dozzina di grandi frane si verifichino in media ogni anno tipico, anche se un forte terremoto può attivare ben 40 grandi frane.
Negli ultimi anni, The Landslide Blog. ha pubblicato diversi eventi franosi rilevati attraverso i sensori telesismici e l’individuazione di questi ha contribuito ad attivare l’aiuto della NASA e di altri ricercatori e dilettanti per identificare l’evento da terra e dallo spazio.

La frana già ricoperta e resa quasi ” invidibile” da uno strato di neve fresca

Condiviso  da:http://blueplanetheart.blogspot.it/2014/03/la-frana-da-68-milioni-di-tonnellate-di.html

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Segui anche il nostro blog http://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!

Loading...