Vichinghi in America: oltre quello della Mappa di Vinland, scoperto un altro viaggio.

Nuove prove suggeriscono che i Vichinghi visitarono la baia di Notre Dame, nell’odierna isola di Terranova, in Canada. Il viaggio avrebbe portato i Vichinghi dal sito di L’Anse aux Meadows, sulla punta settentrionale della stessa isola, fino a una parte di Terranova che, a differenza del primo avamposto, era popolata dagli indigeni, gli antichi Beothuk.
“La zona della Baia di Notre Dame era una buona candidata, come tutte le altre, per quel primo contatto tra il Vecchio e il Nuovo Mondo, e questo è affascinante”, ha dichiarato Kevin Smith, vice direttore e capo curatore del Museo di Antropologia Haffenreffer della Brown University.
Le prove del viaggio sono due manufatti di diaspro che i vichinghi usavano per accendere fuochi. 

Loading...

L’analisi chimica suggerisce che questi oggetti, scoperti a L’Anse aux Meadows nel 2008 e negli anni ’60, provenivano dalla zona della Baia di Notre Dame, a circa 230 km di distanza.
Fin dalla scoperta di L’Anse aux Meadows quasi 50 anni fa, gli archeologi e gli storici hanno cercato di scoprire la storia delle esplorazioni vichinghe nel Nuovo Mondo. Precedenti ricerche avevano rivelato la presenza di semi di noce bianco americano a L’Anse aux Meadows, indicando che i norreni avevano effettuato un viaggio nel Golfo di San Lorenzo o forse anche un po’ oltre. Inoltre, i manufatti vichinghi (e forse pure una struttura) sono stati scoperti nell’Artico canadese, il che indica un rapporto commerciale con quegli indigeni.

Tuttavia, l’avamposto a L’Anse aux Meadows funzionò solo per qualche decennio, anzi, secondo le storie norrene medievali l’avamposto potrebbe essere stato in uso per soli due o tre anni, e forse solo stagionalmente, prima di essere abbandonato.
La nuova ricerca, dice Smith, ha dimostrato che vi è ancora molto da imparare sulle esplorazioni vichinghe nel Nuovo Mondo.
Fonte: http://archeonews.altervista.org

Mappa di Vinland…un falso?


La Mappa di Vinland, il documento che avrebbe dovuto testimoniare «nero su bianco» che i Vichinghi arrivarono in America prima di Colombo, è un falso. Questa l’ultima sentenza sul celebre reperto conservato alla Yale University, che da 35 anni è oggetto di feroci dispute tra gli specialisti. A determinare l’ultima bocciatura sono state le analisi condotte da un gruppo di scienziati inglesi della University College, guidati da Robin Clark, che hanno preso in esame una particolare sostanza presente nell’inchiostro utilizzato da chi disegnò la mappa. Le analisi avrebbero dimostrato che la pergamena su cui è disegnata la mappa è effettivamente del XV secolo, ma il disegno raffigurante un tratto di costa canadese sarebbe stato eseguito nel XX secolo e più precisamente in una data successiva agli anni Venti, quando sul mercato divenne disponibile l’anatase, una forma cristallina di biossido di titanio, impiegato come pigmento bianco.
Apparentemente la condanna della Mappa di Vinland può sembrare definitiva, ma c’è da scommettere che non sarà così dato che il documento è stato valutato 20-25 milioni di dollari e di certo la Yale University non si arrenderà tanto facilmente alla sconfitta.
In realtà le possibilità di appello ci sono, perché proprio l’anatase è stato oggetto di precedenti analisi che hanno sempre portato a conclusioni contrastanti. Il primo a prendere in considerazione questa forma cristallina piuttosto rara di biossido di titanio fu Walter McCrone, un esperto nell’analisi delle «polveri fini», che negli anni Settanta vide proprio nella presenza dell’anatase la prova della falsificazione.
Negli anni Ottanta, però, Thomas Cahill, un fisico dell’università di California a Davis, ribaltò il verdetto sostenendo con sofisticatissime analisi che le minime tracce di titanio rilevate sulla mappa erano perfettamente compatibili con l’ipotesi che la mappa fosse stata realizzata attorno al 1440, cioè circa mezzo secolo prima dello sbarco di Colombo.

Il punto su cui ora si è aperto un nuovo fronte è sempre l’anatase ma questa volta sotto accusa è la sua presenza nell’alone giallastro che compare ai bordi dei tratti neri del disegno e della didascalia che l’accompagna. Secondo i nuovi accusatori, il falsario del XX secolo prima disegnò quest’alone giallognolo e poi le linee di inchiostro nero che avrebbero dovuto produrlo come risultato della presenza di ferro nell’inchiostro stesso. Interessante notare che l’attenzione per la mappa di Vinland non è mai calata, neppure dopo che sono state trovate prove indiscutibili della presenza vichinga in America ben prima dell’arrivo di Colombo. Evidentemente i 25 milioni di dollari hanno un peso maggiore dei resti del villaggio vichingo trovato a Terranova.
Secondo alcuni fu un gesuita austriaco, padre Joseph Fischer ( foto a sinistra) – morto nel ’44 a 86 anni – il falsario della «carta del Vinland», fino al mese scorso datata XV secolo e ritenuta una prova dello sbarco dei vichinghi in Nord America. Ieri, sul domenicale britannico The Sunday Times , Kirsten Seaver, esperta di esplorazioni, ha spiegato che padre Fischer disegnò la carta 70 anni fa, su una pergamena strappata da un volume del 1440: la grafia sulla carta corrisponde a quella di padre Fischer.

I vichinghi nel Sudamerica?
Una domanda sorge immediatamente: i Vichinghi, dopo essersi portati fino all’estremo nord dell’America, non potrebbero aver avuto l’idea di avventurarsi nelle terre del sud ? Dopo tutto, la curiosità essendo quello che è, sarebbe stata un comportamento assolutamente naturale.
Per taluni autori, la moneta scoperta nel 1955 da due archeologi dilettanti in un sito indiano nel Maine, costituisce una prova sufficiente di questo percorso. Periziata nel 1982, la moneta rivela effettivamente la sua origine vichinga, battuta in Norvegia sotto il regno di Olaf Kyrre (1066-1093). Bucata sul bordo, dovette servire da amuleto all’Indiano che la portava. Ma un’unica monetina, per di più di poco valore, è sufficiente per dimostrare che i Vichinghi si siano spostati fino al luogo della sua scoperta ? Certamente no. Nessun sito di tipo scandinavo evidenziato nelle vicinanze fa pensare che questa moneta fu data ad un’Indiano nell’ambito di uno scambio.

Nel 1930, si trovò a Beardmore, in Ontario, un’autentica spada vichinga. Ahimè! Era arrivata lì dieci anni prima! Ci fu anche la “pietra runica di Kensington”, nel Minnesota. Ma, a parte Alf Mongé ed il Dr Landsverk, tutti gli esperti assicurano che è un falso…
Per Jacques de Mahieu, “professore all’università di Buenos Aires, antropologo, economista, sociologo, storico” (!), i Vichinghi non solo sono andati fino in America Centrale, ma sono anche sbarcati in Amazonia. L’eminente personaggio ha fatto delle ricostruzioni assolutamente fantastiche delle spedizioni in America del Sud, facendo, pagina dopo pagina, degli accostamenti azzardati che solo un neofita può confondere con “erudizione”. Per Mahieu non c’è spazio per la contestazione : “nell’anno 967 della nostra era, all’incirca 700 Vichinghi dei due sessi sbarcarono da sette drakkar sulle coste del Messico”. Da lì provengono la “mitologia solare, un’organizzazione politica, valori morali, conoscenze scientifiche e tecniche, innumerevoli termini danesi, tedeschi ed anglo-sassoni ancora usati dagli Indiani all’inizio del secolo scorso”!! Tutto ciò, naturalmente, senza che si sia ritrovata la minima traccia archeologica del loro passaggio… Il distinto professore finirà addirittura per considerare che prima di Colombo “tutti andavano in America”: tutti, compresi, come lo si può indovinare, i Templari (perché mai?!). Colombo non avrebbe d’altronde alcun merito: la mappa dell’America, l’aveva rubata!
L’ipotesi dei viaggi meridionali ed equatoriali dei Vichinghi meriterebbe senz’altro qualcosa di meglio dei romanzi immaginati da bislacchi di questo genere. Se, cosa possibile, fosse un giorno confermata, certe credenze di cui i Precolombiani si impregnarono (come lo stupefacente mito di Quetzalcoatl, il “dio bianco barbuto”, il cui ritorno “annunciato” avrebbe causato la rovina dei Messicani) troverebbero una spiegazione razionale. Ma non è necessario che una credenza abbia bisogno di un elemento positivo per nascere e prosperare, né che sia stata quella che crediamo essere stata. Bisogna comunque riconoscere che allo stato attuale delle ricerche, siamo ben lungi dall’aver progredito su questo punto.
Fonte: www.fmboschetto.it

Condiviso da: http://pierluigimontalbano.blogspot.it/2013/09/vichinghi-in-america-oltre-quello-della.html

 

nuovo-logo-paginaRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere. Ecco il link della pagina: Pianeta blu   -Pianetablunews lo trovate anche su su twitter

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth
Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.