METEORITE RUSSO DI CHELYABINSK: UNA COLLISIONE PRIMA DELL’IMPATTO

Meteorite Chelyabinsk

Credit: Victor Sharygin

Quale storia racconta il meteorite che ha solcato i cieli della Russia nella regione degli Urali il 15 febbraio scorso, esplodendo nei cieli di Chelyabinsk?

Prima di arrivare sulla Terra potrebbe essersi scontrato con un altro corpo del nostro Sistema Solare o potrebbe esser passato troppo vicino al Sole, in base a quanto annunciato oggi a Firenze, durante la conferenza Goldschmidt 2013.

Un team di ricerca dell”Istituto di Geologia e Mineralogia (IGM) di Novosibirsk sta analizzando i frammenti del meteorite, tra i quali, il principale, era stato rinvenuto sul fondo del lago Chebarkul, vicino a Chelyabinsk.

Loading...

Anche se tutti i frammenti sono composti dagli stessi minerali, la struttura e la consistenza di alcuni mostra che il meteorite ha subito un processo di fusione intensiva, prima di essere sottoposto a temperature elevate entrando nell’atmosfera terrestre.

“Il meteorite che impattò vicino a Chelyabinsk è un tipo conosciuto come un LL5 condrite ed è abbastanza comune che questi subiscano un processo di fusione prima di cadere a terra,” spiega il dott. Victor Sharygin dell’IGM, che sta presentando la ricerca al convegno Goldschmidt.
“Questo significa quasi sicuramente che c’è stata una collisione tra il meteorite Chelyabinsk e un altro corpo del Sistema Solare o un passaggio vicino al Sole”.

Sulla base del loro colore e la struttura, i ricercatori IGM hanno diviso i frammenti di meteorite in tre tipi: chiari,scuri ed intermedi.

I frammenti chiari sono i più comuni ma i frammenti scuri si trovano in numero crescente lungo la traiettoria del meteorite e più di tutti, vicino a dove il meteorite ha colpito la Terra.

I frammenti scuri includono una grande percentuale di materiale a grana fine e la loro struttura, consistenza e composizione minerale mostra che si sono formati da un processo di fusione molto intenso. Questo materiale è ben distinto e diverso dalla crosta di fusione che si forma, invece, quando un corpo entra in atmosfera terrestre.

“Tra i molti frammenti che stiamo analizzando, solo tre campioni scuri mostrano una forte evidenza di precedente metamorfismo e fusione”, spiega Sharygin.

Il materiale a grana fine dei frammenti scuri differisce dagli altri campioni in quanto contiene comunemente bolle sferiche, incrostate con perfetti cristalli di ossidi, silicati e metalli o piene di metallo e solfuro.

Sorprendentemente, nella crosta di fusione i ricercatori hanno anche trovato piccole quantità minerali del gruppo del platino, la cui presenza è alquanto insolita perché la crosta si forma in un tempo troppo breve affinché tali elementi possano accumularsi.

“Elementi del gruppo del platino si presentano solitamente come oligoelementi minerali dispersi nel meteorite ma noi, li abbiamo trovati come un minerale di dimensioni nanometriche (100-200 nm) in un globulo di metallo-solfuro nella crosta di fusione del meteorite Chelyabinsk,” spiega il Dott. Sharygin

Il team deve ancora concludere le analisi sul corpo principale e spera che queste possano far ulteriore luce sulla storia della roccia spaziale.

Fonte: http://www.sciencedaily.com/releases/2013/08/130826215605.htm
Traduzione ed adattamento a cura di Elisabetta Bonora

Fonte:http://www.aliveuniverseimages.com/flash-news/spazio-astronomia/541-meteorite-russo-di-chelyabinsk-una-collisione-prima-dell-impatto

 

 

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu   -Pianetablunews lo trovate anche su su twitter

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.