IL DESERTO DEL SAHARA:ORIGINE IMPROVVISA

Una cicatrice nella sabbia extraterrestre?


Le aree chiare nell’immagine qui sopra mostrano la gamma di fascia area desertica che si estende in tutta l’Africa, il Medio Oriente, e l’intero continente asiatico. Essa comprende i deserti tra cui il Sahara.
Il Sahara è il più grande deserto caldo del mondo.
Ha più di 9000 mila chilometri quadrati (3.500.000 miglia quadrate, che coprono la maggior parte del Nord Africa, rendendolo quasi grande come gli Stati Uniti o il continente europeo.
Il deserto si estende dal Mar Rosso,comprendendo le parti delle coste mediterranee, alla periferia dell’Oceano Atlantico.
Alcune delle dune di sabbia possono raggiungere i 180 metri (600 piedi) di altezza. Mescolati con la sabbia oceanica ci sono grandi formazioni rocciose, massi, pietre e ciottoli.
Alcuni hanno paragonato le zone del Sahara alla superficie di Marte.
Le sabbie del Sahara contengono molti segreti.
Non è stato sempre un vasto oceano desolato di sabbia, circa 5.000 anni fa era un terreno molto diverso.
E ‘stato paradiso un sub-tropicale, dove sono stati cacciati cervi, ippopotami e gli elefanti e le giraffe e i rinoceronti popolavano la zona.
Con una abbondanza di cibo, migliaia di cacciatori-raccoglitori accorrevano a vivere in questa lussureggiante savana.
Le sabbie del Sahara contenere molti segreti. Non è stato sempre un vasto oceano desolata di sabbia, circa 5.000 anni fa era un terreno molto diverso. E ‘stato un sub-tropicale paradiso, dove sono stati cacciati cervi, ippopotami e gli elefanti e le giraffe e rinoceronti popolavano la zona. Con una abbondanza di cibo, migliaia di cacciatori-raccoglitori accorrevano a vivere in questo lussureggiante savana.
Questi fatti sono evidenti dalla scoperta di centinaia di tombe umane e numerose pitture rupestri, raffiguranti la caccia e le persone e anche il nuoto.
Inoltre, le immagini radar prese dallospace shuttle della NASA evidenziano che sotto la sabbia vi sono reti di fiumi che una volta che coprivano l’intero Sahara.
L’Africa del Nord un tempo era viva con la gente! Cosa è successo a questo mondo verde?
Inizialmente si era creduto che il Sahara si spense improvvisamente circa 5000 anni fa.
Tuttavia, studi recenti hanno dimostrato presumendo tale interpretazione non corretta.
Convenzionali scienziati ritengono che il processo ha preso piede circa tre millenni or sono.
“Il tempo-verde del Sahara rivolse a disertare nel corso di migliaia di anni, piuttosto che in un brusco spostamento, come si riteneva in passato, secondo uno studio sulla comprensione dei cambiamenti climatici futuri.
Lo studio dei pollini antichi, spore e degli organismi acquatici nei sedimenti a Lake Yoa nel Ciad settentrionale ha mostrato che la regione si è gradualmente spostata dalla savana 6.000 anni fa, verso le condizioni di aridità che hanno avuto luogo per circa 2.700 anni fa.
I risultati,circa uno dei più grandi cambiamenti ambientali degli ultimi 10.000 anni, sfidano le convinzioni del passato sulla base di prove nei sedimenti marini che un cambiamento molto più veloce abbia creato il più grande deserto caldo del mondo.”

Loading...

Sabbia

Si ritiene ci vogliono decine di migliaia, se non milioni di anni per le rocce venir esposte alle intemperie in sabbia.
La sabbia nel Sahara è una delle più antiche del pianeta, ma si ritiene sia esistita per sette milioni di anni.
Alcune delle dune di sabbia sono ricche di minerali di ferro.
Da dove viene la sabbia del Sahara?
Non esisteva 6000 anni fa.
Gli esperti propongono che vasti oceani di sabbia si siano formati in meno di 3.300 anni.
Questo è impossibile, perché la sabbia sahariana è una delle più antiche del pianeta.
Mettendo in questo contesto significa che un’area delle dimensioni degli Stati Uniti è stato coperto in un vasto mare di sabbia in quello che deve essere un batter d’occhio in termini geologici.
Questo non ha senso, perché il termine per la formazione della sabbia non lo permette secondo le teorie di consenso.
E ‘possibile la terra è stata coperta di detriti di una recente catastrofe cosmica? Potrebbero i detriti come massi di grandi dimensioni, rocce, pietre, sassi, polvere e sabbia che si ritiene essere indigeni alla Terra in realtà essere di origine extraterrestre?
Thornhill dice:”Quando hai un oggetto altamente caricato come una cometa che veniva verso la terra, prima che colpisca la terra ci sarà una scarica elettrica tra i due corpi e lo scarico di solito è di entità tale da distruggere l’oggetto in arrivo – così si finisce con una pioggia di sabbia e cose del genere.”
“I famosi fuochi di Chicago, dove è stata illuminata tutta quella zona degli Stati Uniti dagli strani incendi e dalle cadute di sabbia..questo si è verificato al momento della scomparsa della cometa di Biela.”
Innumerevoli tonnellate di rocce hanno bombardato l’atmosfera terrestre, nella frammentazione e scomposizione in finissimi granelli di sabbia.
Quando cadde sulla Terra copriva vaste aree un tempo rigogliose di terra verde e fertile trasformandolo in uno dei deserti aridi che vediamo oggi.
Questa sabbia si è formata da una cicatrice enorme sul paesaggio di qualche corpo celeste il che suggerisce che grandi sciami di detriti sono stati scagliati verso la Terra, e le enormi quantità di sabbia dimostrano la portata di questo bombardamento.
Velikovsky anche a 60 anni dalla sua morte sembra continuare a saperla più lunga di altri scienziati uniformisti.

Fonte: http://expianetadidio.blogspot.com/2012/03/il-deserto-del-saharaorigine-improvvisa.html

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.