loading...

Pianta sacra di Amore eterno e di guarigione: la mitologia e la magia del Basilico

Nella cucina mediterranea è il simbolo dell’estate e le sue origini si perdono nella notte dei tempi. Fragrante e delicato con il suo verde, riesce a stuzzicare i palati più esigenti:è il basilico. Il basilico (Ocimum Basilicus) è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, ed è facilmente riconoscibile per la forma delle sue foglie lanceolate che variano dal verde chiaro al verde intenso  e al viola di alcune varietà.

La pianta di basilico, Basilicus ocimum.

La pianta di basilico, Basilicus ocimum. ( CC0 )

Le superstizioni antiche che riguardano  il Basilico

Il nome deriva dal greco  “basilikos”, che significa “erba degna di un re”, come detto dal filosofo e botanico greco Teofrasto, nel 3 ° secolo aC. Il  Basilico ha  avuto origine in India ed è stato portato in Occidente dai mercanti di spezie; gli Egiziani, i Greci e i Romani erano già a conoscenza dei suoi sapori e delle sue proprietà curative.

I Greci e Romani credevano che, per  far crescere una piantina sana di basilico, fosse necessario seminare, accompagnando tale operazione con insulti e maledizioni. Ma a parlare  più seriamente  di questa erba aromatica è stato lo scrittore romano Lucio Giunio Moderato Columella, che spiega come il basilico sia  una pianta da seminare in abbondanza “dopo le idi di maggio fino al solstizio d’estate”. Tra i romani veniva considerata una pianta magica e sacra a Venere, come molte altre erbe aromatiche, e doveva essere raccolto  dopo precisi rituali.

Alcuni autori hanno sostenuto che non dovrebbe essere mai  reciso con strumenti di ferro perché il metallo annulla tutte le sue qualità. E ‘proprio vero, in effetti, se proviamo a tagliare le foglie di basilico con un coltello, a causa dell’ossidazione,diventano immediatamente nere, quindi, dovrebbe essere tagliato solo a mano.

Un dipinto di William Waterhouse, Giardino incantato

Un dipinto di William Waterhouse, Giardino incantato ( Pubblico dominio )

Un’erba per gli amanti

Il famoso naturalista romano Plinio era convinto che i semi del basilico, e non le foglie, fossero potenti afrodisiaci; in alcune zone, ancora oggi, gli agricoltori  lo fanno mangiare ad asini e cavalli durante il periodo riproduttivo per aumentare la loro forza sessuale.

In seguito, grazie a queste caratteristiche afrodisiache, è diventato il vero simbolo degli innamorati. Anche i Galli ritenevano il basilico una pianta sacra, tanto che le sue foglie venivano raccolte solo da coloro che avevano seguito un complesso rituale di purificazione. I Galli coltivavano il basilico in luglio / agosto fino a quando era in fiore. I mietitori di questa pianta sacra dovevano sottoporsi a rigorosi rituali di purificazione: dovevano lavare  la mano con cui raccogliere le piante nell’ acqua di tre diverse sorgenti,  dovevano indossare  abiti puliti, mantenersi a distanza dalle persone impure (per esempio, le donne durante le mestruazioni) e non utilizzare strumenti di metallo per tagliare i gambi. La santità del basilico è stata tenuta  in grande considerazione  anche dagli egiziani, che lo usavano per la preparazione di balsami adoperati nell’ imbalsamazione dei morti.

Viola volant basilico (Ocimum Basilicus) Huntington Gardens (Los Angeles).

Basilico viola (Ocimum Basilicus) Huntington Gardens (Los Angeles). ( CC BY-SA 3.0 )

Lacrime d’amore

Nel Medioevo, al fine di raccogliere il basilico, si doveva purificare la mano destra  in tre diverse sorgenti,poi si doveva  utilizzare un ramo di quercia e indossare vestiti di lino bianco. Nel Decamerone di Boccaccio troviamo una delle più strane storie d’amore che ha come protagonista la pianta del basilico. Boccaccio nella  V Novella, giornata IV, racconta la storia di Elisabetta da Messina che ha seppellito la testa del suo amato Lorenzo, barbaramente assassinato dai suoi fratelli gelosi, in un grande vaso di basilico, che ha innaffiato tutti i giorni con le lacrime.

Una scena del Decameron di Boccaccio.

Una scena del Decameron di Boccaccio. ( Pubblico dominio )

Nel Medioevo, inoltre, il basilico è stato utilizzato anche per gli  esorcismi e quindi per scacciare  i demoni dal posseduto, e si credeva che esso potesse compiere  miracoli in caso di peste e che potesse curare  la debolezza fisica dell’uomo. Nel Rinascimento le proprietà culinarie e terapeutiche del basilico sono state definitivamente riconosciute quando Cosimo de’ Medici lo ha  incluso  tra i profumi del ‘Giardino dei Semplici'(1545). Ma in tutto il mondo il basilico è noto soprattutto per il suo utilizzo nella preparazione della salsa più cotta sulla terra … il  pesto!

Bella Pasta del primo piano con spinaci, formaggio, olive, basilico e noci.

Primo piano di pasta con spinaci, formaggio, olive, basilico e noci. ( Valeria_aksakova / Freepik )

La storia del pesto

Storicamente il basilico è arrivato in Liguria tra la  seconda metà dell’XI e l’inizio del XII secolo e, in particolare ,a Genova seguendo le imprese del comandante genovese Guglielmo Embriaco, noto come Capo di Chainmail. Il capo  lo coltivava in  una delle sue galee  e ha  affidato  questo suo segreto al capitano Bartolomeo Decotto. Il capitano ha sperimentato  le caratteristiche terapeutiche del basilico, quando era in Palestina durante le crociate e al suo  ritorno a Genova portò con sè alcuni sacchi di semi.E così è nata una vera e propria  leggenda sul basilico. In un primo momento, le foglie di basilico sono state utilizzate solo come medicina, ma poi lavorando con il pestello per ottenere unguenti, è accaduto che qualcuno ha pensato bene di aggiungere l’olio d’oliva da utilizzare come crema per le irritazioni della pelle. Si dice che accidentalmente la crema  sia caduta sul pane e così è nato … il pesto!.

Leggende e superstizioni hanno sempre accompagnato la storia delle spezie e delle erbe aromatiche.Una di queste leggende, dice che alcuni inglesi che vivevano in India si aggiravano regolarmente con una collana di legno e   basilico per neutralizzare gli impulsi elettrici, tenere lontano il fulmine, come sostiene la religione indù. Nello stesso periodo, ma solo nelle eclissi, il basilico è stato mangiato e messo in riserve idriche per evitare la contaminazione.

La devozione alla pianta tulsi, basilico; Un asceta signora, 1800, Rajasthan.

La devozione alla pianta tulsi, basilico; Un asceta signora, 1800, Rajasthan. ( Freepik.com )

 

In molti si sono chiesti se  il basilico è in realtà una pianta ‘magica’ o no, ma sappiamo,ad esempio,  che Napoleone l’ ha utilizzato per le sua capacità di stimolare la concentrazione intellettuale.Napoleone , infatti, era convinto che il suo profumo lo avrebbe aiutato a preparare i piani per manovrare gli eserciti. E la storia non è leggenda …

Dr Massimo Bonasorte è il fondatore ed editore della rivista Veritas Arcana .

Immagine anteprima: Gambo di basilico. ( Kevin Faccenda / flickr )

Fonte: www.ancient-origins.net 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *