Il Campo Magnetico Più Potente dell’Universo è sulla Terra: Un’Analisi del RHIC

campo magnetico più potente,Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC

Sembra assurdo, ma esiste un luogo nell’universo dove la materia si distorce in modo così estremo da generare forze magnetiche di una potenza inimmaginabile. Questi sono astri, noti come magnetar, ovvero i nuclei compatti di stelle neutroni che concentrano campi magnetici fino a raggiungere la strabiliante intensità di circa 100 trilioni di gauss. Eppure, sorprendentemente, potrebbero esistere zone proprio qui sulla Terra dove piccole sacche di magnetismo sfiorano intensità che superano di gran lunga quelle di questi astri.

Il Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC)

Il Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC) è un acceleratore di particelle situato presso il Brookhaven National Laboratory nel Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. Questo laboratorio è rinomato per le sue ricerche all’avanguardia nel campo della fisica delle particelle.

Recentemente, il RHIC ha condotto una serie di esperimenti che hanno portato alla scoperta di tracce di campi magnetici di intensità record. Questi campi magnetici non sono stati generati in modo artificiale, ma sono stati rilevati come risultato della collisione di nuclei di ioni pesanti.

Durante questi esperimenti, i nuclei di ioni pesanti vengono accelerati a velocità vicine a quella della luce e poi fatti collidere tra loro. Queste collisioni generano una quantità enorme di energia, che a sua volta produce un plasma di quark e gluoni – lo stato della materia che si pensa esistesse nell’universo subito dopo il Big Bang.

È in questo plasma di quark e gluoni che sono state rilevate le tracce dei campi magnetici record. Questi campi magnetici sono impressi sul materiale espulso dalla collisione, e la loro esistenza offre una nuova comprensione delle forze all’opera nel profondo degli atomi.

Questi risultati rappresentano un passo importante nella nostra comprensione della struttura della materia e delle forze fondamentali dell’universo. Inoltre, aprono nuove possibilità per la ricerca futura, poiché i fisici continuano a studiare le proprietà e il comportamento del plasma di quark e gluoni.

Potresti leggere anche: 

Astronomo dice che la Terra potrebbe essere schiacciata sino alle dimensioni di un campo da calcio con gli esperimenti con acceleratore di particelle

La Prima Misurazione

La misurazione dei detriti di particelle di quark e gluoni liberati dagli scontri eccentrici ha rappresentato un passo fondamentale nella ricerca condotta al RHIC. Queste particelle, che sono i costituenti fondamentali della materia, sono state liberate in quantità enormi durante le collisioni di nuclei di ioni pesanti.

Diyu Shen, un fisico della collaborazione STAR al RHIC, ha affermato che questa è stata la “prima misurazione di come il campo magnetico interagisce con il plasma di quark-gluoni”. Questa affermazione sottolinea l’importanza di queste misurazioni nel fornire nuove comprensioni sulle forze all’opera nel profondo degli atomi.

Il plasma di quark-gluoni è uno stato della materia che si pensa esistesse nell’universo subito dopo il Big Bang. È estremamente denso e caldo, e le sue proprietà sono molto diverse da quelle della materia che vediamo attorno a noi oggi. Capire come il campo magnetico interagisce con questo plasma può aiutare i fisici a comprendere meglio le leggi fondamentali dell’universo.

Inoltre, queste misurazioni possono avere implicazioni significative per la nostra comprensione della struttura della materia e delle forze fondamentali che governano l’universo. Potrebbero anche aprire nuove strade per la ricerca futura, poiché i fisici continuano a studiare le proprietà e il comportamento del plasma di quark e gluoni.

Quark e Antiquark

quark sono particelle elementari che costituiscono la materia. Sono estremamente piccoli e non possono essere osservati direttamente a causa del principio di confinamento dei colori. Questo principio afferma che i quark non possono esistere da soli, ma solo in combinazioni che formano particelle più grandi come i protoni e i neutroni.

Gli antiquark sono le controparti antimateria dei quark. Hanno cariche opposte ai quark corrispondenti, ma condividono le stesse proprietà di massa.

I quark e gli antiquark interagiscono tra loro attraverso una delle quattro forze fondamentali della fisica, la forza nucleare forte. Questa interazione è mediata da particelle chiamate gluoni. I gluoni agiscono come collante, tenendo insieme i quark e gli antiquark nei protoni e nei neutroni.

Le tempeste quantistiche a cui fai riferimento sono eventi in cui coppie di quark e antiquark possono apparire e scomparire. Questo fenomeno è noto come fluttuazione del vuoto quantistico. È un aspetto fondamentale della meccanica quantistica e contribuisce alla comprensione della struttura della materia.

Studiare come i quark e gli antiquark si muovono e interagiscono all’interno delle particelle nucleari è fondamentale per la fisica delle particelle. Questa ricerca può aiutare a rispondere a domande fondamentali sulla natura dell’universo e sulla struttura della materia.

Il Campo Magnetico Più Forte del Nostro Universo

Il campo magnetico a cui fai riferimento è generato da cariche positive in rapido movimento. Queste cariche possono essere, ad esempio, protoni o ioni pesanti che si muovono ad alta velocità. Quando queste particelle cariche si muovono, creano un campo magnetico intorno a loro. Questo è un principio fondamentale dell’elettromagnetismo.

Il valore di 10^18 gauss menzionato è estremamente alto. Per dare un contesto, il campo magnetico terrestre che ci protegge dalle radiazioni solari ha un’intensità di circa 0.5 gauss. Un magnete per frigorifero ha un campo magnetico di circa 100 gauss. Un campo magnetico di 10^18 gauss è quindi miliardi e miliardi di volte più forte.

Il fisico della STAR Gang Wang afferma che questo è probabilmente il campo magnetico più forte del nostro Universo. Questo perché non conosciamo ancora nessun altro fenomeno naturale o artificiale che possa generare un campo magnetico di tale intensità. Tuttavia, la ricerca in questo campo è in continua evoluzione e potrebbero esserci scoperte future che potrebbero sfidare questa affermazione.

Studiare questi campi magnetici estremamente forti può avere molte applicazioni, dalla fisica delle particelle alla astrofisica, e può aiutare a rispondere a domande fondamentali sulla natura dell’universo.

Conclusione

Questo renderebbe queste esplosioni di magnetismo 10.000 volte più forti del magnetar più potente e 10 quadrilioni di volte più forti dei 100 gauss di un tipico magnete da frigorifero. Dove i magnetar potrebbero emanare i loro turbinii magnetici per decine di migliaia di anni, queste esplosioni di magnetismo indotte dai protoni durerebbero solo un decimo di milionesimo di miliardesimo di miliardesimo di secondo, rendendo impossibile qualsiasi visuale diretta del campo stesso.

Redazione

Potresti leggere anche:

Un fenomeno che sfida ogni legge della fisica osservato al CERN

 Seguici su Telegram Instagram Facebook | Pinterest | x