UFO, il Pentagono pubblica il rapporto: 143 avvistamenti inspiegabili, non esclusa tecnologia aliena

L’attesissimo rapporto dell’intelligence americana sugli UFO è stato finalmente pubblicato. Gli addetti della Task Force UAP del Pentagono sono giunti alla conclusione che non ci sono prove sufficienti per spiegare la natura (e le intenzioni) di 143 oggetti non identificati sui 144 analizzati. Non si esclude la tecnologia aliena, così come la possibilità che possa trattarsi di avanzatissimi droni spia di potenze straniere

Loading...

A sei mesi dall’annuncio, l’intelligence americana ha finalmente pubblicato l’attesissimo rapporto sugli UFO – o meglio, sui fenomeni aerei non identificati (UAP) – che negli ultimi anni si stanno manifestando con insistenza nei cieli degli Stati Uniti. Il documento, consultabile in PDF cliccando sul seguente link, è stato redatto in stretta collaborazione tra l’ufficio del Direttore Nazionale dell’Intelligence e il Segretario della Difesa, su richiesta del Senato alla fine di dicembre del 2020. Il numero e le peculiarità di questi avvistamenti, immortalati soprattutto da militari della Marina, hanno infatti resa necessaria un’indagine approfondita da parte di una squadra dedicata, la Task Force UAP del Dipartimento della Difesa che abbraccia vari dipartimenti. Il rapporto (non classificato) è stato consegnato il 25 giugno nelle mani del Congresso e reso pubblico.

Credit: Dipartimento della difesa/TTSA
in foto: Credit: Dipartimento della difesa/TTSA

Ciò che è certo è che questi oggetti sono solidi, reali, e non artefatti della strumentazione di bordo come avevano ipotizzato alcuni scettici alla diffusione dei video. “Crediamo assolutamente che ciò che stiamo vedendo non siano semplicemente artefatti dei sensori. Questi sono oggetti che esistono fisicamente”, ha affermato il funzionario del governo americano. Del resto, fra i 143 fenomeni inspiegabili, 80 sono stati registrati da più strumenti, facendo cadere l’ipotesi che possa trattarsi di un’anomalia elettronica. Per 11 è stata persino segnalata dai piloti la collisione aerea sfiorata. A rendere così criptica la natura di questi oggetti volanti vi è anche “la quantità limitata di rapporti di alta qualità” sugli avvistamenti, si spiega nel rapporto dell’intelligence americana, pertanto c’è ancora molto lavoro da fare per comprendere cosa sono, come sono costruiti e soprattutto quali sono le loro intenzioni.

Come affermato dal segretario stampa del Pentagono John Kirby in una dichiarazione, queste incursioni aeree “nei nostri campi di addestramento e nello spazio aereo designato pongono problemi di sicurezza del volo e delle operazioni e possono porre sfide alla sicurezza nazionale”. “Il Dipartimento della Difesa prende molto sul serio le segnalazioni di incursioni – da qualsiasi oggetto aereo, identificato o non identificato – e indaga su ciascuna di esse”, ha aggiunto Kirby, sottolineando che il rapporto appena rilasciato evidenzia l’importanza di apportare miglioramenti a processi, politiche, tecnologie e formazione per aumentare la capacità degli Stati Uniti di comprendere gli UAP. Ciò che preoccupa particolarmente il governo degli Stati Uniti non è un’improbabile invasione aliena, quanto la conquista di tecnologie definite “dirompenti e rivoluzionarie” da parte di potenze straniere, in particolar modo su sistemi di propulsioni ipersonici, che surclasserebbero anche quelle sperimentali disponibili nei laboratori USA.

“Per anni, gli uomini e le donne cui ci affidiamo per difendere il nostro Paese hanno riportato incontri con aerei non identificati che avevano capacità superiori, e per anni le loro preoccupazioni sono state spesso ignorate e ridicolizzate”, ha dichiarato il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio, vicepresidente del Senato e tra i primi a richiedere con forza la redazione di un rapporto non classificato sugli UAP. “Questo rapporto è un primo passo importante nella catalogazione di questi incidenti, ma è solo un primo passo. Il Dipartimento della Difesa e la comunità dell’intelligence hanno molto lavoro da fare prima di poter effettivamente capire se queste minacce aeree rappresentano un serio problema per la sicurezza nazionale”, ha aggiunto Rubio.

L’UFO in grado di immergersi. Credit: Jeremy Corbell/Youtube
in foto: L’UFO in grado di immergersi. Credit: Jeremy Corbell/Youtube

Il fatto che gli UAP siano stati rilevati soprattutto attorno a unità militari e durante missioni di addestramento, d’altro canto, non preoccupa troppo gli investigatori; le intercettazioni, infatti, potrebbero essere semplicemente legate alla maggiore concentrazione di sensori di ultimissima generazione proprio in quelle aree. Gli UAP, in pratica, potrebbero palesarsi anche lontani dalle forze armate, ma non vengono rilevati per mancanza di tecnologia idonea. Le indagini, dunque, dovranno proseguire ed essere approfondite per capire esattamente con che cosa e con chi si ha a che fare.

Andrea Centini

Fonte: hscienze.fanpage.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...